Brescia respira battendo una impalpabile Cantù

Brescia respira battendo una impalpabile Cantù

Vittoria importante per la Germani, che si lascia alle spalle la coda della classifica.

di Fabio Rusconi

Ecco qua la Germani, quella che con le spalle al muro riesce a rialzarsi. E’ successo con Reggio, è successo con Pesaro e succede anche con Cantù, in una gara che la Leonessa non poteva perdere. Partita non certo esaltante di Brescia, aiutata anche dalla prestazione insufficiente di una Cantù sempre più alla ricerca di sé stessa. Vittoria, come detto, importantissima per gli uomini di Diana, contestati dalla curva a inizio partita (rimasta silente per tutto il prepartita e per il primo quarto), anche alla luce del calendario complicato che ora attende la compagine biancoblù. Mattatore realizzativo Hamilton (anche se i tiri che si prende sono come al solito non buoni), aiutato da un gran Beverly e in generale da una squadra che funziona soprattutto in difesa, aiutata anche dalla disastrosa performance dal campo e a rimbazo dell’Acqua S.Bernardo. Tra le fila di Cantù si salvano solo Jefferson e Parrillo, per il resto il nulla, con gli uomini di Pashutin che non hanno mai dato l’impressione di poter portare a casa lo scalpo dell’avversario. Germani uscita dall’angolo del ring ora cerca continuità, anche se le prossime due trasferte a Cremona e Milano paiono proibitive. Nell’immediato futuro, inoltre, c’è la sfida contro Ulm da dentro o fuori in Eurocup.

Avvio forte della Germani che ingabbia in difesa Cantù e va avanti di 4 punti al 3′ (9-5). Hamilton ispiratissimo guida i suoi al primo allungo del match (18-8) grazie ai suoi 10 punti nei primi 5′. Cantù fatica a trovare punti su azione, mentre dall’altra parte Hamilton è on fire, accentrando molti possessi offensivi locali. La Leonessa tocca anche il +11 prima con Hamilton e poi nuovamente con una splendida alley-oop sull’asse MossCunningham, che si presenta davanti al suo nuovo pubblico in grande stile, dando nuovamente il massimo vantaggio con cui la Leonessa chiude il primo quarto (+11, 25-14). Più convinti nel trovare il canestro, i ragazzi di Pashutin iniziano il secondo parziale con un minibreak 6-2 per riportarsi a -7: nasce tutto in difesa, più fisica, dell’Acqua S.Bernardo, che favorisce anche punti facili in transizione, costringendo Diana al timeout (27-20 al 13′). Risposta Brescia: 7-0 immediato e nuovo massimo vantaggio a +14 (34-20). Cantù continua a litigare con il ferro: Mitchell non incide, Jefferson pasticcia e Gaines non riesce a creare per sé e per i compagni, e Cantù dopo 7′ nel secondo quarto ha messo solo 8 punti a referto. Brescia resta vigile e chiude il primo tempo avanti di 14 (43-29), sfruttando le percentuali horror canturine (40% da 2 e 9% da 3) e lo strapotere a rimbalzo (29-17 all’intervallo).

Buona partenza bresciana nella ripresa a raggiungere anche il +17 con la tripla di Allen. Reazione griffata Udanoh e Gaines, con Brescia che rallenta in attacco favorendo il rientro di Cantù a -12 (21-39 al 24′). Pashutin deve fare i conti anche con i 4 falli di Mitchell, arrivati molto presto in una partita non brillante per il nativo della Georgia. Nonostante tutto Cantù non molla la presa, rimanendo a contatto, scendendo sotto la doppia cifra di svantaggio proprio sulla penultima sirena grazie all’appoggio dello stesso Mitchell (60-51). I brianzoli arrivano fino a 8 punti di gap (60-52) in apertura di ultimo periodo, ma la Leonessa mantiene calma e concentrazione, affidandosi alle sue riserve per il parziale 9-2 che di fatto chiude la contesa. Bene l’impatto del quintetto LaquintanaCunninghamMossSacchettiZerini, che tiene degnamente testa al quintetto titolare ospite, visibilmente più stanco. Gli ultimi minuti sono pura formalità: la Germani tocca anche il +19, chiudendo la partita con una larga vittoria di 18 punti (81-63).

GERMANI BASKET BRESCIA VS ACQUA S.BERNARDO CANTU’ 81-63  (25-14; 43-29; 60-51)

BRESCIA: Vitali 9, Allen 3, Abass 8, Hamilton 17, Beverly 12 (Cunningham 8, Zerini 6, Laquintana 9, Moss 2, Sacchetti 7, Caroli n.e.). All: Diana.

CANTU’: Gaines 5, Parrillo 8, Mitchell 10, Udanoh 11, Jefferson 16 (Blakes 13, Tassone 0, Quaglia 0, La Torre 0, Davis, n.e., Baparapè n.e., Pappalardo n.e.). All: Pashutin.

MVP BASKETINSIDE: Jordan Hamilton

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy