Vanoli Cremona ai raggi X: Con l’ingresso dei nuovi sponsor si pensa in grande

Vanoli Cremona ai raggi X: Con l’ingresso dei nuovi sponsor si pensa in grande

Commenta per primo!

Al termine del campionato 2012/2013, sembrava di rivivere la triste estate del 2012: nessuna certezza sul futuro della squadra, giocatori in cerca di squadra e società a corto di soldi, con il forte rischio di non effettuare nemmeno l’iscrizione del campionato. Ma proprio sul finire, nel momento in cui sembrava ormai tutto perso, ecco che arriva la buona novella. 19 società del territorio, coordinate da Maurizio Calcinoni, per il Gruppo Arvedi, già proprietario della Cremonese Calcio, e dal neo vicepresidente Davide Borsatti, con l’apporto anche di Maurizio Ferraroni, si sono unite per portare il loro apporto al Presidente Aldo Vanoli e permettere di poter programmare l’annata, con qualche luce di speranza di aver gettato le basi per una collaborazione pluriennale. Da qui, il passo era molto semplice, si è passati a smarcare immediatamente il nodo dello staff tecnico, con la riconferma completa dei componenti dell’anno precedente, anche a seguito delle dichiarazioni dell’ex, riconfermato, Luigi Gresta che, subentrato in corsa ad Attilio Caja, aveva espresso il proprio interesse a continuare con la società biancoblù la sua carriera di capo allenatore, nonostante le numerose richieste pervenute, visto l’ottimo finale di stagione appena conclusa. Si è quindi cercato di guardare al pacchetto giocatori, tutti senza contratto, con la speranza di poterne riconfermare il più possibile, ma scelte tecniche e richieste economiche hanno portato ad una rifondazione quasi totale, eccezion fatta per il capitano Andrea Conti e per il neo-italiano (ma che deve essere contato come comunitario) Jarrius Jackson che, nonostante le sirene di squadre più blasonate, ha accettato di rimanere a Cremona per ripetere il campionato dell’anno precedente. Sempre guardando con attenzione ai conti ed al budget a disposizione, però, la dirigenza cremonese ha scelto di non “pescare” più a mani basse nel campionato di LegaDue, ma di affidarsi ad un lavoro certosino di ricerca nel mercato Europeo, andando a trovare quelle che potremmo definire delle autentiche perle, vedi Rich che dopo l’esperienza russa ha scelto di tornare a Cremona, nella città che lo aveva già avuto nel finale di stagione 2011/2012 ed il play, americano con passaporto georgiano, Ben Woodside, lo scorso anno in Turchia e miglior assit-man del campionato. Ecco quindi costruita una squadra molto pericolosa dalla media/lunga distanza, ma che con elementi come Kelly e Rich, quest’ultimo per la sua esplosività, cercherà di far valere il peso anche sotto le plance. Sulla carta il potenziale tecnico è molto importante, anche se la società di Piazzale Zelioli Lanzini non vuole sbilanciarsi, mettendo come obiettivo di stagione la salvezza. Staremo a vedere se, come nelle passate stagioni, ci sarà la possibilità di vedere un miglioramento di risultati in corso d’opera, magari con l’approdo a quelli che sarebbero, per la società cremonese, i primi play-off del massimo campionato di basket italiano. PLAYMAKER Benjamin Woodside: 180 cm, 84 kg, classe ‘85 Statistiche: 30.1 minuti, 14.2 punti, 2.6 assist, 12.7 valutazione (Reyer Venezia) Giocatore molto generoso, che ha concluso lo scorso campionato, con la maglia del TED Kolejliler, con 33 gare all’attivo, 30.7 minuti di media partita, 11.5 punti segnati, ma soprattutto 7.1 assist di media, che gli hanno valso il titolo di miglior assist-man del campionato turco. Sicuramente con elementi molto dinamici come Rich e Chase, ci sarà da divertirsi. Gianluca Marchetti:  168 cm, 78 kg, classe ‘93 Lo scorso anno in DNB alla Don Bosco Livorno, Gianluca ha comunque un passato in Serie A con la maglia dell’ACEA Roma dal 2009 al 2012 dove, nell’ultima stagione aveva disputato 5 gare mettendo a referto, in totale, 6 punti. Ragazzo giovane che però ha molta voglia di fare e che, nelle prime uscite stagionali, ha dimostrato anche molta personalità. Sicuramente con Woodside come titolare e Chase in grado di poter ricoprire il ruolo di regista, dovrà farsi trovare pronto e dimostrare tutto il suo talento quando gli sarà data l’occasione. GUARDIE Brian Chase:  178 cm, 80 kg, classe ‘81 Statistiche: 25.2 minuti, 11.7 punti, 1.1 assist, 7.7 valutazione (Vanoli Cremona) Arrivato durante la stagione scorsa in corso, Chase è riuscito immediatamente a trovare spazio nei giochi di Gresta e “dar fastidio” al play titolare Johnson, con la sua dinamicità ma soprattutto con il suo tiro da fuori (e spesso non molto vicino alla linea dei 6.75). Anche quest’anno si è già dimostrato pronto al campionato, decidendo di fatto due partite di pre-season, la prima con Montegranaro e poi quella con Brescia, con una serie di triple spaccagambe. Oltre al tiro, però, è in grado di sostituirsi al play titolare, dando velocità alle azioni in transizione. Jarrius Jackson:  183 cm, 80 kg, classe ‘85 Statistiche: 33.0 minuti, 13.6 punti, 8.4 valutazione (Vanoli Cremona) Americano di nascita ma di passaporto italiano, ottenuto sul finire della stagione scorsa, Jarrius è uno dei pochi superstiti dell’armata boancoblu che riuscì a sovvertire i pronostrici dello scorso anno, aiutanto la squadra a raggiungere in fretta la salvezza ed andando a sfiorare il sogno play-off. Giocatore in grado di uscire molto bene dai blocchi e dotato di buon tiro, anche quest’anno dovrà dimostrare di valere la serie A, sperando che possa ripetere gli high dello scorso anno, dove riuscì a mettere a segno 25 punti con un +29 di valutazione. ALI Jason Rich: 191 cm, 94 kg, classe ‘86 Statistiche: 27.9 minuti, 12 punti, 3.6 rimbalzi (Enisey Krasnojarsk) Dopo essere stato l’artefice della salvezza della Vanoli nella stagione 2011/2012, “Jasone” aveva tentato fortuna lo scorso anno nel campionato Russo, nel quale però non si è mai riuscito ad esprimere al meglio. Non appena è arrivata la chiamata dall’Italia, ha risposto immediatamente “presente” per Cremona ed è volato verso il bel paese. Con il suo apporto, Cremona conquistò 9 vittorie in 14 partite ed immediatamente era entrato nel cuore dei tifosi e per questo il suo ritorno è stato immediatamente salutato da un’ovazione. Quest’anno sarà chiamato a confermare quanto di buono aveva fatto, cercando di guidare l’attacco cremonese e sfruttando le sue doti di esplosività che lo rendono particolarmente pericoloso negli attacchi in palleggio, senza dimenticare l’ottimo tiro da fuori. Klaudio Ndoja: 201 cm, 102 kg, classe ‘85 Statistiche: 17.5 minuti, 6.5 punti, 2.4 rimbalzi, 6.0 valutazione (Enel Brindisi) Giocatore molto duttile, in grado di ricoprire il ruolo sia di ala piccola che di ala forte, è dotato di un ottimo tiro da fuori che lo rende pericoloso soprattutto da oltre l’arco (lo scorso anno ha chiuso con il 45.6% da 3 punti). Albanese di nascita, ha disputato la propria carriera giovanile nelle file di Desio, Casalpusterlengo, S. Antimo e Borgomanero, che gli hanno permesso di poter disputare il campionato con lo status di Italiano. Lo scorso anno è stato protagonista, da capitano, della salvezza dell’Enel nella massima serie. Ernests Kalve:  200 cm, 94 kg, classe ‘87 Statistiche: 21.8 minuti, 8.3 punti, 3.5 rimbalzi (Szolnok) Kalve, ala forte di 2 metri, ha disputato l’ultima stagione in Ungheria, disputando il campionato ungherese, l’Adriatic League e l’EuroChallange. Prorprio in questa competizione, ha messo a segno 14.6 punti e catturato 5.6 rimbalzi in 10 incontri disputati. Torna in Itlia, dopo che nel 2005-2006 era stato protagonista con la maglia della Benetton Treviso. Giocatore in grado di “fare molte cose”, è dotato di un buon tiro ma anche di attaccare in palleggio ed ha una buona attenzione tattica in attacco e difesa. Dopo un periodo di prova, durante il quale ha disputato alcune gare di pre-season, la società ha deciso di confermarlo, viste le buone attitudini e la sua integrazione con il gruppo. CENTRI

Sime Spralja: 206 cm, 106 kg, classe ‘83

Statistiche: 8.8 punti (Trefl Sopot) Capace di giostrare in entrambi gli spot interni è un lungo dotato di presenza fisica all’interno dell’area ma anche di una mano molto educata da fuori dove tira con buone percentuali sia dalla media distanza che da oltre l’arco. Giocatore dal grande temperamento e con una lunga esperienza europea, farà il suo debutto nel campionato italiano con i colori bianco blu. Dovrà essere in grado di dare il suo apporto sotto le plance insieme a Kelly, visto che sono, al momento, gli unici due in grado di recuperare palloni vicino al ferro. Curtis Kelly: 205 cm, 115 kg, classe ‘88 Statistiche: 13.5 punti, 5.4 rimbalzi (Hapoel) “Lungo dinamico e atletico, in grado di correre il campo”. Queste le parore di presentazione del vice allenatore Lepore in fase di presentazione di un nuovo esordiente del campionato italiano, ma con grande voglia di fare e di mettersi in mostra. Alla sua terza stagione fuori dagli States, lo scorso anno ha guidato il cammino dell’Hapoel in campionato, perdendo ai quarti di play-off contro il Maccabi Tel Aviv con 30 gare disputate. Sarà lui il centro titolare della squadra, deputato a “lottare” per recuperare quante più carambole possibile e convertirle in punti. Starting five: Woodside, Jackson, Rich, Kelly, Spralja A disposizione: Chase, Ndoja, Kalve, Marchetti, Conti, Fontana.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy