Fallimento Mens Sana Basket, a rischio quattro scudetti?

Fallimento Mens Sana Basket, a rischio quattro scudetti?

E’ di ieri l’ultimo, importante sviluppo nelle indagini relative al Fallimento della Mens Sana Basket Siena. Deferiti al Tiribunale Federale l’ex presidente ed ex gm bianco-verde Ferdinando Minucci, insieme agli ex dirigenti Olga Finetti, Cesare Lazzeroni, Paola Serpi, Luca Anselmi e Jacopo Menghetti, la Gazzetta dello Sport di questa mattina mette a fuoco i termini di una questione che sembra ormai alla resa dei conti.

Commenta per primo!

E’ di ieri l’ultimo, importante sviluppo nelle indagini relative al Fallimento della Mens Sana Basket Siena. Deferiti al Tiribunale Federale l’ex presidente ed ex gm bianco-verde Ferdinando Minucci, insieme agli ex dirigenti Olga Finetti, Cesare Lazzeroni, Paola Serpi, Luca Anselmi e Jacopo Menghetti, la Gazzetta dello Sport di questa mattina mette a fuoco i termini di una questione che sembra ormai alla resa dei conti. La Procura incrimina gli interessati in base all’articolo 59 del Regolamento di Giustizia, per il reato di «frode sportiva» connesso ai commi 1 bis («assicurare a un tesserato un illecito vantaggio», con inibizione da tre a cinque anni) e 3 («nei casi di frode sportiva di particolare gravità può essere applicata la radiazione »). Un possibile scudo è rappresentato dal fatto che oggi gli interessati non sono più tesserati, nel frattempo però è stato deferito anche il curatore fallimentare della società Marco Lombardi, per responsabilità oggettiva, con riferimento all’articolo 61 dello stesso RG. Se fosse seguito alla lettera, tutti i trofei ottenuti per effetto della frode potrebbero essere revocati: si tratta in ogni caso del massimo della pena, con una sanzione che riguarderebbe gli ultimi quattro scudetti e altri trofei dal 2009/10 in poi, anche se sarà il dibattimento a stabilire con precisioni gli anni in cui l’illecito è stato effettivamente commesso, attraverso la falsificazione delle scritture contabili nei bilanci, anche per pagare in nero dei tesserati.

In parallelo, sul fronte della giustizia ordinaria, si attendono ancora le richieste di rinvio a giudizio dopo l’avviso di conclusione indagini del 18 marzo per 14 persone, nell’ambito dell’inchiesta ‘Time Out’ condotta dalla Procura di Siena sulla Mens Sana Basket fallita nel luglio 2014. Sono 33 in totale i capi d’imputazione contestati a vario titolo e in concorso che vanno dall’associazione a delinquere al riciclaggio e alla ricettazione passando per numerosi reati tributari tra i quali frode fiscale, bancarotta fraudolenta, emissione di fatture per operazioni inesistenti ma anche omessa denuncia, false comunicazioni sociali e ricorso abusivo al credito. Le indagini coordinate dal Pm Antonino Nastasi e condotte dal 2012 dalla Gdf avrebbero accertato una condotta criminosa attraverso la collaborazione tra la plurititolata società di basket senese e le società Essedue Promotion e Brand Management di Rimini e la Best Solution di Siena che avrebbero messo in piedi un complesso meccanismo fraudolento che consentiva, attraverso il pagamento in nero anche su conti esteri e false fatturazioni, di remunerae i giocatori, alterare i bilanci e trarre profitto personale.

Gli indagati per associazione per delinquere sono Ferdinando Minucci, il titolare della Essedue Promotion Stefano Sammarini, e il socio Nicola Lombardini, l’ex segretaria generale della Mens Sana Basket Olga Finetti, l’ex direttore sportivo della Mens Sana Basket Jacopo Menghetti, il commercialista della Essedue Promotion Alessandro Terenzi. A loro sono contestati anche altri reati insieme a Federica Minucci, figlia dell’ex presidente della Mens Sana Basket e socia della Best Solution; Pierluigi Zagni, legale rappresentante della Best Solution; Alberto Galluzzi, legale rappresentante della Columbus Value; Cesare Lazzeroni, ex presidente della Mens Sana Basket; Paola Serpi, ex vicepresidente della Mens Sana Basket; Luca Anselmi, ex amministratore delegato della Mens Sana Basket. All’ex moglie di Minucci, Rosanna Mereu, sono contestati i reati di favoreggiamento e riciclaggio. Al vicedirettore de Il Corriere dell’Umbria e Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi è invece contestato il reato di ricettazione; la stessa accusa è invece caduta in prescrizione per altre persone inizialmente coinvolte nelle indagini. Dall’inchiesta sono usciti l’ex ct della Mens Sana Basket Simone Pianigiani e 17 giocatori che, secondo l’accusa, avrebbero evaso il fisco tramite pagamenti a nero. Di loro si occupa la Procura federale della Fip.

L’indagine, seppur avviata nel 2012, ha puntato la lente nella gestione della Mens Sana Basket dal 2007 fino al fallimento nel 2014 per stato d’insolvenza «conclamato e irreversibile». Nel maggio di due anni fa portò all’arresto di Ferdinando Minucci e di altre 3 persone oltre che al sequestro di beni e denaro per oltre 13 milioni di euro che, tutt’oggi, sono sotto sequestro. Con il passare del tempo il numero degli indagati è cresciuto vertiginosamente anche se molti di loro sono stati esclusi dal fascicolo. Altrettanto numerosi gli interrogatori condotti che avrebbero permesso alla Magistratura di fare quadrato sulla condotta criminosa. Il fascicolo conta oggi 19 faldoni che corrispondono a circa 20mila pagine colme di testimonianze e intercettazioni telefoniche e ambientali.

Secondo l’accusa nell’associazione a delinquere Minucci e Sammarini hanno avuto «la qualifica di capi e promotori, avendo ideato e costituito l’associazione, gestito gli affari della medesima, dato ordini agli associati, amministrato rispettivamente la Mens Sana Basket e la Essedue Promotion seguendone le diverse operazioni economiche, stabilendo la suddivisione delle provviste create grazie alle fatturazioni per operazioni inesistenti».

Un filone delle indagini riguarda i reati ai danni della società che avrebbe prodotto arricchimento personale, «agendo in modo concretamente idoneo da indurre in errore i soci della Mens Sana Basket, la Fip e i creditori, sulla reale situazione economico patrimoniale della medesima società» e «concorrevano a cagionare e aggravare il dissesto della Mens Sana Basket il cui indebitamento passava da 1.406.859 euro al 30 giugno 2011 a 6.038.408 euro al 30 giugno 2013 con contestuale riduzione del patrimonio netto che passava da 624.227 euro al 30 giugno 2011 ad un valore negativo -4.520.898 euro al 30 giugno 2013».

Per ciò che concerne il ricorso abusivo al credito banca Mps risulta parte offesa dopo il finanziamento di 8 milioni di euro nel 2012. Secondo l’accusa la Mens Sana Basket e la Brand Management «ponevano in essere una complessa operazione contrattuale diretta a far ottenere alla Mens Sana Basket finanziamenti non altrimenti ottenibili, in quanto fondati su un acquisto del marchio da parte di Brand Management con risorse acquisite attraverso il finanziamento ottenuto da Banca Mps».

Spicca poi il ruolo dell’ex moglie di Minucci, Rosanna Mereu, unica indagata per favoreggiamento e riciclaggio. A lei viene contestato il fatto che avrebbe aiutato l’ex marito e Olga Finetti «ad eludere le investigazioni dell’autorità giudiziaria chiamando prima della perquisizione effettuata dalla Gdf, il sistemista dicendogli che doveva essere effettuata una pulizia sui computer presenti presso la sede della società ed eliminando dagli stessi pc files formato excel contenenti un budget squadra e delle mail». La signora Mereu, inoltre, avrebbe creato «provviste in nero nascondendo 1.232.600 euro in contanti all’interno di cassette di sicurezza a lei intesta e aperte in una filale Mps, compiendo operazioni tali da ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa del denaro».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy