Cantù fa harakiri, Venezia festeggia dopo un supplementare

Cantù fa harakiri, Venezia festeggia dopo un supplementare

UMANA REYER VENEZIA – ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ 94-90 DTS

di La Redazione

UMANA REYER VENEZIA – ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ 94-90 DTS
Parziali: 18-14: 41-37; 58-54; 77-77

Umana Reyer: Haynes 2, Kennedy 11, Bramos 11, Tonut 14, Daye 16, De Nicolao 14, Vidmar 2, Biligha 1, Giuri 2, Mazzola 3, Cerella, Watt 18. All.: De Raffaele.

Acqua San Bernardo: Gaines 20, Carr 7, Blakes 16, Baparapè ne, Parrillo, Davis 10, Tassone, La Torre 3, Olgiati ne, Pappalardo ne, Stone 8, Jefferson 26. All.: Brienza.

Con un doppio incredibile finale di tempo (ai regolamentari e all’overtime), l’Umana Reyer torna alla vittoria interrompendo la striscia di Cantù, uscita battuta dal Taliercio 94-90.

Stone non recupera, con Haynes, Tonut, Bramos, Mazzola e Watt schierati in quintetto. L’inizio è tutto di Jefferson (0-6 al 2’30”), con Bramos che sblocca gli orogranata con una tripla dopo quasi 4′ (3-6). L’Umana Reyer difende bene e cresce in attacco col gioco corale, passando in vantaggio (9-8) con la tripla di De Nicolao al 6’30”. Dopo il time out ospite sull’11-8, debutta al Taliercio Kennedy e il break veneziano continua fino al 9-0 (14-8 al 7′) proprio con i punti dell’ultimo arrivato. Cantù quando può prova a correre, in una partita molto tattica, riavvicinandosi sul 15-12 al 9′ (dopo una grande stoppata di Biligha su Jefferson), poi Daye chiude il primo quarto con la tripla del 18-14.

Il secondo quarto si apre con canestri di alta fattura di Gaines, Giuri e Davis, poi l’Umana Reyer torna a +6 (24-18) al 12′ con un’altra tripla di Daye). Kennedy viene fermato più volte fallosamente dalla difesa canturina, anche su un tiro da 3 (3/3 dalla lunetta e 29-23 al 13’30”). Jefferson torna protagonista in attacco per l’Acqua San Bernardo, ma gli orogranata rispondono colpo su colpo (grande schiacciata di Watt, tripla di Bramos), trovando il nuovo massimo margine con la tripla di Tonut al 17’30” (38-30). Cantù chiama time out, ma si riparte con la tripla di Mazzola del 41-30 al 18′. Nel finale di tempo, comunque, gli ospiti riescono a infilare un break di 0-7, mandando le squadre all’intervallo sul 41-37.

L’Umana Reyer riparte col passo giusto e Watt e Tonut firmano il 45-37 al 21’30”. Mantenendo la testa sulle spalle, gli orogranata allungano ulteriormente al 22’30”, tornando in vantaggio in doppia cifra: 50-40 con la tripla di Daye. Bramos schiaccia il 52-42 al 24′, poi però l’Umana Reyer si blocca in attacco, con Cantù che si riavvicina fino al 52-49 al 25’30”. De Nicolao torna a muovere il punteggio per gli orogranata (54-49 al 26’30”), anche se l’Acqua San Bernardo non molla ed è a -2 (54-52) al 29′. Due schiacciate, di Vidmar e Kennedy, ridanno fiato all’Umana Reyer, poi i liberi di Gaines mandano le squadre all’ultimo intervallo sul 58-54.

Stone e Daye si rispondono da 3 in avvio di ultimo quarto, poi gli ospiti impattano a quota 61 (32’30”). Stone commette quarto fallo e poi è punito con un tecnico. Stessa sanzione per De Raffaele al 33′ e Cantù è avanti: 61-62. Gaines si accende per gli ospiti e riscrive il massimo margine al 34’30” (64-67) e poi al 36’30” (68-73), con gli orogranata che si affidano troppo, con basse percentuali, al tiro pesante. Cantù tocca anche il +7 (68-75 al 37′), ma l’Umana Reyer riesce a limare punto su punto, nonostante gli errori dalla lunetta. A 10” dalla sirena, Bramos, a rimbalzo offensivo, mette il 74-76; a -8” Gaines fa 1/2 sul fallo di Tonut, così Daye, su assist di De Nicolao, mette a 1” dalla fine la tripla del supplementare (77-77).

L’overtime si apre con la tripla di De Nicolao (80-77), poi Tonut attacca il ferro, riuscendo a rispondere agli avversari in una serie di sorpassi e controsorpassi. A sparigliare è una tripla di Gaines (con blocco dubbio di Jefferson): 84-88 al 42’30”. Risponde Watt, poi non viene vista una spinta su Bramos a rimbalzo offensivo, così Jefferson mette l’86-90 a -1’39”. Watt mette un libero, poi gli orogranata alzano l’intensità difensiva: Watt recupera su Gaines e Tonut schiaccia in contropiede l’89-90 (-1’10”). Jefferson fallisce, con Gaines che spende il quarto fallo su De Nicolao ed è sorpasso Umana Reyer sul 91-90 a -32”. Da un recupero di Bramos, Watt, in contropiede, chiude poi il gioco da tre punti che chiude virtualmente il match sul 94-90 a -15”. Perché il punteggio non si muoverà più e sarà festa orogranata.

Uff.Stampa Reyer Venezia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy