Caserta strappa nel finale i due punti a Torino

Caserta strappa nel finale i due punti a Torino

Dopo tre quarti di spettacolo di bassissimo livello, soprattutto da parte casertana, gli ospiti hanno sfoderato una difesa straordinaria nel corso del quarto periodo e vince uno scontro diretto di fondamentale importanza. Straordinaria la prova di Viktor Gaddefors, ma la Juve ha sfoderato una prova di squadra eccezionale nei minuti finali. Per la Manital grandi prove di White e Dawkins.

Primo tempo – Dawkins apre le marcature con una tripla dando il via al’8-0 di parziale iniziale dei piemontesi interrotto dalla schiacciata di Hunt seguita da quella di Downs.  Torino fa qualche scelta offensiva discutibile, ma si riprende subito e trova il +8 sul 15-7 grazie alla tripla di Rosselli. L’assalto della Manital alla doppia cifra di vantaggio fallisce a causa dei canestri di Gaddefors e Bobby Jones intervallati da quello di Rosselli. Dopo un timeout, Mancinelli si iscrive alla partita con una tripla e il piazzato di White vale il +11(22-11) in favore dell’Auxilium. Siva e Downs provano a suonare la carica per i campani ma White continua a farla da padrone in entrambi i pitturati e Dawkins continua a bombardare trascinando i suoi al +12 sul 30-18. Alla fine del primo quarto Torino conduce per 30-22.

Sono ancora White e Dawkins a trascinare i padroni di casa in avvio di secondo quarto. La Pasta Reggia sembra sparire dal campo e la Manital vola a +15 (39-24). In questa fase di partita Caserta fa fatica in attacco e in difesa nel limitare l’esplosività dei lunghi avversari, oltre a Dawkins. Torino cala con l’uscita dal campo di White, ma Caserta non riesce a sfruttare ciò a causa dei suoi limiti offensivi e un nuovo exploit di Dawkins e White portano la formazione in maglia gialla a +18 sul 51-33. Nel finale di quarto due triple consecutive di Gaddefors riaprono il match fissando il punteggio sul 51-40 alla fine del secondo quarto.

Secondo tempo – Kloof e White aprono le marcature del secondo tempo e Dell’Agnello chiede un immediato timeout. Al rientro in campo Downs ne fa cinque di fila e Mancinelli quattro, ma in questa fase di partita non si assiste a uno spettacolo sopraffino. Lo scarto tra le due compagini non scende mai sotto la doppia cifra ma supera raramente le quindici lunghezze. Gaddefors commette fallo antisportivo su Mancinelli che fa 2/2 dalla lunetta, ma la Manital non sfrutta il possesso supplementare. Ancora una tripla di Gaddefors sulla sirena porta la Juve a -9 sul 70-61 di fine terzo quarto.

A inizio quarto periodo di gioco la Juve inizia a difendere come sa e realizza un 9-0 che porta il punteggio in parità sul 70-70. Rosselli interrompe il parziale avversario con una tripla, ma Caserta non perde il filo del discorso e resta lì rispondendo colpo su colpo. Ebi fa canestro e subisce fallo antisportivo da Siva portando i piemontesi a +6 (77-71), ma la tripla di Giuri dimezza le distanze e Gaddefors in penetrazione fa -1 sul 77-76. White torna a essere leader dei suoi, ma Gaddefors è in stato di grazia e la partita scorre sui binari dell’equilibrio. Giuri piazza la tripla del sorpasso (83-81) a 28’’ dalla sirena. Dawkins sbaglia e Downs in contropiede porta i suoi a +4 (85-81) a 18’’ dal termine. Jones manda in lunetta Giacchetti che fa 2/2. Downs fa 2/2 dalla lunetta e White sbaglia. Alla fine vince Caserta per 87-83.

MANITAL TORINO 83-87 PASTA REGGIA CASERTA (30-22; 51-40; 70-61)

Manital Torino: White 20, Kloof 4, Rosselli 8, Mancinelli 8, Dawkins 26, Fantoni 2, Ebi 6, Mascolo ne, Giacchetti 4, Miller 5. Coach Frank Vitucci

Pasta Reggia Caserta: Giuri 6, Gaddefors 21, Cinciarini 3, Hunt 12, Downs 21, Metreveli, Ghiacci ne, Jones 12, Siva 12, Ingrosso ne. Coach Sandro Dell’Agnello

Arbitri: Paternicò, Vicino, Rossi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy