Orlandina, Di Carlo: «Basta complimenti, adesso iniziamo a vincere»

Orlandina, Di Carlo: «Basta complimenti, adesso iniziamo a vincere»

Le parole del coach dell’Orlandina.

Commenta per primo!

Secondo impegno casalingo per la Betaland Capo d’Orlando che lunedì sera alle 20.45 (diretta SkySport) ospiterà la Fiat Torino. Nella conferenza stampa di presentazione della gara coach Gennaro Di Carlo e l’ala Dominique Archie hanno chiarito a chiare voci qual è l’obiettivo della settimana per i paladini: vincere. Ottenere i due punti sarebbe infatti una grande iniezione di morale dopo le buone, ma amare prove con Milano e Venezia.

«Speriamo possano rientrare tutti per avere rotazioni più lunghe – dichiara Dominique Archie – ma a prescindere da chi ci sarà ciò che sarà importante lunedì è essere aggressivi e concentrati. Siamo una buona squadra, un ottimo gruppo con tanti ragazzi giovani che possono migliorare tanto, soprattutto nel chiudere le partite e realizzare. Non importa la nazionalità di chi gioca, se siano o meno americani, il basket è basket ovunque. Dopo le prime due gare nel nostro spogliatoio c’era un po’ di delusione, com’è normale che sia, ma sappiamo che il rientro di alcuni ragazzi infortunati ci aiuterà e possiamo ancora migliorare tanto. Dobbiamo continuare a lavorare duramente come stiamo facendo senza pensare troppo a quello che è stato, vogliamo cercare di vincere i prossimi match».

Da par sua coach Gennaro Di Carlo non sembra eccessivamente preoccupato per l’inizio di campionato della sua squadra: «In questo momento ci stiamo preoccupando di migliorare la qualità del nostro gioco, pensiamo che le vittorie arriveranno aumentando la qualità. Dobbiamo migliorare gli automatismi difensivi e muovere meglio la palla in attacco. Abbiamo fatto un buon lavoro in settimana e spero che lunedi sera ne raccoglieremo i frutti». Al PalaFantozzi arriverà la Fiat Torino una squadra che ha ben impressionato nelle prime due uscite del campionato: «Torino ha delle caratteristiche molto chiare – continua Di Carlo – sicuramente Wright e White sono giocatori chiave per loro, ma noi dobbiamo avere costanza e concentrazione per quaranta minuti. Solo se giochiamo concentrati per 40’ potremo avere chances di vittorie. Dobbiamo restare concentrati, essere organizzati e disciplinati. La nostra è una pallacanestro fatta di ordine e disciplina tattica». La chiosa finale dell’allenatore appare poi come un appello al pubblico per una gara che se portata a termine positivamente potrebbe rivelarsi più che importante per l’Orlandina: «Apprezzo tanto i complimenti che ci sono stati rivolti dopo le prime due gare, ma adesso è arrivato il momento di cominciare a vincere le partite e le partite non si vincono solo ricevendo i complimenti. Lunedì voglio una squadra che oltre a cercare di giocare sempre meglio, dev’essere animata da quel furore agonistico che io ritengo sia essenziale per vincere. Non possiamo sottovalutare l’aspetto mentale, è importante che noi società e squadra, con il pubblico e la gente, condividiamo lo stesso pensiero. Lunedì sera tutto l’Orlandina deve cercare di portare a casa a tutti i costi sti due punti. Dobbiamo avere tutti lo stesso pensiero, bisogna essere ancora più uniti per riuscire a vincere. Sappiamo come si fa: concentrazione, intensità e disciplina. È vero che abbiamo forse meno atletismo di altre squadre, ma di base c’è che si deve provare a giocare una buona pallacanestro. La strada intrapresa va perseguita perché solo così ci porterà dei risultati. Bisogna crederci e lavorare sodo».

Ufficio Stampa Betaland Capo d’Orlando

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy