ROAD TO F8 2018 – Virtus Segafredo Bologna

ROAD TO F8 2018 – Virtus Segafredo Bologna

Tornata nella massima serie dopo un solo anno in A2, la Virtus ha subito centrato la qualificazione alle Final 8. Nei quarti di finale, le Vnere affronteranno la Germani Brescia.

di Matteo Capelli

Poco meno di due anni fa, la Virtus Bologna conosceva il suo momento più buio (almeno sportivamente parlando) della propria gloriosa storia: la prima retrocessione in A2. Grazie alla guida tecnica e morale di Alessandro Ramagli, e alle imprese sul campo di Spissu, Rosselli, Ndoja, Lawson e Umeh, il purgatorio è durato solo un anno e – dopo la conquista della Coppa Italia di A2 – lo scorso 19 giugno le Vnere hanno potuto festeggiare il ritorno nella massima serie, con la terza vittoria su Trieste. Sette mesi dopo, la Segafredo ha conquistato l’accesso alle Final 8 di Coppa Italia, dopo aver chiuso il girone d’andata al settimo posto. Il raggiungimento di questo obiettivo è stato il frutto di un mercato estremamente ambizioso (in estate sono arrivati Ale Gentile e Pietro Aradori, oltre ai veterani Oliver Lafayette e Marcus Slaughter) da parte della nuova proprietà rappresentata da Massimo Zanetti (patron Segafredo) ed il suo braccio destro Luca Baraldi, ma anche di un processo di crescita di cui il confermato Ramagli è stato principale arteficie. A Firenze, i bianconeri affronteranno nei quarti di finale la Leonessa Brescia, grande sorpresa del girone d’andata, capace di sbancare al Paladozza, grazie al tiro decisivo dell’ex Luca Vitali.

LA STELLA

Le statistiche del girone di andata della Virtus dicono che il giocatore più importante nel roster di Ramagli è Alessandro Gentile (leader della squadra per punti, rimbalzi e assist) che dopo l’anno più difficile della sua carriera, ha deciso di rilanciarsi a Bologna. Ale è per certi versi un giocatore contraddittorio, ma il suo talento è fuori discussione così come la sua voglia di non risparmiarsi mai in campo. Il suo girone di andata ha avuto momenti incredibili (la partita di Varese, vinta quasi da solo) ed altri in cui non è riuscito a controllare il suo istinto (la rissa con Gutierrez in difesa del fratello che gli è costata 2 giornate di squalifica).

CHI SALE

Oltre ad Ale Gentile, gli altri due leader sono certamente Marcus Slaughter e Pietro Aradori. Il primo, dopo una fase iniziale da ministro della difesa, ha capito di poter essere un fattore anche in attacco (13 di media nelle ultime 6), e la sua esperienza (campione d’Eurolega con il Real Madrid) rappresenta un valore aggiunto. Il secondo, da verificare dopo l’acciacco muscolare patito a Sassari, è invece il giocatore più continuo ed affidabile, un’autentica certezza nei finali di partita grazie anche al 90% ai tiri liberi. Non è inoltre da sottovalutare l’apporto di Umeh (capace di infiammare i tifosi con le sue triple), Ndoja (capitano dopo l’addio di Rosselli) e Stefano Gentile (unico vero regista).

CHI SCENDE

Se c’è un punto debole nel roster bianconero è rappresentato dall’assenza di un playaker puro. Lafayette sta facendo fatica in quel ruolo, ma le sue prestazioni sono in miglioramento. Inoltre, il cambio di Slaughter, il confermato Lawson (dominatore l’anno scorso in A2), nonostante una stagione nel complesso positiva, sta faticando in trasferta. In generale, la Virtus ha avuto come principale difficoltà iniziale quella di non saper vincere nei finali punto a punto (sconfitte in volata con Trento, Venezia, Milano, Brescia e Brindisi). Di certo, tra le serate store (che comunque sono state pochissime) non si può dimenticare il – 28 ad Avellino.

STATISTICHE INDIVIDUALI

#0 Alessandro Gentile (200 – A – 1992) 16.7 ppg, 6.9 rpg, 3.6 apg

#3 Michael Umeh (187 – G – 1984) 9.2 ppg, 1.7 rpg, 1.2 apg

#6 Alessandro Pajola (194 – PM – 1999) 1.2 ppg, 0.8 rpg, 0.5 apg

#8 Filippo Baldi Rossi (207 – A/C – 1991) 5.7 ppg, 3.3 rpg, 0.8 apg

#13 Klaudio Ndoja (201 – A – 1985) 5.4 ppg, 2.5 rpg, 0.4 apg

#20 Oliver Lafayette (188 – P/G – 1984) 8.5 ppg, 3.2 rpg, 3.4 apg

#21 Pietro Aradori (196 – G/A – 1988) 16.1 ppg, 4.3 rpg, 2.3 apg

#22 Stefano Gentile (191 – PM – 1989) 5.9 ppg, 3.4 rpg, 2.5 apg

#25 Kenny Lawson (208 – A/C – 1988) 8.8 ppg, 3.1 rpg, 0.2 apg

#44 Marcus Slaughter (204 – C – 1985) 9.7 ppg, 7.3 rpg, 1.8 apg

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy