Milano – Sassari, la sala stampa: le parole di Pianigiani e Pasquini

Milano – Sassari, la sala stampa: le parole di Pianigiani e Pasquini

I due coach hanno analizzato nella conferenza post-gara la partita tra milanesi e sardi, vinta ieri dai padroni di casa per 116-93

di Stefano Bartolotta

Simone Pianigiani (coach Milano): “Una partita molto buona da parte di tutti. Loro hanno qualità, sanno fare canestro e per me era importante che i ragazzi facessero quello che sanno fare perché è un gruppo di persone che ci tengono. Oggi i tiri che avevamo sbagliato con l’Efes pur vincendo sono andati dentro. Sono contento perché abbiamo costruiti i tiri che dovevamo costruire e le percentuali ci hanno sostenuto. Il programma adesso è durissimo ma questo può e deve renderci mentalmente più forti. Il clima? Forse anche io ho messo troppa pressione sulla squadra fin dall’inizio perché volevamo vincere la Supercoppa, essere competitivi anche in EuroLeague e magari non abbiamo provato la gioia di giocare che ci serviva. Abass, che segni o no è importante per noi la sua energia. Alle volte anche una posizione corretta in campo aiuta tutti gli altri. Quindi sono contento di tutti e Abi ha fatto bene. Credo sia giusto che le prove di Tarczewski e Gudaitis vengano sottolineate. Per il livello di EuroLeague sono di fatto due rookie e giocano in un ruolo in cui pensavamo di avere ad un certo punto Young e in cui sfruttare anche la fisicità di Jefferson. Quindi in una situazione difficile, una società seria ha avuto pazienza, ha dato loro la possibilità di crescere e lo stanno facendo. Su Gudaitis c’è un progetto lungo, spero anche Tarczewski. Questo è il senso di quello che stiamo facendo. Stiamo riadattando Kuzminskas, perché lui rende al meglio se può giocare sia da 3 che da 4 ma noi dobbiamo farlo giocare solo da 4 e questo cambia un po’ le cose ma anche lui sta rispondendo”.

Federico Pasquini (coach Sassari): “Siamo mancati nell’approccio a inizio partita e questo ha permesso a Milano di prendere un po’ di margine, Successivamente si sono alleggeriti mentalmente e questo ha permesso che venisse fuori tutto il loro talento. Noi siamo stati bravi a riportarci in partita facendo quello che dovevamo, trovando una bella reazione con un quintetto dal buon bilanciamento difensivo ma poi abbiamo mollato a fine del secondo quarto e nel secondo tempo non c’è stata storia. Milano è stata brava a segnare tra terzo e ultimo quarto con continuità sia dentro sia fuori, per cui prestazione negativa da parte nostra e complimenti a loro. Non ci aspettavamo un approccio così moscio, ora dobbiamo ripartire: sicuramente siamo delusi non abbiamo il tempo per pensare, dobbiamo andare oltre e focalizzarci sulla sfida di mercoledì. Complimenti a Milano”.

Fonti: uff. stampa EA7 Emporio Armani Milano e Banco di Sardegna Sassari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy