Vanoli Cremona: il pagellone di fine stagione

Vanoli Cremona: il pagellone di fine stagione

Diamo i voti ai protagonisti della stagione della Vanoli Cremona, culminata con la retrocessione in Serie A2

Commenta per primo!

La stagione della Vanoli Cremona si è chiusa con una cocente retrocessione: un obiettivo alla portata ma che i ragazzi allenati prima da Pancotto poi da Lepore non sono riusciti a centrare.

33304843191_6e13b37cfe_m

#0 Darius Johnson Odom : Arrivato a Cremona come “salvatore della patria”,  è riuscito solo in parte in questo obiettivo; DJO ha collezionato grandi prestazioni ma la Vanoli è retrocessa ugualmente. Fallisce in alcune occasioni le giocate decisive, come i liberi a Caserta e Varese che ancora oggi gridano vendetta. Uno spettacolo però averlo avuto a Cremona, un giocatore di assoluto spessore. Uno dei pochi ad avere capito la grave situazione della squadra, lottando e provando a fare tutto il possibile per aiutare Cremona a non retrocedere. Combattivo fino alla fine, forse la sua voglia di strafare lo ha penalizzato. Voto: 6

31701143366_3936bd5aa7_m

#7 Fabio Mian: In estate viene caricato di responsabilità, eredita la fascia da capitano e ottiene un ruolo importante nel roster. La società confida molto in lui ma Mian non riesce a soddisfare le aspettative. Fatica ad emergere in un gioco di squadra inesistente, lui che ha bisogno di un sistema fluido per esprimersi al meglio. Colleziona alcune buone partite ma alla Vanoli per salvarsi serviva un capitano molto più grintoso. Voto: 5

#10 Raphael Gaspardo: dimostra, pur in un’annata complicata come questa, 32233607620_8894379305_mdi essere ormai diventato un giocatore di Serie A. Riesce a guadagnarsi minuti importanti anche se in entrambe le gestioni, viene dimenticato spesso in panchina. Pericoloso dalla distanza e solido in area, colleziona una buona stagione tutta in crescendo. Un giocatore pronto alla definitiva esplosione.  voto 6

32233610790_c41744f2fe_m

#11 Paul Harris: Arriva a Cremona per sostituire Omar Thomas ma Harris non rende secondo aspettative. Fatica a guidare il gruppo con la sua esperienza e in attacco non riesce ad essere sempre pericoloso. Ci mette alcuni mesi prima di riuscire ad integrarsi ed entrare in forma, fatica molto ad essere costante alternando buone partite a momenti di confusione.  Migliore di Omar Thomas ma forse non era l’uomo giusto per questa squadra. Voto: 5

32233608050_a8f3bae174_m

#13 Matt Carlino: Anche lui arriva a Cremona chiamato a prendere il posto di Gabe York. Giovane e inesperto del campionato, viene subito catapultato in una situazione complessa ma Carlino risponde con alcune ottime partite, soprattutto a livello di playmaking. Incostante e con alcuni momenti calanti, lotta e si impegna cercando di dare sempre il massimo. L’uomo in più a rimbalzo, spesso in attacco, nelle ultime partite si prende responsabilità importanti, risultando in alcune occasioni molto efficace. Un buon giocatore anche lui, probabilmente, non nel posto giusto. Voto: 6

33641398596_65741aeda2_m

#18 Jakub Wojciechovski: Un girone d’andata completamente in panchina mentre con l’avvento di Lepore scopre il campo risultando in alcune occasioni decisivo. In attacco è un’arma incredibile, purtroppo compensa con una fase difesa piuttosto rivedibile. In crescita nell’arco della sua stagione, probabilmente serviva un Kuba combattivo anche nel girone d’andata. Voto: 5,5

32868679503_31e2408d8a_m

#19 Paul Biligha : La vera sorpresa nella stagione negativa della Vanoli Cremona. Promosso in quintetto base risponde con prestazioni di assoluto spessore risultando spesso immarcabile in attacco e molto efficace in difesa grazie alla sua mobilità. L’anima di una Vanoli che lotta fino alla fine per l’obiettivo salvezza. Nelle ultime partite accusa stanchezza e un calo fisico, pagando una stagione superlativa ma molto pesante e dispendiosa.  In ogni partita ci mette il cuore, purtroppo la sua squadra non gioca con la sua stessa cattiveria. Voto: 7

32233609620_fa0b3d7afd_m

#31 Elston Turner: La grande delusione di questa stagione, l’uomo che doveva essere il perno (insieme a Mian) e che invece, soprattutto nel girone d’andata è stato addirittura una zavorra. Dopo aver faticato a mirare il ferro ma soprattutto a dare un contributo efficace in difesa, riesce a dare una svolta con prestazioni incredibili come con Torino e Pesaro. Il Turner del finale di stagione è quello vero ma purtroppo quest’anno Cremona lo ha visto solo in alcune partite. Paga un girone d’andata completamente assente, sul suo rendimento c’è grande rammarico e delusione. Voto: 5

33841087271_11d0063535_m

#35 Tashawn Thomas: Doveva essere una scommessa, Thomas risponde con una stagione molto altalenante nella quale in alcune occasione  ha mostrato tutto il suo talento mentre in altre ha commesso errori di gioventù. Nei prossimi anni potrà diventare un ottimo giocatore, a Cremona è stato incostante pagando spesso difficoltà nella collocazione tecnico tattica. voto: 5,5 

32233609520_c4b7597e52_m

#52 Tu Holloway: Holloway ad inizio anno doveva essere, insieme a Turner, la punta di diamante dell’attacco. Le sue cifre parlano chiaro (15,5 pt e 4,7 assist) ma la difficile convivenza con il gruppo non ha permesso alla Vanoli di vincere partite. Lascia la squadra in un momento complesso, dimostrandosi di non essersi pienamente inserito in questo gruppo. Il potenziale per far bene c’era, peccato per l’aspetto extra basket che ha condizionato lui e il rendimento del collettivo. Voto 5,5

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy