Brindisi miete l’ennesima vittima: una VL Pesaro confusa

Brindisi miete l’ennesima vittima: una VL Pesaro confusa

Nell’anticipo di giornata, Brindisi porta 6 giocatori in doppia cifra mentre la VL vede oltre i 10 punti il solito trio di americani

di Alessandro Kokich

Nella partita serale di sabato, la Happy Casa Brindisi continua la sua serie positiva, pur sconfiggendo un avversario meno temibile della corazzata Milano che naviga in ben altri ambienti rispetto alla VL la quale è palesemente incompleta, con due stranieri a roster impalpabili, aventi i nomi di Murray e Shashkov: menzione speciale per il russo che è alle prese con il fastidio alla schiena che lo tormenta e che potrebbe lasciare il russo in tribuna dalla prossima partita ma nonostante ciò il suddetto americano non deve credersi salvo… Il match vede subito gli ospiti andare in vantaggio dopo due minuti con un distacco di 7 punti sulle ali di un ispirato Banks che ha messo a referto 14 dei suoi 16 punti nei primi 10 minuti. Nelle fasi successive, Pesaro insegue costantemente e recupera un punto alla volta tornando a 6 lunghezze di distanza a 9 minuti dal termine dopo aver toccato il -20 in diverse occasioni; da qui però gli ospiti hanno premuto nuovamente sull’acceleratore ed hanno staccato definivamente i pesaresi ottenendo quindi il riconoscimento di squadra più “in forma” del campionato in questo momento.

Quintetti:

Pesaro: Artis, Blackmon, McCree, Zanotti, Mockevicious

Torino: Banks, Moraschini, Chappell, Gaffney, Brown

 

1° QUARTO: Moraschini e Banks aprono la giornata da dietro l’arco, McCree e Mockevicius dal pitturato; degli errori banali dei pesaresi regalano un primo break agli ospiti, sul 4-11 dopo 3’ con Boniciolli che chiama una sospensione. Il filone non cambia, Banks supera la doppia cifra e Brown arriva a 7, sfruttando l’assenza del pivot lituano, uscito dal campo per una botta al ginocchio e sostituito da Shashkov. Blackmon si iscrive a tabellino, così come Chappell e poi Artis, tutti e 3 dai 6,75. Il volo di Gaffney servito da Zanelli vale il 16-31 con i locali che continuano a pasticciare tornando a trovare il canestro con Murray mentre suona la prima sirena, sul 19-31.

 

2° QUARTO: Nonostante i numerosi rimbalzi catturati, i locali giocano con troppa sufficienza e Brindisi ringrazia trovando tiri puliti. I pugliesi rimangono in controllo del match, ma con la terza tripla di Artis su altrettanti tentativi lo svantaggio si riduce a 11 lunghezze dopo 13’. Rush replica il tiro del suo rivale per due volte, mentre Ancellotti dall’altra parte recupera un pallone andando però a tirare in modo scordinato lanciando l’ennesimo contropiede e l’ennesimo alley-oop ai giocatori in maglia blu per il 30-49 al 17’. Walker segna da 9 metri mentre Blackmon riesce a trovare il fondo della retina solo da dentro l’area. In conclusione di frazione, Zanotti trova due tiri dalla lunetta, Moraschini uno solo, e chiude la prima metà sul 41-60.

 

3° QUARTO: Moraschini continua a martellare dall’arco, mentre Blackmon comincia a farlo; il pubblico di casa prova a spingere i suoi che trovano 4 canestri con altrettanti giocatori tornando a -13 costringendo Vitucci al time-out. La sospensione ha l’effetto sperato e blocca il buon ritmo offensivo della VL che si è fermato con la sostituzione di Artis in cabina di regia. Il punteggio dice 57-70 con la tripla di Monaldi dopo 27’ ma per impensierire i brindisini questa sera, ci vuole ben altro, nonostante le ottime iniziative del play titolare pesarese che trova il 25esimo punto sul 64-72, punteggio che chiude la penultima frazione.

 

4° QUARTO: Blackmon fa segnare il -6, ma in un attimo Chappell e Wojciechowski segnano 7 punti che rimettono le distanze; Zanotti inchioda, Walker scocca altre due frecce dalla lunga e Mockevicius torna a segnare. Il pivot brindisino continua la sua serie positiva dai 6,75 e mette di nuovo 16 punti di differenza sul 74-90 che a 5 minuti dalla fine sembrano essere un’enormità per i giocatori di coach Boniciolli. I minuti successivi infatti, sono una lunga attesa prima di consegnare l’ennesima vittoria ai brindisini che si dimostra una squadra completa e tenace, tutto il contrario della formazione pesarese. Finisce 80-101 con la tripla di Walker.

MVP Basketinside: Jeremy Chappell (17 punti, 6/11 dal campo, 4 palle recuperate, 22 di valutazione)

VICTORIA LIBERTAS PESARO – HAPPY CASA BRINDISI: 80-101 (19-31, 22-29, 23-12, 16-31)

 

Pesaro:

Blackmon 18, McCree 10, Artis 27, Murray 3, Conti n.e, Giunta n.e, Ancellotti 2, Morgillo n.e, Monaldi 3, Shashkov, Zanotti 9, Mockevicius 8 All. Matteo Boniciolli

Brindisi:

Banks 16, Rush 9, Gaffney 4, Zanelli, Orlandino ne, Moraschini 13, Brown 13, Walker 14, Cazzolato, Wojciechowski 15, Chappell 17, Taddeo All. Vitucci Francesco

 

Arbitri: Begnis, Giovannetti, Calbucci

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy