Montepaschi Siena – Vanoli Cremona: le pagelle. Super Nelson, Rich non basta.

Montepaschi Siena – Vanoli Cremona: le pagelle. Super Nelson, Rich non basta.

Commenta per primo!

MONTEPASCHI SIENA

Nelson
Viggiano: 5 – Gioca 11 minuti ma non lo si nota. Chiude a -2 di valutazione; da rivedere Hunter: 6,5 – Nella prima parte della gara è una delle spine nel fianco della difesa cremonese, che non riesce a trovargli le contromisure. Chiude con 12 punti , 3 rimbalzi e 10 di valutazione Cournooh: s.v. – Entra nel finale a partita chiusa Rochestie: 5,5 – in 14 minuti fa vedere qualcosina, ma non tale da meritare la sufficienza. qualche punto in più per i 2 assist. Carter: 7 – 18 Punti, 24 di vallutazione, 4/6 dal campo e 2/2 dalla lunetta. I difensori cremonesi lo sogneranno tutta notte. Ress: 6 – Fa il suo compitino, riuscendo a sbagliare poco. Ortner: 6,5 – Anche lui, in soli 9 minuti, riesce a trovare spazi per attaccare il pitturato cremonese e mettendo punti nei momenti fondamentali. Nelson: 8 – 27 minuti, 12 punti, 15 rimbalzi, 5 assist. 28 di valutazione. Non ci sono parole per descrivere la sua prestazione di questa sera. Immarcabile, anche se la mano ha tremato un po’ (2/7 da 2). Udom: s.v. – Anche per lui un minuto a partita chiusa Hackett: 6 – Regge bene il duello con Rich, anche se si fa innervosire subendo fallo tecnico. Ci si sarebbe aspettato qualcosa di più da lui, per tutto quanto può dare, ma ricordiamo che rientra da un infortunio. English: 7,5 – La Vanoli dovrà andare a ripetizioni di inglese, per cercare di capire cosa aveva davanti questa sera. Mattatore per primo tempo e fondamentale nel momento della fuga senese. Green: 6,5 – Esce alla distanza, iniziando non benissimo, ma alla fine diventa anche lui un incubo nel pitturato lombardo. Coach Crespi: 7 – Alla distanza riesce a far uscire la differenza tra le due formazioni, ma subisce oltre misura la voglia e la determinazione cremonese nel primo tempo. Con una buona gestione del terzo quarto scava il solco decisivo per chiudere la partita e portare a casa una vittoria meritata. VANOLI CREMONA
Rich
Chase: 5 – in 23 minuti mette a segno solo un tiro pesante. Riesce a smazzare 5 assist ma da lui coach Gresta di aspetta di più, in uscita dalla panchina. Conti – n.e. Marchetti: s.v. – Entra nell’ultimo minuto a partita chiusa Woodside: 6,5 – Non parte benissimo, ma poi riesce ad entrare nella filosofia del gioco voluta dal coach. Buone percentuali al tiro e 3 assist gli valgono la miglior valutazione, in concomitanza con Rich per la propria squadra. E’ reduce da un infortunio e siamo sicuri che diventerà una pedina importante nello scacchiere biancoblu. Jackson: 5 – Non riesce ad entrare nel gioco, sbagliando l’inverosimile: 2/11 dal campo. Spalja: 6 – Uscendo dalla panchina, riesce a dare più consistenza in difesa al posto di Kelly e mette i canestri decisivi per tenere a contatto Cremona nel primo tempo. Ariazzi: n.e. Kalve: 6 – Buone cose per lui, dopo la conferma del contratto. Lotta sotto canestro facendo molto gioco sporco. Fiorentini: n.e. Kelly: 6 – Nel primo tempo è la mina vagante nell’area senese, ma quando i padroni di casa gli prendono le misure, fa fatica a trovare spazio. Buon atletismo e velocità per un giocatore di 205 cm. Rich: 6,5 – Non bastano i suoi 25 punti per salvare la partita, anche se in alcuni momenti è sembrato che volesse ergersi a salvatore della patria, giocando 1 contro 5. Conferma quanto di buono ci si ricordava di lui; potrà diventare fondamentale nel corso del campionato. Ndoja: 6 – Lotta e cerca di fare del suo meglio, senza strafare. Unica macchia il 2/4 dalla lunetta: sono suoi gli unici 2 tiri liberi sbagliati dalla Vanoli. Anche lui, una volta assimiliato il gioco di coach Gresta, potrà fare molto bene. Coach Gresta: 5,5 – Fa quello che può, tenendo la sua squadra a contatto per tutto il primo tempo. Nel corso del terzo quarto non trova il modo di fermare l’emorragia e soccombe sotto le bombe senesi. Trova comunque modo di non far prendere un’imbarcata ai suoi, limitando i danni nel finale. Non era certo il modo migliore per iniziare il campionato, andando a giocare sul campo della vincente del campionato, ma… tolto il dente, tolto il dolore. E’ già ora di pensare a domenica e a Bologna.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy