Bremer allo scadere fa esplodere Milano, Siena al tappeto dopo un supplementare

Bremer allo scadere fa esplodere Milano, Siena al tappeto dopo un supplementare

Sul +3 di Hackett a dieci secondi dal termine sembrava una gara chiusa e una serie sull’1-1, ma questa Olimpia ha dimostrato un cuore che raramente abbiamo visto al Forum. È stata capace di rimettere in piedi una partita che nell’ultimo quarto era più in mano a Siena, sia dopo il +6 a 2’ dalla fine che, appunto, dopo il +3 a 10’’. Siena ha avuto in mano due match ball, prima con Kangur (al termine dei regolamentari) e poi con Brown (nel supplementare), ma entrambi i tiri non sono stati accolti dagli dei del basket e allora è l’Olimpia a fare festa, ottenendo dalle due giornate di Milano il massimo: serie che si sposta a Siena sul 2-0 EA7. Dopo un Gentile mostruoso nel primo tempo (14 punti dei 18 finali), la carica di “Pops” e la bombe di Bremer sono state letali per gli uomini di Banchi, che hanno trovato in Ress una risorsa preziosa per rimanere attaccati al match, mentre Hackett è andato ad un soffio da espugnare il Forum. Così non è andata, ma quello è sicuro è che a Siena sarà battaglia.

CRONACA

1° Quarto: ad aprire le danze di gara2 è Gentile, dopo il furto di Green ai danni del fischiatissimo Hackett, che risponde con quattro punti consecutivi impattando il match (4-4 al 3’). La tripla di Kangur regala il primo vantaggio senese di tutta le serie e, fra una schiacciata di Gentile e una di Ortner, Moss allunga sul +3 (8-11 al 5’). Christmas riesce nell’impresa di perdere 3 palloni in 5 minuti e Milano ne approfitta per ricucire il piccolo svantaggio, sfruttando l’inimmaginabile precisione ai liberi di Mensah-Bonsu (4/4 per il 14-12 al 8’). Pops “cancella” qualsiasi cosa passi dal suo radar, mentre dall’altra parte Bremer può allungare fino al 18-13 che chiude il primo quarto.

2° Quarto: Gentile riprende da dove aveva lasciato (8 punti in 8’) e aumenta ancor di più il suo bottino (14 in 12’) facendo scappare l’EA7, nonostante la bomba di Brown (24-18 al 14’). A togliere la castagne dal fuoco, per la Mens Sana, ci pensa l’intramontabile Ress che con due bombe (una addirittura col fallo di Gentile) riavvicina la Montepaschi a -1 (26-25 al 15’). Siena si aggrappa al suo veterano che, con l’aiuto di Hackett, cambia completamente l’inerzia del match portando in vantaggio i biancoverdi, sul timeout chiamato da Scariolo (29-31 al 18’). Al ritorno sul parquet, Green torna ad illuminare: prima segna da 3, poi serve Radosevic per un facile lay-up che vale il nuovo vantaggio EA7 (36-35 al 19’), bruciato subito dal controsorpasso che manda tutti al riposo sul 38-39.

3° Quarto: è ancora Gentile a spingere i suoi, dopo il tentativo di allungo senese con Hackett e Kangur: l’azzurro segna prima da sotto e poi da fuori tenendo l’EA7 attaccata a Moss e compagni (45-46 al 23’). La scossa prova a darla Hairston con la schiacciata più fallo e, dopo lo sfondamento di Hackett su Melli, il Forum può esplodere. Dopo il timeout chiamato da coach Banchi, la Mens Sana risponde subito con la bomba di Ress, che poi stoppa Gentile; la fortuna però assiste Mensah-Bonsu e un suo tocco in area pitturata viene tramutato nei due punti del +3 EA7 (52-49 al 27’). Hackett fatica ad entrare in partita, beccato costantemente dal pubblico, e Green può approfittarne segnando la bomba che tiene avanti Milano, anche se il canestro di Eze sulla sirena manda tutti all’ultimo quarto sul punteggio di 58-56.

4° Quarto: dopo due minuti di errori, Moss sblocca l’ultimo quarto pareggiando subito il match e Brown completa il sorpasso con i due lay-up del 58-62 al 33’. Milano continua a non trovare la via del canestro e dopo 5’ è ancora a secco, mentre Brown mette il suo 6° punto del quarto regalando il +6 alla Mens Sana. L’EA7 rompe il ghiaccio nel migliore dei modi: schiacciata di “Pops” con fallo di Eze (il suo 5°) e stoppatone su Ress. La bomba del lungo della Montepaschi viene sputata dal ferro, così Green può mettere i liberi del -2 che costringono Banchi al timeout (62-64 al 36’). Hackett si mangia il contropiede del +4, ma si fa subito perdonare con due entrate che valgono il +6 (62-68 al 38’) e questa volta è Scariolo a correre ai ripari con un timeout. Quando sembra finita, due liberi di Bremer e la bomba di Green riaprono il match quando mancano 30’’, ma è ancora Hackett a zittire il Forum con il canestro del +3 a 10’’ dalla fine (67-70). Basterebbe un fallo tattico alla Mens Sana per espugnare Milano, il fallo arriva ma è su tiro da 3, che Hairston trasforma nel 70-70 a 5’’ dal termine. La preghiera di Kangur si spegne sul ferro ed è overtime!

1° Supplementare: Mensah-Bonsu trova subito il sorpasso con un tap-in su errore di Gentile, mentre le bombe di Ress e Brown non trovano nemmeno il ferro. Chi non sbaglia è Bremer e la sua tripla trova il fondo del canestro per il +5 (75-70 al 42’). Ress risponde subito con 4 punti di fila e Christmas può impattare il match sfruttando un errore ai liberi di Hairston (76-76 al 44’), ma, come prima, è ancora Bremer a trovare la tripla dall’arco per il +3. Green sbaglia il colpo del ko e dall’altra parte Brown trova un tripla di tabella (forse con fallo di Green) che gela il Forum. Con 10’’ sul cronometro è Bremer a prendersi la responsabilità dell’ultimo tiro, ma gli dei del basket sono con lui e, dopo un paio di rimbalzi sul ferro, il +2 a 1’’ dalla fine è servito. L’ultimo tiro di Brown non trova il fondo del canestro e Milano può esultare: 2-0 nella serie. 

MVP Basketinside: JR Bremer

CLICCA qui per le pagelle del match

EA7 Emporio Armani Milano – Montepaschi Siena 81-79 (18-13, 38-39, 58-56)

Milano: Giachetti ne, Hairston 14, Fotsis, Chiotti ne, Bourousis 5, Melli, Mensah-Bonsu 13, Bremer 14, Gentile 18, Green 11, Radosevic 6, Basile. All: Scariolo

Siena: Brown 18, Eze 4, Carraretto 1, Rasic, Kangur 10, Sanikidze, Ress 18, Ortner 2, Lechthaler ne, Christmas 2, Hackett 18, Moss 6, Ortner 2. All: Banchi

 

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari e Marco Brioschi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy