Avramovic non basta: Varese cade a Bologna e manca i playoff

Avramovic non basta: Varese cade a Bologna e manca i playoff

Dopo un inizio leggero la Virtus disputa una partita pressoché perfetta e regola i lombardi condannandoli ad un nono posto che li estromette dalla post season.

di Matteo Capelli

Chiude il campionato con il sorriso la Virtus Segafredo Bologna che schianta 84 a 73 l’Openjobmetis Varese, che così non si qualifica per i playoff. Dopo un inizio complicato, i bianconeri (anche per loro niente post season) hanno condotto la gara con grande solidità, mettendo in luce un gioco di squadra inedito per gran parte della stagione. Ottime le prestazioni di Taylor (17 pt e 3 ass), M’Baye (15 pt con 3/6 da 3), Aradori (10 pt e 2 ass) e Moreira (11 pt e 8 rim). Per Varese si tratta davvero di un’autentica beffa: i lombardi, per gioco e dedizione, meritavano un posto nelle prime otto, ma la sconfitta di stasera, oltre ai risultati degli altri campi, li condanna al nono posto. Agli uomini di Casa non è bastato un incredibile Avramovic (30 pt, 2 ass, 4 palle rubate, 8 falli subiti, 3/6 da 3).

Quintetti

Virtus Bologna: Taylor, Punter, Martin, M’Baye, Moreira.

Varese: Moore, Avramovic, Scrubb, Archie, Cain.

Dopo la festa del Paladozza per la vittoria virtussina in Champions League, si comincia a giocare in modo morbido e superficiale: l’intensità non è certo da playoff e dopo 6’ di errori il punteggio dice 9 a 10 Varese, grazie alle triple di Moore, cui rispondono Moreira e Aradori. L’impatto del bresciano e di Qvale porta avanti la Virtus (15 a 12 all’8’), ma Avramovic (già 9 pt per il serbo) reagisce subito e firma i punti del 17 a 19 ospite di fine primo quarto. Moore e Avramovic continuano ad essere solidi offensivamente, ma Varese non trova punti dagli altri e deve subire i colpi di Moreira e Taylor che trascinano Bologna sul 32 a 24 del 16’. I biancorossi, oltre ad un Avramovic immarcabile (arrivato a quota 18 pt), trovano punti preziosi da Cain e Salumu per provare a riavvicinarsi (34 a 31 al 17’), ma la Virtus rimane precisa (14/15 al tiro da 2 a fine primo tempo) e grazie ai punti di M’baye e Punter mantiene il gap di 8 punti a fine primo tempo: 45 a 37 al 20’. Gli uomini di Caja entrano in campo con un’altra faccia e trascinata da Avramovic e dalle triple di Archie e Salumu tornano in parità (48 pari al 23’); il clima del Paladozza si scalda e Bologna ne trae vantaggio riportandosi subito a + 7 con gli squilli di Martin e Taylor (58 a 51 al 25’). Si accende uno splendido duello tra un aggressivo Taylor ed un infuocato Avramovic: il serbo sembra essere in grado di tenere attaccati i lombardi (63 a 58 al 28’), ma il play bianconero tiene lontana la Virtus che chiude il terzo quarto davanti 67 a 59 anche grazie ad una tripla di Pajola. Il quarto periodo comincia con gli ospiti che sembrano più scarichi e nervosi (Archie viene espulso dopo un brutto fallo su Aradori) ed i bolognesi ne approfittano: Qvale e M’Baye mettono i punti che fanno volare la Virtus a + 15 (77 a 62 al 36’). Varese prova a crederci fino alla fine, ma le energie sono finite e i canestri di Taylor e M’Baye chiudono la partita: finisce 84 a 73 per la Virtus. Varese fuori dai playoff.

Virtus Segafredo Bologna – Openjobmetis Varese 84 – 73 (17 – 19; 45 – 37; 67 – 59)

Virtus Bologna: Punter 8, Martin 6, Moreira 11, Pajola 3, Taylor 17, Baldi Rossi 2, Cappelletti, Aradori 10, Berti, M’Baye 15, Cournooh 3, Qvale 9. All. Djordjevic.

Varese: Archie 3, Avramovic 30, Gatto NE, Iannuzzi, Natali NE, Salumu 11, Scrubb 9, Verri NE, Tambone, Cain 10, Ferrero 2, Moore 8. All. Caja.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy