Torneo Città di Jesolo: per Shangai altra debacle, Reggio Emilia vince comodamente

Torneo Città di Jesolo: per Shangai altra debacle, Reggio Emilia vince comodamente

Commenta per primo!

GRISSIN BON REGGIO EMILIA – SHANGHAI SHARKS 84-53 (25-10, 43-28, 63-40)

REGGIO EMILIA: Lilov 26 (4/6, 6/8), Lavrinovic 14 (4/5, 2/4), De Nicolao 3 (1/4 da tre), Pechacek 4 (0/1, 1/3), Janjic 7  (2/3, 1/4), Kaukenas 10 (1/4, 2/4), Lusvarghi 2 (1/5), Lever 8 (4/8), Gentile 10 (4/4, 0/3), Mitt (0/1), All.: Menetti.
SHANGHAI: Cai (0/3, 0/3), Lee (0/1), Ge 10 (2/3, 1/2), Lu 7 (1/1, 1/4), Wang Z., Feng 10 (1/2, 2/5), Zhai 5 (1/2, 0/2), Wang T. 1, Huang ne, Ju, Wu 3 (1/6), Zhang 17 (711). All.: Peng.
ARBITRI: Begni, Bartoli, Biggi.
NOTE: Tiri liberi: Reggio Emilia 5/9, Shanghai 15/23, Rimbalzi: Reggio Emilia 32 (24+8), Shanghai 27 (22+5).

La Grissin Bon Reggio Emilia conquista il terzo posto del 3° Torneo Internazionale Città di Jesolo superando gli Shanghai Sharks 84-53. Reggio Emilia schizza subito avanti grazie alle triple di Lilov e Kaukenas (11-3) e coach Peng si rifugia in time-out. I cinesi rimangono in scia per merito del 2.18 Zhang (11-8), ma la Grissin Bon risponde con un parziale di 10-0 (21-8),di cui metà dei quali messi a segno da Lilov. Lever sulla sirena fissa il punteggio sul 25-10 di fine periodo. Il secondo quarto inizia con il fallo tecnico sanzionato a Kaukenas  e gli “squali” si rifanno sotto con la tripla di Lu e la penetrazione di Qi (29-20). Lavrinovic e Kaukenas da tre ristabiliscono le distanze (38-22) e la tripla del solito Lilov chiude il parziale di 12-2 (41-22). Nel finale di periodo gli Sharks riescono a rosicchiare qualche lunghezza e chiudono sul -15 a metà partita (43-28).

Dopo l’intervallo la Grissin Bon controlla il punteggio, Lavrinovic mette 4 punti consecutivi per il 49-30, i cinesi stavolta accusano il colpo e il divario in questa frazione si assesta sui 20 punti. Gentile mette il cesto del 55-35, Lusvarghi allunga sino al 57-35 e il periodo si chiude sul massimo vantaggio emiliano sino a questo momento (63-40, canestro da sotto di Lever). Nel quarto quarto la Reggiana esagera e vola sul +28 (71-43), nonostante in campo ci siano i giovani Janjic e Mitt: Lavrinovic si alza dalla panchina e ne mette 4 in fila per il 76-44. La contesa non ha più storia, coach Peng chiama minuto di sospensione, poi Janjic dall’angolo mette la tripla del 79-45, vantaggio massimo della serata. Si chiude con la conclusione pesante di Lilov, 26 punti per lui e 29 di valutazione, per l’84-53 finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy