La terza di massima serie porta a Torino l’Umana Reyer Venezia

La terza di massima serie porta a Torino l’Umana Reyer Venezia

Commenta per primo!

Comunicato del 16 ottobre 2015

La terza sfida della serie A Beko 2015/16, quella del ritorno nell’elite del basket di Torino dopo 22
anni di dolorosa assenza, con i colori dell’Auxilium Cus ed il main sponsor Manital, condurrà
domenica 18 ottobre al PalaRuffini un’altra delle massime protagoniste della stagione, l’Umana
Reyer Venezia, già scesa sul parquet nostrano in occasione della Supercoppa di Lega.
Dopo il battesimo casalingo d’esordio contro la compagine più in forma del momento, la
GrissinBon Reggio Emilia, concluso con una sconfitta senza appello, la Manital ha trovato il
pronto riscatto sul sempre difficile terreno del PalaMaggiò di Caserta, al fotofinish e con un
recupero prodigioso di 10 punti. Reazione importante soprattutto dal punto di vista temperamentale.
A presentare la nuova sfida, programmata a partire dalle ore 12 con diretta Sky Sport, è il
capitano della formazione torinese, Tommaso Fantoni: “Inutile dire che l’Umana Reyer presenta
un roster di prima fascia. Il match si preannuncia pertanto difficile ma sarà bello e motivante viverlo
dal primo all’ultimo minuto. Ci confronteremo con dei grossi campioni e siamo pronti a dar
battaglia, davanti al nostro pubblico che ha risposto in modo così compatto già alla prima di
campionato. Il nostro obiettivo conclamato è la salvezza. Riuscire a raggiungerla riducendo i tempi
vorrà dire poter giocare con uno spirito diverso le altre partite e poter provare a toglierci qualche
bella soddisfazione”.
Il testa a testa sotto il profilo tecnico è invece anticipato dal coach dell’Auxilium Cus Torino, il
livornese Luca Bechi, anch’egli rinfrancato dai due punti conquistati in terra campana: “Punti
importanti – ribadisce – che ci invitano a proseguire sulla stessa linea. Venezia è una top four,
strutturata per sostenere l’impegno nazionale e internazionale. Una squadra esperta nella quale ogni
giocatore può diventare pericoloso, nata per i traguardi importanti. L’affronteremo con grande
umiltà ma dovremo mettere in campo molta più rabbia e determinazione di quelle espresse nella
prima di campionato contro Reggio Emilia. Sono le armi da utilizzare contro le big. Tecnicamente
dovremo ridurre il numero delle palle perse ed avere più continuità sui possessi offensivi. In difesa
ripetere e se possibile ancora migliorare la fisicità e la consistenza proposte a Caserta”. Venezia ha
sostenuto in settimana l’impegno in campo internazionale. Può influire?: “In questa fase della
stagione direi di no – ha risposto Coach Bechi – anzi può aiutare chi sostiene il doppio impegno a
prendere ritmo”. Che risposta si aspetta dal pubblico?: “Buona, nonostante le ore 12 d’inizio
ostilità. Cercheremo di essere competitivi fino al termine e spesso questo è il preludio a quel
qualcosa di bello che vorremmo regalare ai nostri tifosi”.
Non si parla di individualità ma l’esperienza di Phil Goss, Mike Green, Tomas Ress, garantiscono
qualità e peso alla formazione veneziana. Alle quali bisogna aggiungere la freschezza di singoli
come Stefano Tonut, da molti indicato tra le possibili rivelazioni del campionato.
Palla a due dunque alle 12, per un altro grande spettacolo targato Manital Torino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy