Trofeo Sant’Ambrogio – Brescia vince il torneo, Cantù sconfitta nuovamente

Trofeo Sant’Ambrogio – Brescia vince il torneo, Cantù sconfitta nuovamente

Va a Brescia la 45esima edizione del Trofeo Sant’Ambrogio.

Commenta per primo!

La Pallacanestro Cantù lotta con le unghie e con i denti ma alla fine è la Leonessa Brescia a trionfare, conquistando così la 45esima edizione del “Trofeo Sant’Ambrogio”, dopo il successo di ieri contro l’Orlandina, che Cantù incontrerà invece domani alle ore 18.00. Al PalaCalafiore di Reggio Calabria finisce 91 a 74: Culpepper top scorer per i brianzoli con 18 punti, 13 per Smith, tornati entrambi dopo aver saltato le ultime partite. I biancoblù escono sconfitti a testa alta contro un’ottima squadra, dopo un buon primo quarto ed un finale giocato comunque con orgoglio.

LA CRONACA
In avvio di gara, a rendersi protagonista è proprio Culpepper: la guardia del Tennessee realizza cinque dei sette punti canturini, portando i suoi avanti 7 a 3 in una manciata di secondi. Mentre Brescia fatica al tiro – sbagliando anche tiri piuttosto semplici – Cantù sprinta sul 12 a 3 grazie ai due canestri consecutivi di capitan Chappell, particolarmente ispirato nella prima frazione. Time out obbligato per la Leonessa, in netta difficoltà nella metà campo offensiva. Tuttavia, la formazione di coach Bolshakov ha il demerito di non approfittarne, venendo presto recuperata. Al 10’ il parziale sorride comunque a Cantù, avanti 19 a 15.

Pronti e via, nel secondo quarto l’attacco bresciano cambia musica: grazie ai canestri di Moore ed alla fisicità di Hunt, la Leonessa graffia fin dai primi minuti, ricucendo in un battibaleno lo strappo iniziale. Mini-parziale di 13 a 4 per Brescia, Moore scatenato e time out per Cantù. Al rientro in campo il momento no di Cantù continua, nonostante un gran canestro di Crosariol, ben servito da Chappell. Al pivot ex Viola Reggio Calabria risponde ancora una volta Moore, il migliore del primo tempo con 16 punti a referto. 40-29 alla pausa lunga, con Brescia capace di ribaltare il risultato grazie ad un gioco molto più aggressivo.

Al rientro dagli spogliatoi, di rallentare la Leonessa non ne ha proprio voglia e Cantù scivola sotto di tredici lunghezze (45-32). Ci pensa dunque Raucci a caricarsi sulle proprie spalle l’attacco canturino, segnando due canestri preziosi che permettono a Cantù di accorciare le distanze (47-40). I minuti finali del terzo quarto assomigliano ad un festival di triple: Tassone e Parrillo trascinano i brianzoli fino al -4 (62-58), riaccendendo le speranze di rimonta. Ma Brescia dall’arco è calda almeno quanto Cantù, con Michele Vitali bravo a rispondere colpo su colpo dai 6,75. Quest’ultimo è cinico nell’annullare gli sforzi di un infuocato Parrillo, che manda a bersaglio tre “bombe” di fila nell’arco di novanta secondi. 71-61 al 30’.

Nella quarta frazione, nonostante un Parrillo ancora caldissimo, è Brescia ad imporre il ritmo. I bresciani pigiano sul pedale dell’acceleratore, portandosi sul +15 (69-54) a 7’ abbondanti dal termine grazie ad una tripla a firma di Mastellari. Il vantaggio si fa più corposo: +20 al 36’ (84-64), Cantù a corto di energie. Gli ultimi minuti di gara sono in puro stile “garbage time”, nei quali si evidenzia comunque un ottimo Maspero. Finisce 91 a 74 per la Leonessa, guidata dai 24 punti di Moore e dai 19 di Michele Vitali.

GERMANI BASKET BRESCIA-PALLACANESTRO CANTÙ 91-74 (15-19, 40-29, 71-61)

Leonessa Brescia: Moore 24, Hunt 17, L. Vitali 8, Mastellari 3, Veronesi, Fall, Traini 4, M. Vitali 19, Sacchetti 9, Bushati 7. All: Diana
Pallacanestro Cantù: Smith 13, Culpepper 18, Parrillo 12, Tassone 4, Crosariol 2, Maspero 4, Raucci 5, Chappell 13, Vai 3, Thomas ne. All: Bolshakov

Arbitri: Micino di Potenza e Nocera di Catanzaro

Uff.Stampa Pall.Cantù

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy