QF G3: Sala Stampa – Le parole di Walter De Raffaele e Cesare Pancotto

Le dichiarazioni post-partita dei due coach dell’Umana Reyer Venezia e della Vanoli Cremona.

Commenta per primo!

WALTER DE RAFFAELE (Umana Reyer Venezia)

“Siamo contenti per la vittoria che ci permette di tornare in vantaggio nella serie. Abbiamo disputato una prova di grande intensità difensiva su tutti i 40 minuti e ciò ci ha permesso di fare cose buone anche in attacco. Abbiamo due match point per qualificarci e cercheremo di fare di tutto perchè ciò accada già sabato. Le prestazioni individuali sono importanti, ma è la squadra che vince le partite: tutti hanno fatto emergere le proprie caratteristiche e le hanno messe al servizio della squadra: Krubally, l’ultimo arrivato, ne è il chiaro esempio. Più giochiamo insieme, più i nuovi si conoscono, s’integrano nei giochi e limano gli errori. Stiamo facendo il massimo in una situazione non facile, visti i numerosi infortuni che ci hanno colpito (out Peric, Owens, Goss, Ress e Savovic ndr). Ora guardiamo a gara 4 con maggiore fiducia e convinzione nei nostri mezzi.”

 

CESARE PANCOTTO (Vanoli Cremona)

“Venezia ha fatto una partita più continua di noi e a loro vanno i miei complimenti. Non abbiamo giocato di squadra, la circolazione del pallone non è stata buona e abbiamo sbagliato troppi tiri da 3 punti. In vista di gara 4 dovremmo essere bravi a limitare i loro contropiedi e ad incidere maggiormente sugli aiuti nei tiri da 3 punti. Contro una squadra così forte e lunga, piena di giocatori esperti che hanno vinto scudetti e giocato finali a livello continentale, appena abbassi i ritmi vieni punito. Non è ancora finita: abbiamo ancora tante armi da usare e sabato vogliamo impattare nuovamente la serie. Con Starks nessun problema: in quella sostituzione di metà primo quarto avevo motivazioni da trasmettere ai giocatori, ho fatto quello che credevo ritenevo fosse giusto in quel momento.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy