Caserta festeggia! Trento sconfitta e salvezza conquistata

Caserta festeggia! Trento sconfitta e salvezza conquistata

Al termine di una partita tiratissima ed estremamente emozionante la Pasta Reggia Caserta batte Trento e conquista la salvezza. L’Aquila ringrazia Cantù e accede ai playoff nonostante la sconfitta.

Davanti a oltre 6000 persone la Pasta Reggia Caserta si gioca le sue chance di restare nella massima serie. Alla fine i bianconeri, grazie a una prova di cuore mai vista quest’anno e ha fermato Trento, conquistandosi la permanenza nella massima serie. Nonostante la sconfitta, la Dolomiti Energia Trento conquista i playoff, anche se da ottava.

Primo tempo – Siva apre le marcature con una tripla che fa esplodere il PalaMaggiò e da il via al 6-0 di parziale con cui la Juve apre la partita. La tensione si fa sentire e non si segna con estrema continuità, ma ciò non impedisce a Julian Wright di riportare il punteggio in parità sull’8-8. La tripla di Giuri riporta avanti i campani che però, nonostante la grande voglia, non mostrano una fluidità di gioco adatta per allungare. Trento in questa fase spreca molto e la schiacciata di Linton Johnson porta Caserta di nuovo a +6 sul 15-9, costringendo Maurizio Buscaglia a chiedere timeout. Hunt rientra negli spogliatoi, ma i suoi volano ugualmente a +8 (17-9), nonostante il secondo fallo commesso da Johnson. Alla fine del primo quarto la Juve conduce per 20-15.

Trento apre il secondo quarto con un parziale di 4-0 e si riporta a -1 sul 20-19, spingendo Sandro Dell’Agnello a chiedere timeout per mettere ordine tra i suoi. Al rientro in campo Sutton ruba palla e va schiacciare in contropiede e porta per la prima volta i suoi in vantaggio sul 21-20. Siva in questa fase e l’anima dei suoi che riprendono prontamente la testa del match e mantengono la sfida in equilibrio. Wright porta gli ospiti a +3 (30-27), ma la Juve reagisce subito con Downs che la riporta avanti. Cumming colpisce dall’arco e poi dalla lunetta, portando l’Aquila Basket al nuovo +3 sul 34-31 che è anche il punteggio di fine primo tempo.

Secondo tempo – Le triple di Siva e Forray aprono il terzo quarto ma non cambiano lo scarto tra le due formazioni. Cinciarini e Bobby Jones riportano Caserta in vantaggio sul 38-37 e il fallo tecnico sanzionato a Sutton le permette di incrementare il suo margine. In questa fase di partita i padroni di casa restano avanti ma con un margine sempre abbastanza esiguo che non supera le sette lunghezze. La schiacciata di Dario Hunt porta i padroni di casa alla doppia cifra di vantaggio sul 51-41. Nel finale di quarto il gioco è abbastanza spezzettato e il parziale alla fine dei primi trenta minuti vede la Pasta Reggia avanti per 52-44.

In avvio di quarto quarto non si segna molto e lo scarto tra le due compagini resta pressoché invariato. La Juve vive un momento di confusione e Sandro Dell’Agnello decide di parlarci sopra quando mancano 7’ e 10’’ alla sirena finale e il punteggio vede i padroni di casa avanti per 55-48. Trento si riporta a -5 sul 55-50, la Juve a fatica reagisce e ritorna a +7 sul 59-52. La tripla di Cinciarini porta la Juve nuovamente a +8 (62-56). La tripla di Cummings riporta gli ospiti a -5 (64-59), ma il quinto fallo di Wright è una brutta notizia per Buscaglia. Cinciarini dall’arco fa esplodere il PalaMaggiò a meno di un minuto e mezzo dalla sirena. Nei secondi finali Pascolo prova a tenre in vita i suoi che, grazie ai liberi di Flaccadori, arrivano a 12’’ dalla fine a -1 sul 71-70. Giuri fa 2/2 dalla lunetta e fissa il punteggio sul 73-70 finale.

PASTA REGGIA CASERTA 73-70 DOLOMITI ENERGIA TRENTO (20-15; 31-34; 52-44)

Pasta Reggia Caserta: Downs 10, Siva 23, Hunt 9, Cinciariniv 12, Gravina, Ventrone, Jones 5, Giuri 8, Johnson 6, Ingrosso. All. Sandro Dell’Agnello

Dolomiti Energia Trento: Cummings 12, Poeta, Pascolo 11, Forray 3, Flaccadori 6, Sutton 11, Lockett 11, Lechthaler, Wright 14, Berggren 2. All. Maurizio Buscaglia

Arbitri: Sabetta, Mazzoni, Sardella

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy