Pistoia, Bongi e Billeri affiancheranno Esposito

Pistoia, Bongi e Billeri affiancheranno Esposito

Quanto lavoro c’è dietro una singola partita di basket? Molto. Se una delle due squadre in campo è una realtà che ogni anno lotta per mantenere la categoria come il Pistoia Basket, ancora di più. Moltiplicate per trenta, che sono le partite di regular season, ed avrete un’idea dell’importanza ricoperta dal coaching staff. La Giorgio Tesi Group, attendendo l’ufficialità, ha da poco delineato il proprio: Fabio Bongi e Marcello Billeri rimarranno sul pino del PalaCarrara, affiancando Esposito in qualità di vice coach ed assistente per la stagione 2015/2016. Cambia il regnante, ma i fidati consiglieri restano gli stessi.

OGNUNO AL PROPRIO POSTO: Chi legge Salgari lo sa. Non sempre il prode Yanez segue il fraterno amico Sandokan nelle sue scorribande. Allo stesso modo, l’addio di Moretti non ha comportato l’automatica partenza del vice coach. Fabio Bongi, purosangue pistoiese, affianca ormai i coach biancorossi  dalla stagione 2008/2009. Il plurale si ferma però al numero due: Maurizo Lasi e Paolo Moretti. E’ quasi pleonastico asserire che, negli ultimi sei anni e mezzo, l’intesa con l’ex coach di Pistoia abbia rasentato la perfezione. Indefesso lavoratore sia con la prima squadra che con le giovanili, suo autentico primigenio amore, Fabio Bongi è una preziosa risorsa cestistica dalla quale coach Esposito potrà attingere a piene mani in questa sua avventura sulla panchina pistoiese. Cosa non di poco conto, Bongi risulterà utilissimo per instradare il coach casertano alla realtà cittadina. Il vice coach infatti è profondo conoscitore, oltre che di pallacanestro, anche del così detto “ambiente” essendo tornato a Pistoia quando il seme della palla a spicchi era stato da poco ripiantato, e avendolo visto germogliare anche grazie alle sue annaffiate quotidiane. Un pistoiese al centro di uno staff interamente composto da pistoiesi. Bongi a Pistoia, come Yanez a Mompracem insieme ai Tigrotti. Chi legge Salgari lo sa.

IL MAESTRO E L’ALLIEVO: Se provaste a chiedere ai giovanissimi che nella passata stagione hanno completato il roster di Pistoia qual’è la figura con cui hanno lavorato maggiormente, non sareste lontani dall’ottenere un plebiscito. Un unico nome ed un cognome sarebbe pronunciato: Marcello Billeri. Non importa scartabellare il passato, e di talenti sgrezzati da Billeri se ne troverebbero a iosa, il presente è già sufficientemente eloquente. Prendiamo Luca Severini, che Pistoia ha da poco riscattato dal prestito e che attualmente è impegnato con la Nazionale Under 19 ai Mondiali di categoria a Creta (freddi numeri: dopo sei partite, il centro marchigiano sta ripagando i quasi 27 minuti concessigli da coach Capobianco con 10.5 punti e 8.2 rimbalzi di media ad allacciata). Durante la scorsa stagione, le sedute di allenamento specifiche intraprese dal giovane centro con Billeri sono state piuttosto intense. Al mattino presto ad esempio, prima di andare a scuola. Mentre i compagni di classe scendevano dal letto, Severini, già piuttosto sudato, ascoltava l’ennesimo suggerimento impartitogli dal maestro Marcello da Montelupo sul parquet appena illuminato del PalaCarrara. Poi doccia e via in classe. I risultati sono tangibili. Severini, dopo un anno di duro lavoro, ha notevolmente aumentato la pericolosità del proprio long two, ha affinato il suo innato senso a rimbalzo ed ha imparato a giocare maggiormente con il resto della squadra coinvolgendo di più i compagni. Ed il lavoro di perfezionamento certamente proseguirà nella prossima stagione, adesso che Billeri è stato riconfermato in qualità di assistente di Esposito.

CONTINUITA’: Alla fine, dalle parti di Via Fermi, sembrerebbe aver dunque prevalso la linea della continuità. Il cambio di coach, per certi versi epocale, è stato mitigato dalla riconferma del coaching staff. Uno staff che, negli ultimi anni, ha ben lavorato sia con la prima squadra che con i giovani. La società ha perciò preferito non interrompere il proficuo cammino iniziato ormai parecchie stagioni or sono ma esploso negli ultimi anni con i risultati della Serie A prima e del settore giovanile poi. Nel solo 2015, i toscani con il loro Pistoia Basket Academy hanno conquistato lo scudetto Under 17 e sono approdati in finale nazionale Under 19, persa poi contro la Stella Azzurra Roma. Per questo, sarebbe avventato dire che la Giorgio Tesi Group ripartirà da zero nella prossima stagione. Limitandosi alla sola Serie A, lo staff riprenderà dunque il lavoro lasciato in sospeso a metà Maggio, ammesso e non concesso che in queste afose giornate estive i suoi componenti siano realmente rimasti inerti. Propenderei sul no. Al numero cento di Via Fermi c’è sempre una luce accesa, la sera tardi o la mattina presto, in palestra o nella sala video. E fidatevi, non si tratta di ladri poco furtivi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy