Memorial Carlo Longobardi – Avellino si arrende in finale all’Enel Brindisi

Memorial Carlo Longobardi – Avellino si arrende in finale all’Enel Brindisi

Commenta per primo!
pbs.twimg.com

ENEL BRINDISI – SIDIGAS AVELLINO 86-76

Enel Brindisi: Banks 9, Reynold 12, Scott 13, Cournooh 3, Harris 13, Cardillo, Milosevic 10, Gagic 13, De Gennaro ne, Zerini ne, Marzaioli, Kadji 13.  All.: Bucchi.

Sidigas Avellino: Norcino ne, Guglielmo ne, Veikalas 11, Gioia ne, Acker 15, Green 12, Cervi 3, Severini 3, Nunnally 18, Pini 2, Buva 12, Parlato ne. All.: Sacripanti.

Arbitri: Paglialunga, Pecorella, Belfiore

Parziali: 29-13; 21-25; 19-18; 17-20

Iniziata alle 19.45, con un quarto d’ora di ritardo rispetto al programma, la finale del Memorial “Carlo Longobardi” fra Sidigas Avellino ed Enel Brindisi ha visto i lupi arrendersi al team pugliese.

Gara praticamente a senso unico quella valevole per il primo ed il secondo posto, con la compagine brindisina brava a conquistare sin da subito, grazie ad un ottimo impatto con il match, un vantaggio importante (29- 13 il primo quarto), che è stato conservato per tutta la durata del match. Ma non sono mancati i momenti di confusione per il team allenato da coach Bucchi, che, nel finale, ha rischiato grosso. Nonostante i centri di Veikalas e Green, i biancoverdi sono solo riusciti solo a ridurre il passivo, ma mai ad impattare o a minacciare da vicino il predominio pugliese, ribadito dalla prestazione sugli scudi di Reynolds e Scott.

Questo il commento di coach Sacripanti: “Sicuramente la nostra condizioni fisica non è ottimale. Siamo partiti molto imballati, con il passare dei minuti ci siamo sciolti, anche grazie all’entrata di Pini e Veikalas. Da lì abbiamo fatto sicuramente meglio. Ciò che mi ha fatto piacere in questa due giorni a Scafati è stata la mentalità e l’atteggiamento dei ragazzi, c’è tanto da lavorare, ma c’è una buona base e si vede già qualche buono spunto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy