Pistoia sola al comando. Battuta Avellino 76-70

Pistoia sola al comando. Battuta Avellino 76-70

 

Domenica prossima, Pistoia salirà al Mediolanum Forum di Assago da assoluta prima della classe. Se non è fantabasket questo, poco ci manca. La Giorgio Tesi Group batte Avellino 76-70, per la prima volta nella sua breve storia in Serie A, e lo fa trovando i canestri pesanti di Wayne Blackshear che scrive 23 a referto sbagliando il primo tiro della partita ad inizio terzo quarto.

1° QUARTO: Avellino sale in Toscana affamata di punti dopo le sconfitte contro Reggio Emilia e Milano. La volontà di sorprendere Pistoia sul proprio campo si mostra in tutta la sua evidenza già in avvio di partita quando la Sidigas piazza un parziale di 17-2 tramortendo una Pistoia ancora ferma in attacco e un po’ stordita in difesa. Come successo nella partita contro Pesaro però, Pistoia non si scompone e comincia a costruire basket da metà quarto in poi trovando subito i canestri di Blackshear. Il primo quarto si chiude comunque con un comodo 28-17 in favore di Avellino anche grazie al 5 su 8 da dietro l’arco.

2° QUARTO: Pistoia cambia stazione radio nel secondo quarto. La squadra di Esposito comincia ad essere maggiormente presente in difesa, il conto delle palle perse cala drasticamente e le percentuali di Avellino si abbassano. Blackshear sfrutta bene il post basso, Antonutti mette una tripla che permette a Pistoia di riagguantare una partita che sembrava nata sotto una cattiva stella. Si va dunque a riposo sulla parità, 41-41.

3° QUARTO: L’avvio di terzo quarto è piuttosto blando rispetto ai precedenti, giocati a grande intensità da ambo le squadre. Pistoia alza però la qualità del proprio gioco offensivo con Moore che comincia a smazzare assist (6) e Preston Knowles che entra definitivamente in partita. La difesa biancorossa però, generosa negli aiuti e guardinga a limitare i tiratori di Avellino, lascia spesso solo Riccardo Cervi che ringrazia, macina punti e tiene in linea di galleggiamento la Sidigas, sotto di otto all’alba dell’ultimo quarto di gioco.

4° QUARTO: Quarto quarto che si apre con due triple consecutive di Blums, fino a quel momento silente, che impauriscono Pistoia la quale vive un momento difficile non riuscendo a costruire buoni attacchi e in difesa paga dazio da dietro l’arco dove Leunen impatta sul 65 pari a 3 dalla fine. A quel punto Pistoia si desta, stringe prepotentemente le maglie in difesa e piazza un parziale di 9-0 a firma Kirk e Blackshear che indirizza la partita verso un binario morto. Neppure il 2/2 dalla lunetta di Taurean Green su antisportivo di Filloy riesce a deviare l’inesorabile corsa della locomotiva biancorossa. La partita si chiude con il punto esclamativo grazie al recupero e schiacciata di Preston Knowles che dà il via libera ai festeggiamenti al PalaCarrara e condanna una Sidigas tutt’altro che remissiva ed incline a piegarsi, che ha giocato il proprio basket tripledipendente e che ha spaventato Pistoia fino agli ultimi istanti di gioco. Il merito dei ragazzi di Esposito è quello, ancora una volta, di non essersi disuniti nei momenti complessi dell’incontro provando a rimontare e poi ad aver ragione di Avellino giocando di squadra.

GTG PISTOIA – SIDIGAS AVELLINO 76-70

PISTOIA: Blackshear 23, Kirk 15, Knowles 11, Czyz 8, Antonutti 5, Filloy 4, Lombardi 4, Moore 4, Severini 2
AVELLINO: Acker 15, Leunen 12, Green 11, Nunnally 9, Cervi 8, Blums 6, Veikalas 5, Buva 4
Arbitri: Paternicò, Borgioni, Nicolini
MVP: Wayne Blackshear

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy