I più e i meno dei quarti di finale play-off

I più e i meno dei quarti di finale play-off

Commenta per primo!

Montepaschi Siena + La squadra di Coach Pianigiani raggiunge le semifinali superando per 3-1 la Virtus Bologna,  in gara 1 e in gara 4 la squadra mensanina è stata una macchina perfetta che ha stritolato i bolognesi.

Montepaschi Siena – Quando Pianigiani dice che la sua squadra ha bisogno di lavorare, perché non è la macchina super collaudata delle scorse stagioni per via dei tanti cambiamenti nel roster ha perfettamente ragione. Siena resta sempre la favorita numero uno al campionato, ma la Siena così in difficoltà nella gara 2 e nella gara 3, poi persa ,non eravamo abituati a vederla nei play-off. Sarà stato solo il caso o il sintomo di qualche malattia?

Bennet Cantù + L’unica formazione che in questi quarti ha avuto bisogno di solo tre partite per mandare a casa i propri avversari. Neanche le difficoltà ambientali di un derby con Varese, che potevano costituire un problema ai canturini, sono stati d’intralcio. Inoltre coach Trincheri ha potuto fare affidamento in gara 3 dell’ultimo arrivato Scekic, un’aggiunta nel roster importante visto che si gioca ogni due giorni.

Bennet Cantù – L’unica ombra per i canturini è stata la contestata gara 2 da parte varesina, dove la vittoria di Cantù è arrivata per il rotto della cuffia.

Armani Jeans Milano + Le cose migliori nella serie la squadra di Peterson le ha fatte vedere nelle due gare di Sassari, trascinata da un immenso Hawkins,scrollandosi di dosso le paure delle prime due gare casalinghe.

Armani Jeans Milano – Nelle prime due gare in quel del Forum  Milano è stata irriconoscibile rispetto all’ultimo mese di campionato, ha perso gara 1 al fotofinish e in gara 2 si è salvata perché, probabilmente, Sassari non ha creduto in pieno alle proprie possibilità di vittoria.

Benetton Treviso + Alzi la mano chi avrebbe scommesso un centesimo alla fine del girone d’andata che la giovane Treviso, fuori dalle final eight di coppa Italia, sarebbe arrivata in semifinale. Treviso lo fa mettendo in vetrina i suoi gioielli Motiejunas e Gentile, il primo pronto per una chiamata in Nba il secondo per una carriera da protagonista del basket italiano e della nazionale.

Benetton Treviso –Proprio i suoi giovani possono essere la delizia, ma anche la croce, da esempio vedere gara 2 del lituano  e gara 3 di Gentile. Ciò è plausibile visto la giovinezza dei due, ma questi alti e bassi sono il limite che Treviso deve superare.

Air Avellino + L’essere arrivati ai quarti di finale dei play-off per Avellino visto i travagli stagionali è stato già un successo, ma Avellino ha onorato la sua stagione stringendo i denti fino agli ultimi secondi di gara 4 nonostante l’eliminazione.

Air Avellino – L’unica pecca per i lupi avellinesi resta il finale di gara 1, dove,  probabilmente, si sarebbe potuto fare qualcosa di meglio, e con quella vittoria la serie avrebbe preso una direzione diversa.

Dinamo Sassari + Vale lo stesso discorso di Avellino, il traguardo della post season è già stato un successo enorme. Inoltre la Dinamo si è tolta lo sfizio di vincere a Milano, e di far temere il peggio alla più quotata avversaria fino alla fine del terzo quarto in gara 3.

Dinamo Sassari – Le scarse rotazioni a disposizione di Sacchetti, sono state un pesante dazio da pagare per Sassari apparsa in piena riserva di energie già nella seconda parte di gara 3.

Cimberio Varese + Non per essere troppo ripetitivi con la solita cantilena, ma per Varese l’ingresso ai play-off ad inizio stagione era difficilmente pronosticabile, quindi esserci arrivati è stato di per sé un ottimo risultato. La migliore gara della serie è stata la seconda, e vincendo quella qualcosa sarebbe potuto cambiare, anche, se Cantù si è dimostrata nel complesso molto superiore.

Cimberio Varese – La squadra di coach Recalcati è arrivata a questi play-off troppo incerottata , con troppi giocatori non al meglio fisicamente e la serie è stata da subito in salita.

Canadian Solar Bologna +L’essere riusciti a battere Siena in gara 3, contro una squadra che per due anni consecutivi non ha perso partite nel post season, è già un motivo di grande vanto, ma soprattutto l’atteggiamento messo in campo dai bolognesi dopo la sciagurata gara 1 è da apprezzare.

Canadian Solar Bologna- Il gruppo bolognese, anche, quest’anno si è dimostrato poco coeso, a dimostrazione di ciò: il caso Amoroso prima dei play-off e l’esclusione di Winston dopo gara 1.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy