Boatright da favola, l’Orlandina schianta Caserta

Boatright da favola, l’Orlandina schianta Caserta

La vince Boatright. L’americano trascina l’Orlandina al successo contro Caserta con 28 punti, 5 rimbalzi, 1 assist, 6 falli subiti e 5 palle recuperate.

Commenta per primo!

È una vittoria incredibile, quella che l’Orlandina porta a casa al PalaFantozzi. Partiamo dall’MVP, che merita davvero. Boatright autore di 28 punti, 5 rimbalzi, 1 assist, 6 falli subiti e 5 palle recuperate, vince praticamente da solo contro Caserta. Il folletto ex UConn, mette a segno quasi la metà dei punti della sua squadra, compresa l’assurda tripla della vittoria. Percentuali tuttavia scadenti per la Betaland, che conquista due punti tirando con il 38% da due e il 22% da tre. Sono cuore e dedizione, i principali artefici di questo match point salvezza, con la sconfitta di Torino che da un sospiro di sollievo agli uomini di Di Carlo. Per gli ospiti bene l’ex Roma Bobby Jones con 14 punti, 10 rimbalzi e 4 falli subiti. Sufficiente anche la prova di Downs, ma le 9 palle perse a carico, costano molto ai campani.

CRONACA

1º quarto: Palla a due orlandina, Stojanovic apre le marcature in lay up. Oriakhi schiaccia a terra, Bowers a canestro, grande partenza Betaland. È Cinciarini a sbloccare i suoi, che trovano poi il vantaggio con la tripla di Downs, 4-5. Piazzato di Jasaitis, ma Caserta risponde a modo suo, Downs e Jones costringono Di Carlo al timeout. Mano morbida per Bowers che accorcia, Jasaitis pareggia, timeout per coach Dell’Agnello. Entra in partita Boatright, suo il canestro del vantaggio Orlandina. Siva e Downs mettono la freccia, 16-24 in men che non si dica. Nicevic fa 2/2 in lunetta, Boatright si traveste da Curry e trova la retina da centrocampo, ma l’instant replay gli nega questa gioia, 18-24.

2º quarto: Ci vogliono due minuti e mezzo per sbloccare il parziale del secondo quarto, Nankivil fa -4. Ritmi molto calati in questi secondi 10′, Hunt ed Oriakhi si puntano i riflettori addosso. Bomba di Boatright, Jones risponde in equilibrio precario, 27-33 sul tabellone luminoso. Scappa ancora Caserta con il suo pacchetto lunghi, ma ci pensa il solito Boatright a mantenere in scia la Betaland, 37-39 all’intervallo lungo.

3º quarto: Il secondo tempo comincia con i viaggi in lunetta di Boatright e Jones, 39-39. Tiraccio di Jasaitis, che fortunosamente trova di nuovo il pallone e va a realizzare in lay up. Oriakhi inchioda la schiacciata rispondendo a Cinciarini, timeout per coach Dell’Agnello sul 43-41. Bowers in lunetta replica al contropiede di Cinciarini, 47-43. Tripla con ritmo presa e segnata da Siva, 48-48. L’ultimo squillo del terzo quarto è di Bowers, 50-48 il parziale.

4º quarto: Sono i lunghi ad aprire l’ultima frazione di gioco, Hunt e Nicevic fanno 52-50. Sorpasso Caserta con Downs, controsorpasso Orlandina con Boatright, 57-55 e timeout per coach Dell’Agnello. Tornano bene sul parquet i casertani, che pareggiano i conti con la penetrazione di Siva, 57-57. Bowers bene dalla media, Nicevic fa 1/2 in lunetta, ed è 60-59 a 30″ dall’ultima sirena. La palla è in mano a Boatright che si prende una tripla impossibile per gli esseri umani, solo retina e 63-59 a 16″ dalla fine. Caserta forza e sbaglia, Boatright parte in contropiede, vola ed inchioda il 65-59. PalaFantozzi in fiamme e vittoria d’importanza vitale per la Betaland.

BETALAND CAPO D’ORLANDO – JUVE CASERTA 65-59 (18-24, 37-39, 50-48)

CAPO D’ORLANDO: Galipò G ne, Stojanovic 2, Basile, Ilievski, Laquintana, Nicevic 5, Boatright 28, Jasaitis 7, Munastra ne, Bowers 16, Oriakhi 5, Nankivil 2. All: Di Carlo
CASERTA: Gennarelli ne, Downs 12, Siva 9, Hunt 8, Cinciarini 12, Ventrone ne, Jones 14, Ghiacci 4, Giuri, Ingrosso. All: Dell’Agnello

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy