SERIE A, Playoff 2018 – Umana Reyer Venezia

SERIE A, Playoff 2018 – Umana Reyer Venezia

Gli orogranata dopo una emozionante rimonta si presentano in post season da primi della classe con la speranza di bissare lo scudetto dello scorso anno

di Riccardo Lucarini

Stagione molto positiva per la Reyer Venezia. La squadra di coach De Raffaele ha saputo trasformare i problemi che l’anno accompagnata fino a metà febbraio in un grande input per disputare una seconda parte di stagione magnifica. 

In estate sono cambiati molti giocatori nonostante la vittoria dello scudetto. In terra veneta sono arrivati Biligha, Johnson, Jenkins, Cerella, Watt, De Nicolao, Bolpin e Orelik. I primi mesi non sono stati facili, soprattutto per via degli infortuni, ma i lagunari si sono sempre mantenuti in zona Final eight.

La squadra lagunare è arrivata alla coppa Italia da quarta in classifica con grandi motivazioni, uscendo però al primo turno. Anche in Basketball Champions League le cose non sono andate meglio con Venezia eliminata e retrocessa in FIBA Europe Cup a causa della classifica a vulsa. A tutto ciò si è aggiunto l’infortunio di Orelik, perno offensivo della squadra, che ha messo fine anzitempo  alla sua stagione.

I lagunari però non si sono dati per vinti e dopo l’arrivo di Daye e Sosa hanno trovato le giuste contromisure alle difficoltà dei primi mesi innalzando il loro gioco ad un livello superiore. Con l’ex Spurs sono arrivate così la vittoria della FIBA Europe Cup (primo titolo europeo della storia di Venezia) e soprattutto un filotto di vittorie in campionato che ha portato la squadra a giocarsi il primo posto in classifica all’ultima giornata con Milano.

Adesso al primo turno gli orogranata sono attesi da Cremona in una serie che si preannuncia molto difficile ma che deve essere il primo tassello per arrivare alla vittoria dello scudetto.

CHI SALE:

Grande merito per la straordinaria seconda parte di stagione della Reyer  Venezia va sicuramente ai duoe lunghi Austin Daye e Mitchell Watt. Il primo, arrivato a metà stagione si è subito inserito nel meccanismo di gioco degli orogranata , diventando grazie al suo enorme talento un punto di riferimento offensivo per i lagunari. Watt, invece, dopo una prima parte di stagione con alti e bassi ha saputo diventare quel “big man” sotto le plance di cui gli orogranata avevano bisogno. Oltre ad essere un valido realizzatore al ferro ma anche dalla distanza è in difesa che Watt ha saputo migliorarsi molto facendo fare un salto di qualità a tutta la squadra. Menzione d’onore anche per Paul Biligha che si è sempre fatto trovare pronto quando impiegato da coach De Raffaele.

CHI SCENDE :

Dopo la cavalcata degli ultimi mesi nessuno meriterebbe di scendere ma, dovendo trovare il pelo nell’uovo, sicuramente per Michael Jenkins e Dominique Johnson la stagione appena trascorsa non è stata delle migliori. Per il primo i problemi sono stati prevalentemente di natura fisica e non gli hanno consentito di trovare quella continuità che sarebbe stata importante per lui. Johnson,invece, ha faticato molto ad ambientarsi in squadra a causa del suo stile di gioco a volte troppo individualista per un sistema che fa della coralità la sua arma vincente. Le prestazioni altalenanti lo hanno condannato più volte alla tribuna in campionato dopo l’arrivo del sesto extracomunitario Edgar Sosa e l’essere passato dal posto fisso in quintetto base di inizio stagione a un impiego molto più ridotto non ne ha certamente favorito l’entrata nel rodato meccanismo veneziano. Nota di merito per DJ è stata  però la Fiba Europe Cup in cui ha avuto più spazio e ha sicuramente dato un contributo importante alla vittoria.

STATISTICHE INDIVIDUALI

#0 Marquez Haynes (188-G- 86) 10.0 ppg, 2.4 rpg, 3.7 ago

#2 Hrvoje Peric (203-A-85) 11.1 ppg, 5.2 rpg, 1.8 apg

#3 Dominique Johnson (190-G-87) 11.3 ppg, 2.9 rpg, 2.7 apg

#4 Edgar Sosa (190-G-88)5.3 ppg, 0.9 rpg, 2.3 apg

#6 Michael Bramos (198-A-87) 9.8 ppg, 4.3 rpg, 1.6 apg

#7 Stefano Tonut (194-G-93) 6.2 ppg, 3.5 rpg, 1.5 apg

#9 Austin Daye (208-A-88) 12.3 ppg, 6.5 rpg, 1.5 apg

#10 Andrea De Nicolao (185-G-91) 4.2 ppg, 1.3 rpg, 2.5 apg

#11 Michael Jenkins (190-G-86) 5.4 ppg, 2.1 rpg, 1.5 apg

#12 Gedeminas Orelik (201-A-90) 14.9 ppg, 4.8 rpg, 2.9 apg

#13 Riccardo Bolpin (194-G-97) 1.8 ppg, 0.7 rpg, 0.8 apg

#14 Tomas Ress (209-A-80) 2.0 ppg, 0.9 rpg, 0.1 apg

#19 Paul Biligha (198-C-90) 6.2 ppg, 3.2 rpg, 0.4 ppg

#30 Bruno Cerella (193-G-86) 2 ppg, 1.3 rpg, 0.6 apg

#50 Mitchell Watt (208-C-89) 11.4 ppg, 4.6 rpg, 1.0 apg

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy