Siena – Milano, le pagelle: Carraretto cuore di capitano, Langford torna e si vede

Siena – Milano, le pagelle: Carraretto cuore di capitano, Langford torna e si vede

Pagelle Gara 4 Quarti Playoff
 
Montepaschi Siena – EA7 Emporio Armani Milano 75–69 (20-19; 35-34; 54-53)
 
MONTEPASCHI SIENA
 
 
Brown 6,5 – Serata in versione point guard, ruolo che più gli si addice. Il tiro da tre non entra, attacca con costanza il ferro raccogliendo 6 falli e tanti liberi. Top scorer con 17 punti
 
Eze 8 – Mvp, punti fondamentali nell’ultimo quarto, una doppia doppia che potrebbe cambiare la serie. Si diceva che a Siena mancasse un centro, ma con un Eze così il problema è risolto.
 
Carratto 8 – Il capitano sceglie la serata più importante per ergersi nuovamente a protagonista. 4 triple di capitale importanza, difesa impeccabile, 3 recuperi. E’ anima e cuore della squadra.
 
Rasic ne – Non vede il campo, ormai ai margini.
 
Kangur 5,5 – Solo 9 minuti in campo per lui, ma è reduce dal fastidio alla schiena. Si sbatte in difesa, unico con valutazione negativa per Siena. Atteso in forma per le prossime due gare.
 
Sanikidze 5,5 – Contro i lunghi di Milano per lui è vita difficilissima, non ha muscoli e centimetri per farsi valere sotto canestro, oltre alla fiducia nei propri mezzi.
 
Ress 6 – Segna il primo canestro con la solita bomba, ma resta sul parquet pochi minuti. Stanco, recupererà per gara 5.
 
Ortner 5,5 – Svolge il suo compitino, senza infamia e senza lode. In difesa è abusato da Mensah-Bonsu.
 
Lechthaler ne – Ancora 0 minuti per lui in questa serie.
 
Janning 5 – Torna dopo l’infortunio alla caviglia patito qualche settimana fa, ma spara a salve. Manca di ritmo e condizione, fondamentali per un tiratore puro.
 
Hackett 7 – Poco lucido in attacco, ma come sempre gran trascinatore ed unico playmaker di Siena. 5 assist, 6 falli subiti, carattere da vendere. Senza di lui la Montepaschi da oggi sarebbe in vacanza.
 
Moss 6,5 – Dopo l’exploit di gara 3, si prende una serata di “riposo” dal canestro avversario, dedicandosi con successo alla fase difensiva. Green è annullato, Langford è un rebus.
 
EA7 EMPORIO ARMANI MILANO
 
Bou, perché così poco in campo?
 
Giachetti ne – Davvero non si merita nemmeno un minuto?
 
Hairston 5,5 – 8 punti, 4/6 al tiro. Si prende poche responsabilità, ridotte dalla presenza in campo di Langford. Pasticcione con 5 palle perse, troppe in una partita punto a punto.
 
Fotsis 5 – Nervoso, non ha fiducia nel proprio tiro ed i compagni non lo coinvolgono. In 21 minuti tenta solo 3 conclusioni, 0 rimbalzi ed 1 palla persa. Troppo, troppo poco.
 
Chiotti ne – Vale il discorso di Giachetti.
 
Bourousis 6,5 – Resta un mistero il perché un giocatore così sia costantemente relegato in panchina. Gioca poco più di un quarto, ma quando è in campo è letale per la difesa biancoverde. Discorso già fatto tante altre volte, problemi con Scariolo? Non può essere solo un discorso di falli.
 
Melli 5 – Grande personalità ed esuberanza, pregio quando la serata gira per il verso giusto, un problema quando il tiro non entra. Esce per 5 falli, ma l’impegno è innegabile.
 
Mensah-Bonsu 6,5 – Sfiora la doppia doppia, sono ben 13 i rimbalzi, di cui 4 offensivi. Ma non merita un voto più alto perché nel momento in cui la squadra aveva maggiormente bisogno della sua fisicità, è stato sovrastato da Eze. -19 di +/-.
 
Bremer 4,5 – Eroe di gara 2, fantasma nelle due partite di Siena. Come si può affidare la squadra ad un giocatore così discontinuo? 0 punti, 1 assist, 2 palle perse. Decisamente rivedibile.
 
Langford 7,5 – Da solo si carica la squadra sulle spalle, permettendole di non abdicare già nel terzo quarto. Ma non si possono chiedere miracoli ad un giocatore ancora dolorante e schierato quasi “per forza”. 21 punti, top scorer del match.
 
Gentile 6 – Come sempre beccato dal pubblico senese, vive l’incontro come una sfida personale, ma a differenza di gara 3 il tiro non entra. Ci mette comunque la faccia ed è uno degli ultimi a mollare.
 
Green 5,5 – Ben difeso da Moss, ha vita difficile quando il pallone è tra le sue mani. Serve solo due assist, ma segna comunque due triple che danno speranza nel finale.
 
Basile sv – solo 5′, una tripla nei secondi finali che non ha peso.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy