Wild Card, è caos! Serie A a 18 squadre, ma chi sarà ripescata?

Wild Card, è caos! Serie A a 18 squadre, ma chi sarà ripescata?

Come ultimo, la campagna intrapresa dalla Reyer Venezia contro il pagamento fuori tempo massimo (a detta della squadra veneta) da parte di Teramo. Ed ecco che si apre uno scenario che sa tanto di un enorme figuraccia: serie A a 18 squadre con ammesse sia Teramo che Venezia che Casale. Ma a questo punto saremmo a 17, la 18^ chi sarà? Brindisi? Forse, ma stando alle ultime regole federali pare che il ripescaggio sarà fatto in base a una sorta di ranking, frutto di un mix di fattori tra cui i meriti sportivi, l’importanza della città e il valore storico della squadra. Ecco che allora balza in vetta, tra le candidate al ripescaggio, Rimini, ma come ben sappiamo i Crabs navigano in cattive acque e sta per essere risucchiata nel baratro del fallimento. Quindi, si guarda la seconda nel ranking? Arriviamo quindi a Reggio Emilia (squadra che si è salvata per il rotto della cuffia in questa ultima stagione di LegaDue). Ma non finisce qui, perchè è ovvio che il valzer dei ripescaggi si ripercuote su quelle squadre che sperano in un accesso alla LegaDue partendo dalla A Dilettanti.

Tutto ciò però deve accadere in tempi rapidi, anche perchè essere ripescati magari ad inizio settembre, avendo già completato l’organico per affrontare una stagione in LegaDue (con limiti di stranieri/obbligo di italiani annessi e connessi) e poi vedersi catapultati in Serie A con una rosa probabilmente all’altezza, forse rischia di creare più problemi che altro. Insomma, nulla di nuovo per lo sport italiano, che deve subire ogni estate storie di fallimenti, ripescaggi e quant’altro; poi se gettiamo benzina sul fuoco inserendo nuove regole tutto fuorché chiare, bè allora ci aspetta un’estate assai complicata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy