La Pallacanestro Reggiana tra presente e futuro

La Pallacanestro Reggiana tra presente e futuro

Conferenza stampa della presidente Ferrarini e dell’AD Della Salda sulla nuova stagione e sui progetti futuri.

Commenta per primo!

Ad un mese dalla conclusione ufficiale della stagione 2015/16 della Pallacanestro Reggiana, la società ha ritenuto doveroso spiegare quali saranno i programmi futuri che la attendono, anche dopo il definitivo addio all’Eurocup che ha impegnato il club sino a pochi giorni orsono. Per spiegare il tutto lo ha fatto convocando una conferenza stampa dove la presidentessa Maria Licia Ferrarini e l’amministratore delegato Alessandro Della Salda hanno incontrato i media.

“Abbiamo ritenuto giusto convocare questa conferenza stampa”, ha iniziato la Ferrarini, “perché riteniamo di essere arrivati ad un passaggio molto importante della vita della nostra società, veniamo da 3 anni molto intensi dove abbiamo vinto un’Eurochallenge, una Supercoppa Italiana e fatto 2 finali scudetto. Ora però è ora di riprogrammare il futuro guardando avanti e cercare di rimanere a questi alti livelli, e lo si deve fare analizzando tutte le varie sfaccettature che compongono una società. Sarà un anno di molti cambiamenti che ci impegneranno su vari fronti ma noi siamo qua per affrontare tutte le sfide che ci siamo poste. ”

“Il primo cambiamento è che dopo 3 anni ci toccherà a malincuore non disputare nessuna coppa europea, abbiamo cercato sino all’ultimo di poter evitare che questo si verificasse ma alla fine ci siamo arresi al famoso Allegato 2 . Non potevamo rinunciare al Campionato di Serie A, perché rappresenta la nostra priorità, ma nostro malgrado abbiamo rinunciato al’Eurocup e vorrà dire che c’è la conquisteremo sul campo la possibilità di poterla disputare l’anno prossimo. Ci è stata data la possibilità di disputare la nuova Champions League Fiba ma abbiamo rinunciato perché crediamo molto nel progetto di  ECA.”

“ Il secondo grande tema di quest’anno è che dopo 49 anni è iniziato il restyling del palasport Giulio Bigi, proprio ieri abbiamo avuto un incontro con il sindaco, i tecnici comunali e la prefettura dove abbiamo finalmente potuto prendere visione del progetto e che dico già da subito che la consegna dell’impianto è slittata dal 30 settembre al 31 ottobre.”

“Grande cambiamento anche nella squadra, perché dopo l’addio del nostro capitano nonché leader Kaukenas, di Lavrinovic Veremeenko e Silins, di fatti si chiude un ciclo con la forte rappresentanza dell’est Europa. Una squadra che però mantiene una forte ossatura italiana che il nostro filo conduttore ma che in questo momento ha un punto interrogativo su coloro che dovranno sostituirli.”

“Altro argomento importante è l’organizzazione societaria, dopo questo ciclo sportivo dove la sportiva si è espressa a ottimi livelli, ma anche la parte societaria ha dato risposte molto positive per affrontare anni molto impegnativi. La scelta di affidare a Filippo Barozzi l’incarico di responsabile marketing e direttore operativo siano state la giusta conseguenza per un ragazzo che è cresciuto all’interno della società ed ha dimostrato di potersi prendere ulteriori responsabilità ed affiancare Frosini nella conduzione operativa della società.”

La parola è poi passata ad Alessandro Della Salda che è entrato più nel merito delle varie problematiche, partendo dalla Coppa.

“ Ho sempre pensato che l’Eurocup fosse un’ottima cosa, perché rappresentava un altro motivo di crescita, ma forse il mio rammarico è quello di aver pensato troppo in grande ed in corso d’opera ho capito che la cosa sarebbe diventata molto dura ma nonostante ciò ci abbiamo provato sino alla fine. Rifiutando la Champions per coerenza su tutto quello era successo si siamo detti che era meglio fare un passo indietro per farne poi due in avanti. Non succede nulla se per un anno non faremo le coppe, si guarda avanti e peseremo a come entrare dalla prossima stagione.”

“ Sulla questione palasport la notizia che ad oggi posso dare, che per difficoltà varie, dovremo disputare le prime due gare interne ( contro Sassari e Venezia ) in un altro impianto in quanto ci verrà consegnato il 6 di Novembre per la gara contro Cantù. Ci verrà consegnato con una capienza di 3750 posti, 250 in più a quella attuale, grazie alla nuova sistemazione dei seggiolini in tutto il palazzetto, poi il cantiere proseguirà all’esterno per arrivare alla sua conclusione finale all’incirca prima dei paly off. La scelta di dove amdare a giocare queste 2 partite la stiamo valutando in questi giorni e probabilmente ricadrà su Bologna ma non sappiamo ancora su quale impianto.”

“ Per quanto riguarda la squadra in questo momento non ci sono trattative calde, confermo che abbiamo cercato Buva ma ha rifiutato la nostra offerta. E’ ritornato Cervi che considero un buon acquisto ed anche la riconferma di Needham la ritengo una buona cosa, ora mancano solo 2 pedine per completare il rosters.”

Infine la Presidente Ferrarini ha svelato 2 progetti speciali, il primo che riaprirà il 3  settembre LO STORE, il negozio di merchandisig  della Pallacanestro Reggiana e sarà un negozio fisso per tutto l’anno, non come ora che aveva aperto solo per certi periodi, il secondo è che l’intenzione della società è di arrivare in un anno e mezzo a definire la possibilità di costruire la Casa Biancorossa, ovvero un luogo dotato di tutte quelle strutture ( 2 palestre,piscina,sala pesi, uffici ) che possano essere il luogo dove convogliare tutta l’attività sportiva, (dalle giovanili alla prima squadra) e non della società, in modo di aver concentrato in una sola struttura quello che ora viene svolto in giro per la città e non solo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy