ROAD TO F8 2018 – Travis Diener: “Traguardo incredibile, Cremona è passata dalla retrocessione alle F8”

ROAD TO F8 2018 – Travis Diener: “Traguardo incredibile, Cremona è passata dalla retrocessione alle F8”

Intervista a Travis Diener, playmaker della Vanoli Cremona che ci racconta il momento della sua squadra

Commenta per primo!

Vincitore di una Final Eight e MVP della manifestazione nel 2014, Travis Diener è tornato in campo dopo 3 anni di inattività, e ora è pronto per tornare in campo per un’altra avventura in coppa Italia questa volta alla guida della Vanoli Cremona.

 

Le final eight sono un grande risultato per questa squadra. All’ inizio della stagione lo credevi un traguardo possibile?

“ All’inizio di una stagione è difficile fare previsioni perché non si conosco i compagni di squadra. Noi abbiamo iniziato la stagione con due ko, uno in casa con Milano e uno pesante contro Cantù perciò non siamo partiti molto bene. Successivamente abbiamo cambiato marcia e ora possiamo dire che c’è l’abbiamo fatta. È un traguardo incredibile perché l’anno scorso questa squadra era ultima e ora siamo tra le prime 8 ”.

Dalla partita contro Trento avete vinto ben 4 partite di fila e in generale la squadra ha cambiato passo. Cosa è cambiato rispetto all’avvio di stagione?

“Alla prima partita di campionato abbiamo aggiunto Johnson Odom e ci abbiamo messo qualche partita prima di inserirlo pienamente all’interno della squadra. In generale siamo riusciti a sviluppare una positiva chimica di squadra che ci ha permesso di trovare il salto di qualità”.

Sei stato MVP della Coppa Italia con Sassari. Cosa si prova a giocare nuovamente questa competizione?

“ La Coppa Italia è una grande competizione, hai la possibilità di giocarti un trofeo in mezzo alla stagione. Ho grandi ricordi di questo torneo ovviamente legati a Sassari, abbiamo ottenuti grandi risultati e soddisfazioni; non vedo l’ora di poter tornare in campo per rigiocare questa particolare manifestazione”

Quali sono i fattori per poter fare bene in un torneo come questo?

“È una competizione difficile perché giochi tante partite ravvicinate ed è importate restare in forma e riposarsi nei momenti di pausa. Inoltre sei costretto a giocare sempre bene perché ogni errore si paga caro, non puoi concederti momenti di blackout. Con Venezia abbiamo perso ma siamo tornati ad esprimere un gioco di un certo livello, speriamo di poter giocare bene anche contro Avellino”.

Avellino è una squadra di spessore con una panchina di qualità. Che partita sarà?

“Avellino è tra i top team del campionato ed è tra le candidate alla vittoria dello scudetto. La loro forza sta nella profondità della panchina, hanno un roster di qualità e non sarà facile affrontarli. Noi dobbiamo giocare con ritmo e concentrazione, se faremo questo possiamo metterli in difficoltà”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy