Piero Bucchi: “Contro Milano una sfida impegnativa, sarà un stimolo per dare il massimo”

Piero Bucchi: “Contro Milano una sfida impegnativa, sarà un stimolo per dare il massimo”

Commenta per primo!

Coach Piero Bucchi nella conferenza stampa di oggi sulla partita contro Milano: “Sarà un’importante tappa di avvicinamento ai play-off così come la successiva trasferta a Reggio Emilia che chiuderà la regular season. Per diletto ho rivisto la lista dei giocatori della squadra campione d’Italia che domenica sera scenderà al PalaPentassuglia: non che non la ricordassi! Credo che tutti possano immaginare i miei pensieri, sicuramente condividendoli in pieno. Milano è una squadra buonissima, l’ingresso di Tabu è un buon innesto, per i miei ragazzi una sfida così impegnativa, avvincente, affascinante, sarà un grandissimo stimolo a dare il massimo. Spero che oggi  non ci siano problemi in allenamento e che abbia tutti a disposizione, ieri si sono allenati tutti, anche Eric e Zerini”.

Brindisi è ancora una volta ai play-off: “Ennesimo obiettivo stagionale raggiunto dopo la partecipazione alla Final Eight e all’ottima figura fatta in EuroChallenge. Forse qualcuno dava per scontato tutto ciò ma non è corretto tale modo di pensare: basta volgere lo sguardo a squadre più blasonate e che hanno speso più di noi, e ancora stanno lottando per riuscire ad entrare nella griglia. E’ un risultato che non va sottovalutato, abbiamo confermato i progressi e ci stiamo confermando nella pallacanestro che conta”.

Continua poi con i suoi 4 anni a Brindisi: “Sono passati quattro anni da quando ho messo piede a Brindisi e credo di aver mantenuto la promessa prima di ritornare in A, poi di restarci e, ancora, di raggiungere i piani alti della pallacanestro nazionale. In questo percorso si sono ottenuti risultati di rilievo che rappresentano una solida base, un blocco stabile e proteso alla continuità per migliorarsi ancora. In più, Brindisi ha cambiato molto, anno dopo anno, eppure si è fatto sempre un passo in avanti in più: non è stato facile ed è il frutto di tanto lavoro. Motivo di grande soddisfazione, quindi”.

Infine le sue 600 panchine in serie A: “Con Milano sarà la mia presenza su una panchina di A numero 600 e sono contento e soddisfatto che una buona parte sia legata a Brindisi. Mi ha chiamato il Presidente per farmi i complimenti, spero di aver portato un pò di esperienza a questa società, anche insieme a Giuliani e Nicolai, che sono persone molto competenti. In me è sempre vivo l’ardore, la passione per questo lavoro e che mi spinge, in particolare, a far sempre di più per questa squadra, per questa società, per questa città”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy