Premio Reverberi 2015: Polonara miglior giocatore e Moretti miglior allenatore

Premio Reverberi 2015: Polonara miglior giocatore e Moretti miglior allenatore

Commenta per primo!

E’ Achille Polonara il grande trionfatore del Premio Reverberi 2015, la manifestazione promossa dall’Amministrazione comunale di Quattro Castella in collaborazione con la FIP (Federazione Italiana Pallacanestro) e la Lega Basket, e con il patrocinio della FIBA, della rivista “Basketnet”, del Coni, dell’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) giunta quest’anno alla sua trentesima edizione. L’ala della Nazionale e della Pallacanestro Reggiana succede nell’albo d’oro ad Alessandro Gentile. Nato ad Ancona il 23 novembre del 1991, “PolonAir” è stato uno dei principali artefici sul parquet della indimenticabile campionato 2014-2015 della Grissin Bon culminata con la finale scudetto persa all’ultimo tiro contro Sassari. Polonara ha esordito in serie A con la maglia di Teramo a soli 19 anni, dopo due stagioni a Varese, nell’estate 2014 approda alla Pallacanestro Reggiana con cui disputa, tra regular season e play off, ben 49 partite alla media di 12.1 punti con il 55.8% nel tiro da due, il 36.4% da tre, 8 rimbalzi e 1.5 assist.

Il successo in casa Pallacanestro Reggiana è completato dall’assegnazione del Premio come Personaggio dell’Anno all’amministratore delegato bianco-rosso Alessandro Dalla Salda, 46 anni, una laurea in Scienze politiche e una carriera passata nel mondo del basket. Dapprima come giornalista, in seguito nella Pallacanestro Reggiana come addetto stampa, direttore generale e infine amministratore delegato. Per quanto riguarda l’Oscar come Miglior giocatrice italiana il premio va a Francesca Dotto, 22 anni, originaria di Padova, play maker di 1,69 metri attualmente nel roster della società lucchese “Le Mura”. In nazionale vanta 38 presenze alla media di 9 punti. Nel 2010 ha vinto in Polonia l’Europeo Under 18.

Il Premio come Miglior Allenatore è stato assegnato a Paolo Moretti, quest’anno coach di Varese, ma l’anno scorso alla guida del Basket Pistoia, il Premio per l’arbitro è stato assegnato ad Alessandro Martolini, quello per il giornalista a Gianfranco Civolani e il premio alla Carriera ad Ario Costa.

A Federico Mangiacotti, direttore generale di Beko Elettrodomestici (main sponsor da quattro anni della Serie A di basket, oltre che partner di FIP e di FIBA in diverse iniziative e manifestazioni), è stato assegnato il Premio per il Contributo fornito al basket italiano.

Un Premio Speciale è stato attribuito al Banco di Sardegna Sassari come riconoscimento per la stagione scorsa conclusa con il “triplete” Scudetto-Coppia Italia-Super Coppa. Il Premio speciale “Basket e Solidarietà” è stato assegnato dal Comune di Quattro Castella al progetto “Against the Pain”.

La nona edizione del Premio speciale “Giacomo Piccinini”, per un personaggio o una società particolarmente distintisi nella provincia di Reggio Emilia, è stato assegnato alla famiglia Margini, protagonista della nascita e crescita della pallacanestro nel territorio di San Polo d’Enza.

Sono questi i verdetti di una selezione che ha visto impegnata una giuria formata da giornalisti specializzati a livello nazionale e locale e da importanti esponenti del mondo istituzionale cestistico radunatisi questa mattina in Municipio a Quattro Castella.

Ad accogliere giornalisti e tecnici c’erano il sindaco di Quattro Castella Andrea Tagliavini, l’assessore comunale allo Sport Danilo Morini, la dirigente del Servizio Sport del Comune di Quattro Castella Elena Salsi, l’ideatore del premio Gian Matteo Sidoli e Dumasi Iori, “anima” del Reverberi fin dalla sua prima edizione.

Per tutti l’appuntamento è già fissato a Quattro Castella il 22 febbraio 2016 quando avrà luogo la cerimonia ufficiale di consegna dei premi. Hanno già garantito la loro presenza personaggi importanti del mondo dello sport come Giovanni Malagò, Patrick Baumann, Dino Meneghin e Dan Peterson.

Istituita nel 1985 in onore e ricordo del grande arbitro reggiano Pietro Reverberi, recentemente inserito nella Hall of Fame del basket mondiale come uno dei migliori arbitri di tutti i tempi, la manifestazione ha saputo negli anni rinnovarsi diventando un punto di riferimento per atleti, dirigenti, arbitri e semplici appassionati della ‘palla a spicchi’: un momento importante per una rivisitazione della storia del basket, dei suoi personaggi, dei suoi miti e di quei valori umani che da sempre il basket riesce a trasmettere ai suoi tifosi. La presenza tra i premiati dei campioni di un tempo, insieme agli atleti che ancora oggi vanno a canestro, è una caratteristica peculiare del ‘Premio Reverberi’ che ne ha determinato il successo come manifestazione sia in termini di presenza di pubblico, che come riscontro su mass media e riviste specializzate. L’iniziativa, grazie alla collaborazione della Federazione internazionale, è riconosciuta come l’unica manifestazione in Italia che premia tutte le categoria operanti nel mondo del basket, dagli arbitri ai dirigenti passando per giocatori, giocatrici, allenatori e giornalisti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy