Settima meraviglia per Trento, ora anche il quarto posto è possibile

Settima meraviglia per Trento, ora anche il quarto posto è possibile

Sassari cade in trasferta sotto i colpi di Flaccadori: la guardia classe ’96, evidentemente in serata, ha sfornato una prestazione da 20 punti, frutto dell’aggressività e della mano calda da fuori che dalla panchina al canestro lo hanno portato a un 6/8 ai liberi e a un 4/9 da 3 punti

di Gabriel Marciano

Si dice che le sette meraviglie del mondo siano il Chichén Itzá in Messico, il Cristo Redentore in Brasile, il Taj Mahal in India, la zona giordana di Petra, la Muraglia Cinese, la perduta città degli Incas in Perù, ossia Machu Pichu e l’Anfiteatro Flavio, comunemente conosciuto come Colosseo… ma la settima meraviglia della serata dei tifosi dell’Aquila è stato il settimo successo consecutivo della Dolomiti Energia, che ha ottenuto un’importante vittoria casalinga su Sassari, per 87-81 alla BLM Group Arena di Trento.

La coppia di guardie Flaccadori – Shields ha fatto divertire il pubblico trentino combinando per 41 punti e ha scaldato i motori di tutta la Dolomiti Energia per i playoffs. Trento ora si trova a quota 36 punti in classifica, in tasca si ritrova come minimo il quinto posto in classifica e può ambire anche al fattore campo per il primo turno di post-season. La prossima avversaria dei trentini, infatti, è Avellino e proprio gli irpini occupano la quarta posizione, a 38 punti, due in più dell’Aquila.

Possono quindi sperare di volare anche quest’anno i bianconeri… Sicuramente lo hanno fatto stasera, dimostrando di poter utilizzare più armi, di avere più giocatori che si possono accendere durante l’anno a seconda delle necessità: in una serata in cui quattro delle punte di diamante hanno tenuto il silenziatore – Sutton, Forray, Gomes e Hogue hanno segnato in totale 23 punti – sono invece andate in doppia cifra le altre quattro: Gutierrez con 10 punti, 3 assist e 2 rimbalzi; Silins con 13 punti, 5 rimbalzi, 1 stoppata e un assist; Flaccadori si è dimostrato un vero trascinatore con 20 punti, 6 falli subiti, 4 assist e 1 rimbalzo; e infine Shields si è caricato l’attacco sulle spalle in momenti decisivi, condendo la propria prestazione con 21 punti, 5 rimbalzi e 2 assist.

Dolomiti Energia Trentino 87-81 Dinamo Sassari

Parziali:24-15; 21-15; 19-23; 23-28.

Trento: Forray, Shields, Sutton, Silins, Hogue.

Sassari: Stipcevic, Bamforth, Bostic, Polonara, Jones.

LA CRONACA. La serata dei bianconeri comincia alla grande con la tripla di Silins e il semigancio di Shields dopo un recupero difensivo di Sutton: la Dolomiti Energia continua a crescere di colpi e, nonostante Stipcevic e Hatcher siano in vena dalla distanza, allarga il proprio margine di vantaggio fino al 24-15 di fine primo periodo.

Nel secondo quarto l’Aquila prende il volo e piazza un parziale di 17-4, frutto di un’ottima precisione al tiro, di propensione al rimbalzo offensivo e di una difesa che ha messo le manette all’attacco sardo: Flaccadori ne mette 13 in fila, Gutierrez si fa trovare pronto nel momento del bisogno e Trento doppia Sassari 41-19. Un breve passaggio a vuoto dei padroni di casa viene compensato dai canestri di Silins e Shields, che mandano le due compagini negli spogliatoi sul 45-30.

Al rientro sul parquet l’aria non è cambiata e Trento si riprende il +20, ma l’arsenale offensivo di Hatcher e Jones ricuce il gap fino al 64-53 di fine terza frazione.

Se i tifosi bianconeri si erano rilassati per un secondo vedendo il massimo vantaggio, ora hanno dovuto supportare i propri beniamini, perché negli ultimi 10’ Sassari tenta il tutto per tutto affidandosi a Polonara e Jones. Flaccadori però è in serata di grazia e si carica tutta Trento sulle giovani spalle trovando il fondo della retina con due triple consecutive e Trento scappa di nuovo via. I sardi, alla ricerca disperata della vittoria per continuare a inseguire l’obiettivo playoff (lontano ora proprio 2 punti), tornano più volte sotto la doppia cifra di svantaggio, ma una tripla in step-back di Gutierrez e una di Shields spengono tutte le speranze dei sardi. La tripla finale di Silins chiude la partita e tiene accesa invece la speranza che ha la città di Trento di vedere una partita in più al palazzetto invece che in TV al primo turno di playoffs, che sarà soddisfatta se Forray e compagni andranno a vincere l’ultima partita di regular season al Pala Del Mauro, ribaltando la differenza canestri dell’andata.

Dolomiti Energia Trentino 87-81 Dinamo Sassari

MVP Basketinside.com: Diego Flaccadori, la guardia classe ’96, evidentemente in serata, ha sfornato una prestazione da 20 punti, frutto dell’aggressività che lo ha portato a un 6/8 ai liberi e della mano calda anche da fuori (44% da 3). Menzione speciale per l’altra guardia, che per tutto l’anno si è giocato il posto da titolare con Flaccadori, palesando la qualità che ha Trento nel reparto. Shavon Shields chiude con 21 punti, miglior realizzatore della Dolomiti Energia e secondo dell’incontro dietro a Shawn Jones (22) che non è riuscito a trascinare la Dinamo Sassari ai 30 punti in classifica, che sarebbero stati comodi per la corsa ai playoffs.

Trento: Franke ne, Sutton 4, Silins 13, Forray 4, Conti ne, Flaccadori 20, Gutierrez 10, Gomes 7, Ladurner ne, Hogue 8, Lechtaler ne, Shields 21. All. Maurizio Buscaglia.

Sassari: Spissu, Bostic 6, Bamforth 10, Devecchi, Bucarelli ne, Pierre 2, Jones 22, Stipcevic 7, Hatcher 16, Polonara 14, Tavernari. All. Zare Markovski.

Arbitri: Enrico SABETTA – Denny BORGIONI – Evangelista CAIAZZA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy