Cantù vola con il trio Ukic-Heslip-Fesenko: Sassari va al tappeto

Cantù vola con il trio Ukic-Heslip-Fesenko: Sassari va al tappeto

Nella seconda giornata di ritorno al PalaSerradimigni di Sassari un’autoritaria Cantù espugna il parquet dei campioni d’Italia della Dinamo per 78-86.

Commenta per primo!

Nella seconda giornata di ritorno al PalaSerradimigni di Sassari un’autoritaria Cantù espugna il parquet dei campioni d’Italia della Dinamo per 78-86. I brianzoli trascinati da Ukic, Fesenko e Heslip portano a casa due punti fondamentali aprendo una crisi ufficiale per i sardi. Sassari nonostante un match giocato sottotono ha più volte cercato di riaprire il match, ma Cantù non ha mai rischiato veramente di poter perdere una partita condotta in lungo e in largo fin dal primo periodo. Alexander e Stipcevic a parte i sardi non hanno saputo reggere l’urto sotto canestro di Fesenko e la vena realizzativa dai 6.75 di Heslip autore di 18 punti dalla lunga.

1° QUARTO: Parte bene Sassari che si cerca tra le ali con il nuovo assetto Eyenga-Mitchell, con il congolese da 4, che produce il primo parziale di 9-3 in favore dei padroni di casa. Cantù dimostra di aver preparato come piano partita la ricerca Fesenko nel pitturato, l’ucraino è protagonista del parziale di 12-0 che l’Acqua Vitasnella infligge a Sassari costringendo Calvani al timeout. Alexander spostato da 5 è l’ultimo a mollare, ma i canturini chiudono comunque avanti 19-25.

2° QUARTO: Nel secondo quarto partono meglio gli ospiti che con una schiacciata di Tessitori, ex di turno, si portano sul +9, Sassari risponde con Alexander che ha nelle mani i punti del nuovo -5, Bazarevich chiama timout ristabilendo nuovamente la situazione di vantaggio con Ukic ed Heslip protagonisti del nuovo +9 (28-37). Nella seconda metà del tempo Sassari reagisce alla grande con uno Stipcevic scatenato e Haynes autore della bomba del 39-43, nel finale c’è ancora spazio per i sardi che chiudono sotto di sole 2 lunghezze complici i viaggi in lunetta di Alexander e Logan (1/ 2). Finisce 43-45.

3° QUARTO: Mitchell si sblocca realizzando il primo canestro del quarto che vale il pareggio per i sassaresi, il pareggio non galvanizza i sardi che smarriscono la via del canestro subendo un parziale di 13-5 comlice il tecnico con conseguente quinto fallo di Varnado e i canestri di Heslip, Hodge e Johnson che fanno volare Cantù sul 49-60 (+11). Sassari sembra smarrita, Hudge la spedisce sul -14, ma nel finale Mitchell e Alexander rendono meno amaro il risutlato. Finisce 57-68.

4° QUARTO: Ukic in contropiede apre le danze dell’ultimo periodo riportando i suoi sul +13, Heslip con una bomba porta i brianzoli sul massimo vantaggio 59-75, costringendo al timeout Sassari. I sardi dopo il minuto ritrovano la vena realizzativa con un controparziale firmato Alexander e Stipcevic che vale il -4 sassarese. Sul più bello i campioni d’Italia si spegnono completamente lasciando a Cantù la possibilità di chiudere il match con il solito Heslip e Fesenko che fissano il risultato finale sul 78-86.

SASSARI 78 CANTU’ 86

Dinamo Banco di Sardegna Sassari: Haynes 6, Mitchell 8, Logan 9, Pompianu, Formenti 0, Devecchi 0, Alexander 27, D’Ercole 0, Sacchetti 4, Stipcevic 16, Eyenga 2, Varnado 6.

Acqua Vitasnella Cantù: Ukic 17, Abass 12, Heslip 18, Zugno n.e., Wojciechovski n.e., Cesana n.e., Johnson 8, Tessitori 4, Fesenko 20, Hodge 7.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy