Trento-Pesaro, Forray: “Per battere la VL ci servono entusiasmo e continuità”

Trento-Pesaro, Forray: “Per battere la VL ci servono entusiasmo e continuità”

Le dichiarazioni prepartita di “Toto” Forray e dell’assistant coach Vincenzo Cavazzana

di Gabriel Marciano

TOTO FORRAY (Playmaker e capitano DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Pur nella sconfitta, contro l’ASVEL abbiamo messo in campo delle buone cose: abbiamo giocato tre buonissimi quarti, sottolineo anche il terzo perché nonostante le difficoltà siamo riusciti a rimanere dentro la partita a livello tecnico e mentale. Riprendere energia all’interno dei 40’ è decisivo, dobbiamo riuscire a tenere la partita in mano anche dopo aver sofferto. Non stiamo attraversando il nostro momento migliore, più che altro per colpa dei risultati perché poi come gruppo stiamo lavorando molto bene: ci serve un po’ di fiducia, qualche buon risultato potrebbe aiutarci a trovarne. Non cerchiamo alibi, la situazione è questa: l’unica cosa che possiamo fare è lavorare, crescere e provare a cambiare questa situazione. Contro la VL dobbiamo giocare con più entusiasmo e più voglia di vincere dei nostri avversari”.

VINCENZO CAVAZZANA (Assistant Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Pesaro è una squadra profondamente rinnovata: sul perimetro Moore, Ceron e Bertone hanno talento offensivo e capacità di colpire da tre punti, in area Omogbo e Mika rappresentano una coppia di lunghi che fanno reparto, sono consistenti e rimbalzo e ben assemblati sia in attacco che in difesa. Per noi questa è una partita importantissima: non possiamo cambiare il nostro passato ma possiamo cambiare il nostro presente. Per farlo, la rabbia che abbiamo dentro, come squadra, va canalizzata in energia positiva: ci servono difesa, agonismo, voglia di lottare. Anche contro l’ASVEL abbiamo avuto la riprova che quando giochiamo assieme mostriamo il nostro grande potenziale: non possiamo risolvere la partita da soli, dobbiamo restare uniti e connessi. Contro Pesaro ci aspetta una battaglia, dobbiamo erigere un vero e proprio muro difensivo e lavorare bene a rimbalzo per controllare il ritmo del match”.

Fonte: Ufficio Stampa Dolomiti Energia Trentino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy