La Mimi’s Napoli vince 67-61 con la Stella Azzurra Roma ma che battaglia…

La Mimi’s Napoli vince 67-61 con la Stella Azzurra Roma ma che battaglia…

Commenta per primo!

MIMI’S NAPOLI BASKET-STELLA AZZURRA ROMA 67-61

(19-14 ;35-33;51-50)

Napoli: Spera, Iannone 7, Martino 2, Serino 12, Villani 18, Berti 5, Giovanatto 11, Sabbatino 5, Fall 4, Parrillo 3. All.Di Lorenzo

Stella Azzurra Roma: Da Campo 4, Nikolic L. 5, Radonjic 13, Antonaci , Nikolic S.10 , Ulaneo 4, Babacar, Guariglia 6, Vitale 9, Trapani 10. All. D’Arcangeli.

La Mimi’s Napoli seconda del girone C a quota 28 punti ospita i romani della Stella Azzurra attualmente piazzati nella zona media della classifica a 14 punti, a sole due lunghezze di distanza dai cugini della Luiss Roma a 12.

QUINTETTI INIZIALI: MIMI’S NAPOLI: Serino; Villani; Berti; Giovanatto; Parrillo;

STELLA AZZURRA ROMA: Da Campo; Stefan Nikolic; Radonjic; Babacar; Guariglia;

PRIMO QUARTO

Il primo possesso è della Stella Azzurra che pressa subito Napoli e segna i primi punti del match. I padroni di casa subiscono l’avvio lampo dei romani ma poi con Villani alzano immediatamente la testa (2-4). Continua il pressing asfissiante da parte della squadra ospite ma la retroguardia napoletana non si fa più sorprendere e con Giovanatto piazzano la prima tripla del match. Da Campo per la Stella accende il match e penetra in solitaria verso il canestro portando a casa punti anche se dall’altro lato Napoli con Serino va ad allungare immediatamente le distanze (11-6). Stella Azzurra ancora imprevedibile e su una rimessa offensiva riesce a mandare a vuoto l’intera difesa napoletana facendo andare in score Trapani. Parlino intanto per Napoli continua a sprecare da 3 dove realizza 0/3 a 3’27’’ al termine del primo periodo di gioco. Entrano Fall e Iannone e cambia la musica sotto il canestro partenopeo dove gli ospiti non riescono più a incidere e con Giovanatto sull’altro fronte Napoli ritenta la fuga (15-10). Stefan Nikolic non ci sta e realizza in 2 punti un rimbalzo offensivo ma c’è subito Fall sul fronte opposto che guadagna due liberi e li concretizza in punti. Allo scadere del quarto Giovanatto onfire mandando a vuoto la difesa romana e segnando da 2 anche se Nikolic per la Stella Azzurra attacca il canestro e va a schiacciare. 19-14 Napoli a fine quarto.

SECONDO QUARTO

Il possesso è dei laziali che non mollano la pressione e mandano ancora a canestro Nikolic mentre Giovanatto e Iannone non riescono ancora a concretizzare da 3. Nikolic ancora implacabile in attacco dove accetta la sfida con Iannone e ne guadagna ancora una volta una rimessa offensiva mentre Parrillo sul fronte opposto ha ancora il polso freddo e fa 0/4 da 3. Vitale per la Stella Azzurra appoggia a tabellone sorprendendo Fall che viene sostituito subito dopo per Villani. Stefan Nikolic si dimostra sempre il pericolo numero 1 per la Mimi’s che però con una ripartenza fulminea riesce a far male i romani con Sabbatino (24-20). Napoli inizia a carburare nella manovra offensiva mandando allo sbaraglio la retroguardia romana con un triangolo firmato Parrillo-Villani-Martino con quest’ultimo che però non realizza da 3 e permette la ripartenza della Stella che va subito al tabellone con Trapani (28-28). La Mimi’s finalmente si sveglia da 3 e va a segno con Iannone e a 42’’ dal termine del secondo quarto trova il +5 con Villani che segna in caduta. Si conclude il secondo quarto con i padroni di casa che conducono per 35-33 contro un’inaspettata battagliera Stella Azzurra Roma.

Quintetti nella ripresa: MIMI’S NAPOLI: Spera; Iannone; Villani; Berti; Giovanatto;

STELLA AZZURRA ROMA: Da Campo; L. Nikolic; Radonjic; Babacar; Guariglia;

TERZO QUARTO

Stella Azzurra riparte a razzo e sorpassa anche i padroni di casa nel punteggio con Lazar Nikolic anche se il vantaggio è solo momentaneo siccome Iannone piazza una tripla dall’angolo ed è solo retina (38-36). La Stella Azzurra non è il massimo della precisione nella manovra offensiva e allo stesso tempo Napoli non è abbastanza brillante per poter sorprendere gli ospiti tanto da regalargli il possesso con una sciocca infrazione di passi da parte di Spera. La partita si incattivisce con Villani che prima commette e poi subisce fallo e la panchina di Roma chiama il primo timeout del terzo periodo di gioco. Villani ancora da gladiatore sotto canestro lascia il posto a Parrillo mentre da rimessa la retroguardia dei laziali si dimentica completamente di Giovanatto che appoggia a canestro. Simone Berti senza dubbio non in serata regala palla ingenuamente alla Stella che accorcia a -1 (42-41). Davide Serino prende il posto di Spera commettendo subito fallo e mandando in lunetta Lazar Nikolic per il momentaneo sorpasso romano. Partita che diventa punto a punto a 3’18’’ dal termine del terzo quarto dove i due team sul pari 43 si stanno aggrappando alle giocate dei singoli in cerca di disperati falli sotto canestro da valorizzare in liberi e dove in questo frangente il gioco di squadra è praticamente inesistente da ambo le parti. Napoli sopra di una sola lunghezza ad una manciata di secondi dal termine ma Serino commette il quarto fallo personale e lascia il posto a Giovanatto mentre in lunetta ci va Ulaneo, 1/2 e 48-48. Parlino si sveglia un po’ troppo tardi da 3 e realizza i primi punti della sua serata ed il terzo quarto si conclude con ancora Ulaneo ai liberi facendo 2/2 ma conducono ancora i padroni di casa per 51-50.

QUARTO QUARTO

L’ultimo quarto si apre con una giocata di Fall che appoggia a canestro e, dopo il fallo in attacco di Lazar Nikolic, Napoli non riesce a tirare nei 24’’ e concede il canestro ai romani. Il tandem Giovanatto-Villani non è prolifico in attacco ma la difesa partenopea gira bene con Fall che si stende e recupera palla ma Napoli non approfitta. Parecchi errori da una parte e dall’altra e alla fine ne esce vincente Simone Berti con una tripla fatale sulla sirena dei 24’’ per il +7 Napoli a 5’37’’ dal termine (59-52). Gli animi si scaldano e Villani riesce ad andare a segno per il momentaneo +9 Napoli anche se Radonjic piazza una tripla che zittisce il palazzetto, +6 Napoli. La Stella Azzurra inizia a sentire la pressione e rischia di fare un mezzo pasticcio in fase di impostazione e subito dopo i partenopei si fanno sentire con Fall che attacca il ferro e si guadagna la lunetta, 0/2. Guariglia per i romani commette il 5° fallo personale e conclude il suo match con 6 punti realizzati lasciando il posto a Babacar e intanto c’è traffico sotto il canestro napoletano dove i padroni di casa sono costretti al fallo con Sabbatino e chiamano il timeout sul costante +6 a 1’55’’ dalla fine. Tripla incredibile da parte di Vitale per Roma ma Simone Berti si guadagna un’importantissima rimessa in attacco che però non è proficua. Roma non riesce a realizzare in fase offensiva e regala la rimessa a Napoli che guadagna un fallo di Tabaccar che manda in lunetta Sabbatino, 1/2. Bolgia al PalaBarbuto che distrae la corazzata della Stella Azzurra e Sabbatino nuovamente in lunetta fa 2/2, timeout Roma con la Mimi’s che conduce 64-58 a 22’’ dal termine. Tripla pazzesca ancora di Nikolic e finale thriller ad Agnano con Napoli sopra di sole 3 lunghezze di distacco ed è timeout biancoazzurro. Villani si guadagna i liberi e son 2/2 e sulla ripartenza romana c’è un airball di Vitale che sancisce di fatto la vittoria napoletana con ancora Villani in lunetta, 2/2 e si conclude il match con Napoli che vince 67-61 contro un’ottima Stella Azzurra Roma.

Di Lorenzo nel post gara: “Questo di oggi era un test difficile per Napoli siccome affrontavamo una squadra che era basata sulle grosse risorse di energia messe in campo dai giovani (anche classe ’99) e che ci hanno dato fastidio sul punto di vista tattico facendo saltare tutto il sistema di post basso e pick ’n roll e mettendo anche cattiveria sul piano fisico. Partita vinta in difesa siccome la fase offensiva non è stata efficace come le altre volte con Parrillo inaspettatamente anche con un parziale di 0/6 e con 2/13 di triple dal campo nei primi due quarti. E’ stata una vittoria di sforzo fisico e mentale”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy