Gerasimenko tra presente e futuro. Cantù saluta Abass e il giovane Zugno

Le parole del patron Gerasimenko

Mattinata di conferenza stampa per il numero uno della Pallacanestro Cantù Gerasimenko. Con lui il vice presidente Andrea Mauri. “Penso sia giusto tirare le somme e fare un po’ il punto della situazione riguardo il presente e il futuro della squadra”, ha esordito il patron canturino. “A Cantù mi sento a mio agio, non sento tutta questa pressione da parte dei tifosi nei miei confronti”

IL VECCHIO ROSTER– “Riguardo Jajuan Johnson ha un’opzione per continuare a giocare con il Volgograd. E’ un giocatore che ha bisogno di un determinato tipo di playmaker per esser messo in condizione di rendere al meglio. Se e quando si troverà questo giocatore, allora si potrà pensare di riportarlo in Italia.”

IL MERCATO – “Nella mia vita da presidente non ho mai comprato giocatori a Maggio o Giugno. Quella è una cosa che fanno i club pieni di soldi. Posso dare due conferme per quanto riguarda il presente: Abass giocherà a Milano, gli abbiamo fatto un’offerta ma ha preferito fare una scelta differente. Spero che quando tornerà al Pianella sarà accolto solo con degli applausi. Aggiungo il fatto che Zugno non sarà più un componente della squadra: ci ha comunicato tramite la sua agenzia di voler andare a giocare in A2 per poter aver maggior minutaggio”. Riguardo alla squadra che vorrà costruire: “Il mio punto di vista riguardo il basket è trovare giocatori con il giusto atteggiamento, poi sarà compito del coach dargli un’identità tattica. Il mio lavoro è quello di gestire il club e comprare giocatori.”

IL BUDGET“Sarà sicuramente un budget da playoff. Noi non giochiamo con i numeri, ma con dei nomi. Potrei dirvi 1 milione o 3 milioni, ma non è questo il giusto concetto. Con il Red October abbiamo speso 1.8 milione e abbiamo disputato anche l’Eurocup, mentre il Khimki spendendo molto di più non ha vinto nulla.”

Il PIANELLA- “Spero di diventare il prima possibile proprietario della struttura. Quando avremo notizie ufficiali a riguardo lo comunicheremo subito.”

IL NUOVO ALLENATORE– “E’ troppo presto per dire qualcosa. Dipenderà molto se faremo o meno una competizione europea. Non sono solo i soldi a decretare una scelta, ma anche in base a ciò che una società farà l’anno seguente. Una volta che sarà tutto definito, verrà scelto anche l’allenatore. Brienza? Ha un contratto con noi fino al 30 Giugno, ma attualmente non possiamo prendere decisioni.”

SPONSOR– “Abbiamo diversi contatti in atto, ma anche su questo punto si saprà maggiormente qualcosa dopo il 30 Giugno”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy