Bologna torna alla vittoria battendo una Varese inconsistente

Bologna torna alla vittoria battendo una Varese inconsistente

Commenta per primo!
Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Granarolo

Torna alla vittoria la Granarolo Bologna, che si impone sull’Openjobmetis Varese con il punteggio finale di 86-78. Dopo due sconfitte consecutive anche piuttosto nette (Reggio Emilia e Avellino), la formazione allenata da coach Valli reagisce ed infila la sesta vittoria casalinga consecutiva. MVP della partita Okaro White, autore di una prova da 18 pt, 9 rim, 4 falli subiti, 3 ass e 19 di valutazione. L’ala di Clearwater ha messo in mostra tutto il suo talento, tenendo alto il livello del suo gioco con grande continuità, anche in una giornata in cui non ha certo giocato alla massima intensità (lo dimostrano le 5 palle perse). Ottime anche le prestazioni di Hazell (17 pt, 3 rim e 14 di valutazione) e del capitano Ray (18 pt, 6 rim, 5 falli subiti, 4 ass e 19 di valutazione), nonostante abbia tirato con percentuali inferiori rispetto alle sue medie (5/16 totale). Menzione di merito anche per Fontecchio (11pt e 8 di valutazione), che nell’ultimo quarto ha stroncato i (timidi) tentativi di rimonta da parte degli ospiti. Per Varese, una prova generale davvero deludente, ed una sconfitta che va ben al di là degli 8 punti di scarto finali, visto che fino a 5 minuti dalla fine il divario era di 20 punti. La squadra di Caja è apparsa poco intensa, quasi demotivata, probabilmente a causa di una salvezza ormai raggiunta. Callahan (17 pt, 5 rim, 4 falli subiti e 16 di valutazione) sicuramente il migliore fra i lombardi; lui e Casella sono stati gli ultimi ad arrendersi. Grandi cifre per la stella Maynor (23 pt, 3 rim, 3 falli subiti, 9 ass e 23 di valutazione) ma poca consistenza e lucidità nei momenti chiave.

Quintetti

Bologna: Gaddy, Ray, Hazell, White, Cuccarolo

Varese: Maynor, Rautins, Eyenga, Kangur, Jefferson

Cronaca: Davanti ad un’Unipol Arena più vuota del solito (6015 spettatori il dato ufficiale), partono forte i padroni di casa, trascinati da un immarcabile (o immarcato) Hazell, e volano sul 17-9 al 5′, nonostante i lombardi abbiano già catturato 4 rimbalzi in attacco. Entra in partita Maynor e Varese migliora le proprie soluzioni offensive, ma Bologna ha vita troppo facile in attacco e chiude il primo quarto con un incredibile 32-21. La fisicità del duo Diawara – Eyenga contribuisce ad abbassare le percentuali dell’attacco bolognese, ma due bombe di White e Imbrò tengono lontano gli ospiti (39-27 al 16′). Poca intensità sul finire di primo tempo e due canestri di Ray mandano le squadre al riposo sul massimo vantaggio bianconero 45-30. Non cambia la musica a inizio terzo periodo, parziale di 10 a 2 virtussino con le triple di Ray e Hazell e il gioco da 4 di White, che trafiggono la zona schierata da Caja (55-32 al 23′). Dà l’impressione di poter dilagare la Virtus, anche con qualche giocata spettacolare, come uno splendido no look pass di Ray per Mazzola, ma, con una mini reazione, guidata da Kangur e Casella, Varese riduce lo svantaggio e conclude il terzo quarto su un insperato 68-53. Il trend però si interrompe quasi subito e White riporta gli emiliani a +20 (75-55 al 34′). Varese non molla e, complice un calo di Bologna, riduce lo svantaggio, ma come si direbbe dall’altra parte dell’oceano troppo poco, troppo tardi, il match termina 86-78.

Granarolo BolognaOpenjobmetis Varese 86-78 (32-21; 45-30; 68-53)

Granarolo Bologna: White 18, Cuccarolo 5, Gaddy 4, Imbrò 6, Fontecchio 11, Mazzola 4, Benetti NE, Hazell 17, Ray 18, Reddic 3

Openjobmetis Varese: Rautins 4, Lehto, Maynor 18, Casella 8, Jefferson 11, Lepri NE, Diawara 2, Vescovi NE, Callahan 17, Kangur 8, Balanzoni NE, Eyenga 10

Visualizza la fotogallery

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy