Pesaro-Sassari, le pagelle: il cuore di Trasolini e Anosike non basta, Drake Diener è una sentenza

Pesaro-Sassari, le pagelle: il cuore di Trasolini e Anosike non basta, Drake Diener è una sentenza

Commenta per primo!

Vuelle Pesaro:

Bernardo Musso: Fallisce tre entrate facili facili, ma sappiamo che non è il suo punto di forza, il trenta percento dal campo è sicuramente migliorabile, anche se cerca di rendersi utile in tutte le zone del campo, qualche sbavatura in difesa ma non aveva un compito facile. Voto: 5,5

Andrea Pecile: Nel finale sarebbe servita la sua leadership, ma un brutto colpo subito lo costringe ad uscire per farsi medicare alla testa, non si prende troppe conclusioni e i tre falli prematuri lo tolgono per troppi minuti dal match, comunque una discreta partita. Voto: 6

Alvin Young: Come a Montegranaro getta alle ortiche un pallone decisivo nel finale, ma non dovrebbe restare su parquet per trenta minuti a 38 anni, si rende utile in entrata e in difesa cerca di contenere le guardie avversarie con discreta applicazione. Voto: 6

Marc Trasolini: 16 punti e 6 rimbalzi, una buona presenza, anche se qualche ingenuità andrebbe limata, speriamo continui così anche in futuro perché il numero quattro titolare della Vuelle rimarrà in ogni caso il buon Marc. Voto: 6,5

Alessandro Amici: Non riesce a liberarsi al tiro come dovrebbe e un solo rimbalzo in 23 minuti è troppo poco per un atleta come lui, ci aspettiamo molto di più dall’ala pesarese che accusa troppi cali di concentrazione. Voto: 5

O.D. Anosike: 12 punti e 13 rimbalzi, il suo lo fa sempre anche se sbaglia un paio di appoggi solitari che fanno urlare di rabbia tutta l’Adriatic Arena, si conferma il miglior centro del campionato in questa fase iniziale. Voto: 7

Elston Turner: Resta in panchina per 40 secondi in tutto l’incontro e nonostante la fatica, nel finale trova ancora le forze per segnare ottimi canestri, deve anche fare il playmaker e questo non lo aiuta a dosare le forze, la classe c’è ma avrebbe bisogno di una spalla adeguata per togliergli un po’ di pressione. Voto: 7

 

Dinamo Banco di Sardegna Sassari:

Marques Green: pronti, via, e piazza tre bombe in un Amen lanciando la Dinamo verso il primo parziale del match. Pian piano si spegne, ma regala il suo contributo alla squadra con 4 assist e altrettante palle recuperate. Voto: 6

Juan Fernandez: per ora è l’oggetto misterioso della squadra sarda, gioca cinque minuti senza lasciare il segno Voto: S.V.

Caleb Green: chi si aspettava ancora una volta il giocatore scoppiettante di domenica scorsa, autore di 45 punti, è rimasto deluso. Prova al di sotto delle aspettative per l’americano che infila 10 punti tirando con un misero 2/8 da 3. Voto: 5

Giacomo Devecchi: 9 minuti in campo, 2 punti, buone trame difensive. Voto: 6

Travis Diener: non il solito Travis Diener, spento e impreciso. Nonostante le basse percentuali regala 4 assist e mette a referto 6 punti, ma non basta per raggiungere la sufficienza. Voto: 5,5

Linton Johnson: 4/11 dal campo, e difese un po’ troppo leggere. Decisamente troppo poco per un giocatore che aveva abituato a ben altre prestazioni. Voto: 5,5

Brian Sacchetti: rientra alla grande dopo il lieve infortunio patito contro Varese, risultando uno dei migliori, mette a referto 7 punti e gioca con grande personalità subentrando dalla panchina. Voto: 6,5

Drake Diener: manco a dirlo è lui il migliore della compagine sarda, segna 21 punti e chiude con le sue giocate una partita che ha rischiato di mettersi male più e più volte. Un po’ impreciso dai 6,75 (1/5), ma mortifero dall’area (7/9) regala l’ennesima prova maiuscola della stagione. Voto: 7

Manuel Vanuzzo: segna due bombe decisive ai fini del risultato e con 9 punti totali è uno dei migliori della sua squadra soprattutto per il carattere. Voto: 6.5

Omar Thomas: buona prova per Black Jesus  che mette a segno 11 punti, difendendo a sprazzi. Voto: 6

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy