Brown e Chappell sono pazzeschi: Brindisi sbanca Bologna

Brown e Chappell sono pazzeschi: Brindisi sbanca Bologna

L’Happy Casa controlla la partita sin dalle prime battute e conquista altri due punti fondamentali e meritati sul campo di una Virtus in grande difficoltà.

di Matteo Capelli

Continua la straordinaria stagione dell’Happy Casa Brindisi che batte nel posticipo serale della ventiseiesima giornata la Segafredo Virtus Bologna vincendo con il punteggio finale di 61 a 77. Vittoria che va ben oltre il punteggio (51 a 104 di valutazione) con gli ospiti che hanno condotto sin dalle prime battute e hanno dilagato solo nel finale. La formazione di coach Frank Vitucci ha mostrato grande solidità difensiva (affidandosi spesso alla zona e a continui aiuti sotto canestro) e offensiva, dove Chappell (25 pt, 10 rim, 3 ass, 3 palle recuperate, 4/6 da 3 con 38 di valutazione) e Brown (29 pt, 10 rim e 5 falli subiti) sono stati devastanti, ed autentici mattatori della partita. I pugliesi ad oggi sono una delle realtà più belle del campionato e potranno essere temibili ai playoff. La Virtus, che è uscita tra i fischi del proprio pubblico, ha mostrato enormi limiti nella creazione del gioco (13 assist a 20), nel trasformare i tiri liberi (10/18) e nell’intensità sotto le plance (33 a 40 a favore di Brindisi). Con questa sconfitta i bianconeri sono di fatto fuori dalla corsa playoff.

Quintetti

Virtus Bologna: Taylor, Aradori, Martin, M’Baye, Kravic.

Happy Casa Brindisi: Banks, Moraschini, Chappell, Gaffney, Brown.

Dopo l’ovazione del Paladozza per Sugar Ray Richardson, la partita comincia con molti errori di entrambe le squadre: Brindisi regala una serie incredibile di palloni alla Virtus, ma spesso i bianconeri non capitalizzano, dando così la chance a Brown e Moraschini di tenere davanti gli ospiti sull’8 a 9 del 7’. I pugliesi continuano a perdere palloni, ma con le triple di Chappell e Moraschini sembra in controllo, prima che un improvviso 4 a 0 bolognese firmato da Qvale e Baldi Rossi ribalti il punteggio nei pressi della prima sirena: 18 a 17 al 10’. Partita che procede a un punteggio basso con errori a ripetizione: Brindisi incrementa il numero di palle perse, ma Bologna non ne approfitta, sbagliando una serie interminabile di appoggi, e con l’arcobaleno (probabilmente casuale di Brown, gli ospiti tornano davanti (21 a 22 al 15’). La squadra di Vitucci mostra estrema solidità difensiva, che le permette di prendere il primo gap significativo: 26 a 31 al 18’, dopo i canestri di Chappell e Brown. Il trend prosegue con la tripla di Moraschini e il contropiede di Chappell (doppia cifra di vantaggio sul 28 a 38), prima che Qvale limiti i danni per la Virtus prima del riposo lungo: 30 a 38 al 20’. Al rientro, la Virtus prova a mettere in campo maggiore determinazione: la difesa riesce a coinvolgere il pubblico del Paladozza, mentre le triple di M’Baye e la schiacciata di Kravic riportano in parità la contesa a quota 42 al 24’. Brindisi reagisce con ottima lucidità affidandosi ai soliti Brown e Chappell e ospiti di nuovo avanti alla terza sirena sul 51 a 56. Pur in maniera confusa, Bologna prova a crederci, ma è troppo fallosa in attacco e Brindisi la punisce con la coppia Brown – Chappell che ispira un nuovo allungo che potrebbe essere decisivo: 56 a 68 al 36’. La Virtus ha proprio finito la benzina: Moraschini e Brown fanno dilagare Brindisi che vince 61 a 77.

Segafredo Virtus Bologna – Happy Casa Basket Brindisi 61 – 77 (18 – 17; 30 – 38; 51 – 56)

Virtus Bologna: Martin 8, Pajola NE, Taylor 7, Baldi Rossi 7, Cappelletti 2, Kravic 6, Chalmers 6, Aradori 4, Berti NE, M’Baye 10, Cournooh 2, Qvale 9. All. Djordjevic.

Happy Casa Brindisi: Banks 2, Brown 29, Rush 2, Gaffney 2, Zanelli 3, Orlandino NE, Moraschini 13, Clark 1, Cazzolato, Wojciechowski, Chappell 25, Taddeo NE. All. Vitucci.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy