Playoff serie A: le ultime sul derby lombardo!

Playoff serie A: le ultime sul derby lombardo!

Scatta questa sera l’inizio dei playoff del massimo campionato italiano di serie A. La prima partita a iniziare sarà proprio il derby lombardo tra Bennet Cantù e Cimberio Varese, con diretta Sky Sport 2 a partire dalle ore 20.15. A differenza di Domenica scorsa, la squadra di coach Recalcati non sarà sola nella bolgia del Pianella, ma potrà contare su 150 tifosi che ottenuto il permesso dalla questura, arriveranno a Cucciago pronti a far sentire il proprio calore. Di seguito l’analisi effettuata dalla nostra redazione, con le curiosità sull’incontro oltre alle ultime dai campi.

Qui Varese: la Cimberio Varese si riqualifica ai Playoff dopo 4 anni e la sfida in questi Quarti di Finale è di quelle dense di emozioni e di storia: il Derby con Cantù. Infatti l’avversaria della Cimberio, arrivata settima in Regular Season, è la Bennet Cantù, seconda in Regular Season, di Coach Andrea Trinchieri. A Varese c’è felicità per il risultato raggiunto (15 vittorie e 30 punti conquistati) ma anche grande concentrazione per un Quarto di Finale storico (Cantù e Varese non si incontrano infatti ai Playoff dal 1990, in quel caso passò Varese). La Cimberio, rispetto alla sfida di Campionato di domenica, recupera Fajardo e Slay e ritrova a pieno regime Stipcevic (solo 15’ in campo domenica), ma ha Rannikko e Kangur in non perfette condizioni fisiche e in dubbio per Gara 1.

Qui Cantù: tutti a disposizione per coach Trinchieri che solo pochi istanti prima della partita scioglierà gli ultimi dubbi relativi alle rotazioni degli stranieri. La Bennet, reduce appunto dalla vittoria interna, si presenta al via da seconda forza del campionato. Un traguardo raggiunto grazie all’ottimo cammino sul parquet di casa, dove i canturini hanno perso solo contro la Montepaschi Siena. Nota di merito va anche al lavoro difensivo, con la compagine canturina che si è imposta quale miglior difesa dell’intero torneo subendo una media di soli 71 punti a partita. Arma tattica importante nello scacchiere di Andrea Trinchieri è sicuramente Nicolas Mazzarino, terzo nella classifica del tiro da tre punti e primo terminale offensivo dei canturini.

Precedenti:

Gara d’andata: Cimberio Varese-Bennet Cantù 82-65

Il Derby d’andata a Varese vedeva Cantù a ridosso delle prime e Varese invece in piena crisi. Il primo quarto finiva 15-19 per Cantù con una bomba con fallo di Mazzarino e con ben 15 falli fischiati totali, nel secondo quarto Varese si svegliava e trovava il +9, chiudendo il primo tempo sopra 38-33 con una tripla da centrocampo di Goss. Cantù al rientro dagli spogliatoi finiva sotto di 10, ma con Mazzarino rimontava in un amen portandosi anche a +2. Goss però era incontenibile e permetteva a Varese di chiudere sopra 59-56 il terzo quarto. Varese nell’ultimo periodo stendeva Cantù grazie a Goss e Slay andando a +20 e fissando il punteggio finale sull’82-65 per la Cimberio.

Gara di ritorno: Bennet Cantù 75 – Cimberio Varese 66

E’invece molto più recente la gara di ritorno tra le due formazioni. Domenica scorsa infatti, la Bennet ha chiuso il proprio campionato vincendo contro Varese. Un derby molto bello, che ha visto la Cimberio partire subito a mille nonostante le tante assenze tra le fila degli ospiti: Fajardo, Slay e Kangur infatti non han dispustato l’ultima giornata di campionato. Un 15 a 0 di parziale nei primi dieci minuti aveva permesso alla squadra di Recalcati di chiudere avanti di ben quindici lunghezze, prima che Markoishvili e Marconato riportassero Cantù a soli cinque punti a metà partita, grazie soprattutto alla bomba di Tabu a fil di sirena. Un’analogia che a tanti addetti al lavoro, ha riportato alla mente quanto fece Goss nella gara d’andata. La svolta è avvenuta nel terzo periodo, quando Cantù ha poi trovato con più frequenza la via del canestro anche dalla lunga distanza e trovando nel duo Tabu – Markoishvili, gli autori della rimonta prima e dell’allungo finale e decisivo poi.

Chiavi della serie:

1) Fattore campo: Il Pianella è un fortino, Cantù infatti ha vinto 14 delle 15 partite giocate lì in Campionato. Varese in casa ne ha perse 4 totali, ma è in striscia positiva da 6 partite.

2) Lotta sotto canestro: Varese con Talts-Galanda-Fajardo-Slay-Kangur sembra un pacchetto lunghi più “pesante” di Ortner-Marconato-Leunen, anche se giocatori come Ortner e Leunen possono comunque dare battaglia a rimbalzo.

3) Condizione fisica: La condizione fisica è sempre un fattore importante per una serie Playoff. Varese parte con qualche giocatore non al meglio e bisogna vedere come gestirà gli sforzi per poter giocare una partita ogni due giorni, essendo andata in difficoltà durante la Regular Season proprio nel periodo con le partite ravvicinate.

4) Rendimento degli esterni: gli esterni di Cantù possono dare molto fastidio per fisicità e completezza ai pari ruolo di Varese, squadra che schiera spesso un assetto di gioco con tre piccoli in campo (Stipcevic-Rannikko-Goss). Attenzione alle prestazioni realizzative di Nicolas Mazzarino da una parte e di Phil Goss dall’altra, giocatori che da soli possono determinare l’esito di una gara.

5) Palle perse: Varese è una squadra che in trasferta perde molti palloni. Nonostante la singolare statistica che vede un migliore rapporto perse/recuperate nelle sconfitte esterne piuttosto che nelle vittorie, è chiaro che la Cimberio deve limitare le palle perse contro una delle difese più dure del campionato, che nelle partite casalinghe recupera circa 18 palloni di media. Ci riuscirà?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy