Torneo Tirrenia: Avellino con un super Thomas annichilisce Caserta

Torneo Tirrenia: Avellino con un super Thomas annichilisce Caserta

La Sidigas Avellino stravince contro la Pasta Reggia Caserta e ipoteca l’accesso alla finale del Torneo Tirrenia.

Commenta per primo!

Dopo i primi scrimmage, per Pasta Reggia Caserta e Sidigas Avellino iniziano i primi veri test in vista del debutto in campionato del 2 ottbre. Sono le due campane a dare il via a Olbia al Torneo Tirrenia in una semifinale che è stata caratterizzata da equilibrio per un solo quarto ma che per i restanti tre è stata dominata in lungo e in largo da una Scandone Avellino in condizioni fisiche nettamente superiori a quelle della Pasta Reggia.

LA CRONACA – I primi minuti di partita vedono la Pasta Reggia partire molto bene con un 6-2 di parziale firmato Watt, Cinciarini e Gaddefors. A tenere in piedi la Sidigas nei primi minuti è Cusin che con due schiacciate propizia il recupero dei suoi che con i titi liberi di Thomas si riporta sul 6-6. Il primo vantaggio irpino arriva grazie alla tripla di Thomas che porta i suoi a +3 (9-6) e costringe coach Dell’Agnello a un immediato timeout. Al rientro in campo Caserta rientra abbastanza facilmente, ma la partita procede sui binari dell’equilibrio. In questa fase di partita Ragland e Gaddefors sono i punti di riferimento delle rispettive squadre che si fronteggiano ad armi pari, anche se alla fine del primo quarto è la Scandone a condurre per 23-21 grazie al canestro sulla sirena di Zerini.

In avvio di secondo quarto Avellino prova a scappare grazie al 5-0 di parziale firmato Ragland e Randolph che vale il +7 sul 28-21 e che costringe la panchina casertana a un imediato timeout. Al rientro in campo Cusin dalla lunetta prolunga il parziale dei suoi, la tripla di capitan Cinciarini prova a dare la scossa ai bianconeri, ma le schiacciate di Thomas e Cusin regalano ai ragazzi di coach Sacripanti la doppia cifra di vantaggio sul 34-24. Putney prova a caricarsi la squadra sulle spalle ma Thomas e Cusin sono in grande spolvero e il vantaggio della Scandone aumenta fino ad arrivare alle quindici lunghezze di fine secondo tempo. All’intervallo lungo Avellino conduce per 45-30.

Nel terzo quarto la Pasta Reggia prova a rimettersi in carreggiata ma Thomas è incontenibile e lo scarto tra le due compagini non diminuisce anzi, supera anche i venti punti con la penetrazione vincente del solito Thomas che porta la Sidigas a +21 sul 55-34 in suo favore. Caserta, con Giuri e Gaddefors, prova a restare a evitare una bruttissima figura in quello che, nonostante sia solo un’amichevole di settembre, resta comunque un derby, ma il distacco dall’avversaria resta sempre intorno ai venti punti. A causa di un guasto ai tabelloni il gioco viene interrotto per qualche minuto, ma ciò non cambia l’inerzia della partita. Alla fine del terzo quarto Avellino conduce per 72-51.

Il terzo quarto è puro garbage time utile esclusivamente a mettere minuti nelle gambe e provare a migliorare la condizione atletica ma, dal punto di vista del risultato, le probabilità di una rimonta casertana sono ridotte davvero al lumicino. Nel finale Watt e Cinciarini provano a limitare i danni e portano la Juve fino al -13, ma è troppo tardi e alla fine la Scandone vince per 85-72.

PASTA REGGIA CASERTA 72-85 SIDIGAS AVELLINO (21-23; 30-45; 51-72)

Pasta Reggia Caserta – Sosa 24, Duranti 0, Cinciarini 10, Ventrone 3, Putney 9, Gaddefors 12, Bergantino, Giuri 3, Bostic, Cefarelli 0 ,Watt 11.
Coach: Dell’Agnello
Sidigas Avellino – Zerini 5, Ragland 18, Green 2, Bianco, Esposito 0, Molteni, Leunen 5, Cusin 14, Severini 3, Randolph 6, Thomas 26, Parlato 6.
Coach: Sacripanti

Arbitri: Aronne, Boninsegna, Grigioni
Parziali: (21-23; 9-22; 21-27;21-13)

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy