Cantù demolisce Capo d’Orlando, la volata playoff è lanciata

Cantù demolisce Capo d’Orlando, la volata playoff è lanciata

19 punti, 4 rimbalzi e 19 di valutazione, oltre a due schiacciate clamorose. Si presenta così Metta World Peace al pubblico del Pianella, dimostrando che oltre al clamore mediatico che ha portato, anche sul campo vuole essere il numero uno. La standing ovation che gli ha concesso Sacripanti a cinque dal termine esalta ancor di più l’amore già nato tra la stella americana e il pubblico canturino, sempre più in estasi per quanto mostrato dal numero trentasette. E’ vero, merito dell’entusiasmo va dato alla serata storta di Capo d’Orlando, in cui non c’è nulla da salvare. Una squadra svogliata, priva di voglia, col solo Campbell tra i meno peggio in una compagine apparsa con la testa già in vacanza. Cantù reagisce così alle due sconfitte pesanti, in ottica morale, prese a Brindisi e Pistoia, riportando un minimo di ottimismo nella corsa playoff. Lo fa in maniera perfetta: cinque giocatori in doppia cifra (Feldeine, Shermadini, Jones, Buva e appunto Metta World Peace), una partita finalmente archiviata con largo anticipo (29-11 dopo 10′) e tutti i dodici elementi entrati in campo. Cantù: Gentile-Johnson-Odom-Jones-Buva-Shermadini Capo d’Orlando: Pecile-Henry-Campbell-Archie-Hunt CANTU’ IN SCIOLTEZZA, SPETTACOLO E +25- Cantù parte subito forte, con sei dei primi dieci punti firmati da Buva. Capo d’Orlando replica con Archie e Pecile, ma il primo timeout arriva dagli ospiti, con Griccioli che ferma il gioco sul 10-7. Neanche la pausa frena però l’inerzia canturina, perché oltre a Buva che continua a far male, salgono in cattedra prima Shermadini con quattro punti, poi Gentile col 2+1 che vale la doppia cifra di scarto sul tabellone (19-9). Dopo sette minuti di gioco arriva finalmente il turno di Metta World Peace, che fa il suo debutto davanti al pubblico del Pianella. L’americano si conferma tutto meno che timido: sbaglia la prima volta, ma non la seconda, siglando il piazzato che vale il 23-9. Nel finale sale in cattedra anche Williams, trascinando fino al 29-11 del primo periodo il punteggio. Nella seconda frazione sono le triple di Archie da una parte e Abass dall’altra ad aprire le danze. Anche Feldeine s’iscrive al festival del tiro da tre punti, portando il vantaggio a un netto più venti dopo soli quattordici minuti di gioco (36-16). Un mini break di 4-0, arrivato con due schiacciate di Hunt e McGee, riporta l’Orlandina fino al meno sedici con Sacripanti a chiamare subito timeout dopo il minimo accenno di calo d’intensità. Cantù ricomincia così col piede giusto, dando anche spettacolo con l’alzata di Johnson-Odom conclusa dalla schiacciata di Jones, che scalda ancora di più il Pianella. Nel finale di tempo la formazione di Sacripanti dilaga e scappa via, con Metta World Peace che sulla sirena decolla a timbrare il 49-24. METTA WORLD PEACE LANCIA LA CORSA PLAYOFF- Neanche al rientro in cambio l’Orlandina manda segnali positivi: ci prova Campbell da tre punti, ma è un fuoco di paglia. Cantù corre, si esalta e fa spettacolo al cospetto degli ospiti che sembrano troppo timidi per tenere testa quest’oggi.  I canestri di Johnson-Odom, Jones e Shermadini valgono il 60-36, tanto che Sacripanti può concedere minuti anche a Laganà. Campbell è l’unico a mettere in campo un minimo di sfrontatezza, ma l’Acqua Vitasnella vede una vasca da bagno al posto del canestro e ne approfitta per far superare la doppia cifra anche al tabellino di Metta World Peace, con cinque punti di fila per il 65-39. Pecile da tre punti prova a rianimare la propria squadra (67-49), ma è ancora Metta World Peace con una gran giocata a ricacciare indietro i paladini. La tripla di Metta World Peace e la schiacciata di Abass chiudono i primi trenta minuti sul 73-51. Gli ultimi dieci minuti non hanno più nulla da dire, la formazione di Sacripanti dilaga e s’impone col punteggio di 93-67. MVP BASKETINSIDE.COM: Metta World Peace ACQUA VITASNELLA CANTU’-UPEA CAPO D’ORLANDO 93-67  ACQUA VITASNELLA CANTU’: Johnson- Odom 8, Feldeine 15, Abass 5, Bloise, Laganà, Maspero, Jones 10, Shermadini 10, Buva 12, Gentile 5, Williams 9, World Peace 19. All. Sacripanti. UPEA CAPO D’ORLANDO: Archie 13, Hunt 6, Munastra ne, Nicevic 8, Pecile 8, Karavdic, Henry 12, McGee 9, Bianconi, Campbell 11, Strati ne. All. Griccioli. Arbitri: Mattioli, Sardella, Quarta.

Fotogallery a cura di Alessandro Vezzoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy