Cantù viaggia spedita, anche Pistoia costretta alla resa

Cantù viaggia spedita, anche Pistoia costretta alla resa

Seconda vittoria consecutiva per la formazione di Sodini.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

Cantù non sbaglia e dopo aver domato in volata sette giorni fa la Sidigas Avellino, supera in scioltezza una Pistoia mai in partita costretta praticamente fin da subito a inseguire. Il 26-20 del primo quarto si trasforma infatti nel 59-42 all’intervallo, che di fatto archivia ogni discorso sulla gara. Per Cantù un successo di squadra, con ben sette uomini in doppia cifra capeggiati dai 21 siglati da Jaime Smith. Agli ospiti non bastano le buone prestazioni della coppia Laquintana-Gaspardo.

Cantù: Smith-Culpepper-Chappell-Burns-Thomas
Pistoia: Moore-McGee-Diawara-Gaspardo-Ivanov

DOMINIO CANTU’, PISTOIA IN AFFANNO – Avvio di gara con Burns da una parte e Gaspardo dall’altra a rispondersi colpo su colpo. Si sblocca anche Culpepper, ma sono due canestri in fila di Smith a firmare il primo break di serata sul 15-11, obbligando Esposito al timeout. Gaspardo prova a ricucire il passivo, ma il solito Burns e l’ennesima bomba di Smith, lanciano la Mia Red October sul 26-14. I toscani però rientrano nel finale, con l’ultimo sigillo di Laquintana a valere il 26-20 sul tabellone. Anche nel secondo periodo, sono i brianzoli a dettare l’andamento della gara riallungando il margine con il 2/2 di Thomas che vale il 38-25. Ellis colpisce dall’arco, ma prima Ivanov con il 2+1 e poi Mian da tre punti rimettono a soli dieci punti di distanza le due formazioni. Cantù ne ha però di più e torna presto ad avere l’incontro in mano, con cinque punti di Culpepper a valere un netto più diciannove. Laquintana, ancora una volta, è l’ultimo a segnare fissando il 59-42.

CANTU’ AMMINISTRA E STRAPPA LA VITTORIA – Nel terzo quarto Pistoia prova subito ad alzare i giri, riportandosi fino al meno undici con la schiacciata di McGee, sul 60-49. Culpepper prova a riallontanare Cantù (68-53), ma Pistoia risponde con un contro break nel segno del duo Moore-Gaspardo tornando dopo tanto tempo sotto la doppia cifra di margine sul meno otto. Cantù però riesce a reagire e sul finale di quarto costruisce l’ennesimo break che vale il 78-64 dopo trenta minuti. Nell’ultima frazione torna a mettersi in mostra Burns, con cinque punti in fila che riallontanano la formazione toscana. Negli ultimi dieci minuti non c’è più storia, con Thomas e Smith a firmare il 92-74 a cinque minuti dlla fine. Il resto è puro garbage time, con la Red October che s’impone 106-85.

MVP BASKETINSIDE.COM: Smith
MIA RED OCTOBER CANTU’ – THE FLEXX PISTOIA 106 85

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy