ROAD TO F8 2016 – Giorgio Tesi Group Pistoia

ROAD TO F8 2016 – Giorgio Tesi Group Pistoia

All’esordio assoluto nella competizione, i ragazzi di Esposito vogliono stupire pur essendo limitati da infortuni che ne stanno condizionando il rendimento.

LA SQUADRA

Pistoia è l’unico roster dell’intera Serie A ad essere, al momento, rimasto immutato da inizio stagione. Nessun arrivo, nessuna partenza. Questo porta con se benefici e difficoltà. Sotto il primo aspetto è da annoverare la forza derivante da un gruppo stabile e solido che si è conosciuto a fine Agosto e che lavora insieme da ormai 6 mesi. Tutto ciò che Pistoia si è guadagnata sul campo lo ha fatto grazie al lavoro di squadra e questo la dice lunga sulla capacità della dirigenza biancorossa nell’assemblare giocatori e dello staff tecnico nell’infondere i dettami tattici più appropriati. Il gioco rapido e senza fronzoli dei biancorossi rispecchia, ex ungue leonem, la personalità e l’idea di pallacanestro di coach Vincenzo Esposito, anche lui all’esordio nella competizione come coach. Le difficoltà sono rappresentate dagli infortuni che stanno a poco a poco decimando una squadra già di per se essenziale. Ariel Filloy è il grande punto interrogativo che Esposito si porterà al Forum; il capitano biancorosso è fermo ai box per un problema muscolare che lo ha tenuto lontano dal parquet nelle ultime tre partite di campionato combacianti con tre sconfitte contro Trento (avversaria dei pistoiesi al primo turno), Avellino e Milano (entrambe rientranti nel novero delle squadre presenti alla manifestazione). Accanto all’italo argentino, suscita preoccupazione la spalla di Ronald Moore. Il folletto di Philadelphia, metronomo e cervello della squadra, si è infortunato nell’ultima gara di campionato contro Milano ma le probabilità di vederlo in campo sono più alte rispetto a Filloy.

LA STELLA

Facendo un paragone musicale, Pistoia è un concept album: non puoi estrapolare una singola canzone senza perdere l’ordine logico che sta alla base del lavoro. Ribadito il concetto che Pistoia costruisce le proprie vittorie prettamente sulla squadra, il giocatore forse più rappresentativo della truppa biancorossa è Alex Kirk. Centro atipico di 2.13 con discreto gioco sia vicino che lontano da canestro, ottimo interprete del post basso e del pick ‘n pop, insieme a Moore forma un asse play-pivot difficile da arginare. In apparenza goffo, ha stupito allenatori, giocatori e giornalisti per la sua mano educata. Kirk, in campionato, è il miglior realizzatore pistoiese con 16.1 punti a gara risultanti da 12.5 tiri presi a partita. Aspetto da migliorare è sicuramente la difesa a volte rinunciataria quando l’avversario è più prestante dal punto di vista atletico, ma rispetto ad inizio campionato sono stati fatti passi da gigante in questa direzione.

CHI SALE

Se Kirk è il giocatore che, numeri alla mano, risalta maggiormente all’occhio, accanto a lui il pentagramma è composto da altre note più che positive. Visto l’andamento ondivago della squadra nel tiro da tre, sviluppare un buon gioco vicino a canestro è quanto mai fondamentale. Per questo “a salire” sono sicuramente Olek Czyz e Wayne Blackshear. Il polacco è un giocatore di grande sostanza e viene spesso impiegato da Esposito come sesto uomo. Nei momenti complessi della sfida è facile trovargli la palla in mano essendo cercato insistentemente dai compagni. Il combinato disposto di alcuni numeri parla chiaro: gioca 22 minuti, si prende 8 tiri, produce oltre 11 punti ad allacciata. Wayne Blackshear invece è sicuramente il giocatore più migliorato rispetto ad inizio stagione. Da rookie qual’è, ha dovuto prendere confidenza con il basket dei grandi prima di mostrare tutto il suo innegabile talento. Ha sviluppato un ottimo gioco in post basso e lo spiccato atletismo gli permette di giocare sopra il ferro oltre che bruciare l’avversario sulla linea di fondo andando a concludere in lay up. Cliente difficile quando in difesa c’è da usare più il testosterone che l’astuzia, continua ad avere un rapporto complesso con il tiro da tre (22% in stagione).

CHI SCENDE

Eccoci alle dolenti note. Un aspetto che contraddistingue Pistoia fin da inizio campionato è quell’innegabile capacità di trasformarsi in grimpeur per rimontare parziali sostanziosi inflitti dagli avversari. E’ capitato spesso in stagione regolare che Pistoia soffrisse la veemenza offensiva di alcune squadre nel primo quarto di gioco, salvo poi riagguantare la partita con grande dispendio energetico nei quarti successivi. In una competizione da dentro e fuori in campo neutro come la Final 8 un approccio intimorito al match potrebbe risultare devastante. La gestione a proprio favore del ritmo partita sarà dunque fondamentale per i ragazzi di Esposito. L’altro punto delicato di Pistoia è la panchina. Coach Esposito, oltre ai cinque titolari, può contare sull’affidabilità di Czyz e Filloy e sui grandi miglioramenti palesati da Lombardi ma il resto è minutaggio per giovani (Mastellari, Severini, Di Pizzo) che danno l’anima ma non sempre consistente apporto. Scontato dunque dover fare di necessità virtù chiedendo uno sforzo extra, disponibilità a giocare più ruoli e una gestione più oculata dei falli a tutti. Se poi ad una coperta già corta vengono scuciti un paio di centimetri attraverso gli infortuni diventa complesso ripararsi dal freddo. Per Pistoia sarà perciò indispensabile recuperare almeno uno dei due playmaker persi alla vigilia della competizione. A “scendere” in casa Giorgio Tesi Group nell’ultimo periodo è stata indubbiamente la buona sorte.

STATISTICHE (aggiornate al 16/02)

Alex Kirk (213- C -91) 16.1 ppg, 8.5 rpg, 1.2 apg
Wayne Blackshear (198- F -92) 12.2 ppg, 3.9 rpg, 0.7 apg
Aleksander Czyz (200- PF/C -90) 11.4 ppg, 5.9 rpg, 0.8 apg
Preston Knowles (185- SG -89) 10.9 ppg, 3.8 rpg, 3.1 apg
Michele Antonutti (202 – SF/PF -86) 9.4 ppg, 4.2 rpg, 1.1 apg
Ronald Moore (183- PG -88) 8.o ppg, 4.2 rpg, 6.2 apg
Ariel Filloy (190- PG/SG -87) 7.4 ppg, 2.7 rpg, 3.1 apg
Eric Lombardi (200- SG/SF -93) 4.4 ppg, 2.8 rpg, 0.4 apg
Martino Mastellari (193- SG -96) 0.8 ppg, 0.3 rpg, 0.3 apg
Luca Severini (204- PF/C -96) 0.7 ppg, 0.4 rpg, 0.1 apg

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy