Daye e Lacey mandano a tappeto Reggio! Pesaro si aggiudica il lunch match conquistando due punti pesanti

Daye e Lacey mandano a tappeto Reggio! Pesaro si aggiudica il lunch match conquistando due punti pesanti

La Consultinvest Pesaro conquista due punti pesantissimi nel lunch match contro la Grissin Bon battendola 90 a 80. Sugli scudi la coppia Daye-Lacey (41 punti complessivi) e Lydeka, autore di una doppia-doppia (14 punti + 10 rimbalzi) di grande sostanza

La Consultinvest Pesaro archivia definitivamente la sconfitta di martedì contro la Virtus Bologna e conquista due punti molto pesanti battendo con una grande prova corale la Grissin Bon anche oggi priva di Gentile, Aradori, Lavrinovic, Vereemenko e con Kaukenas ancora a mezzo servizio. Decisivo il grande terzo quarto degli uomini di Paolini che sono riusciti a capitalizzare quanto di buono fatto nel primo tempo scappando addirittura a +17 e chiudendo, come troppo spesso non le era riuscito in stagione, i conti anzitempo con una buona gestione dei ritmi finale che ha saputo far fronte anche all’estremo tentativo di rientro reggiano. Chissà che questo successo non serva ai biancorossi per trovare una spinta in più nel finale di stagione e una convinzione dei propri mezzi ancora maggiore e utile per per conquistare una salvezza anticipata rispetto alle ultime stagioni. All’Adriatic Arena finisce 90 a 80 con ben 4 giocatori in doppia cifra tra i padroni di casa che trovano un pronto riscatto da Daye (21 punti e 10 rimbalzi) – in grande ombra contro Bologna – e punti preziosi da Lacey (20 punti) e Lydeka (14 punti e 10 rimbalzi).

Primo quarto di grande equilibrio con le due squadre che si affrontano a viso aperto e in modo molto intenso: Pesaro la butta sul piano del fisico cercando sotto canestro un Lydeka particolarmente ispirato e a tratti immarcabile per un reparto lunghi reggiano ridotto all’osso (10 punti in 10′ con 5 su dal campo e 5 rimbalzi catturato). Reggio comunque non molla e grazie alle triple di Silins e alla lotta coraggiosa di Golubovic (8 punti e 10 rimbalzi) rimane a contatto riuscendo a chiudere la frazione in parità (23-23). Alla ripresa del gioco ecco che arriva il primo tentativo di allungo pesarese con un break di 8-0 aperto da Christon e chiuso da Lacey che proietta i padroni di casa sul 31-23. I biancorossi marchigiani restano però sul chi va là non schiacciando a fondo il pedale dell’acceleratore, forzando qualche conclusione e perdendo alcuni palloni di troppo che regalano agli ospiti la possibilità, che non si fanno scappare, di accorciare, e precisamente con la bomba di De Nicolao (33-28). La Consultinvest nonostante il riavvicinamento degli emiliani regge mentalmente, tenendo il timone della gara ben saldo nelle mani e andando a toccare il massimo vantaggio momentaneo sul +9 con una ennesima fiammata alimentata dai canestri di Lacey e Daye (37-28). Polonara e Della Valle allentano nuovamente l’elastico (37-33), ma Pesaro risponde  con 5 punti filati dell’accoppiata Daye-Christon per il nuovo +8 (41-33). La leadership di Daye in campo si sente eccome e sulle ali dell’entusiasmo la Consultinvest tocca addirittura quota 50 un istante prima che Polonara, lasciato colpevolmente solo, ammutolisca i 4800 presenti dell’Adriatic Arena con la bomba a fil di sirena che mette la parola fine sul primo tempo che si conclude sul 50 a 43.

Il terzo quarto è quello della svolta pesarese: i padroni di casa aggrediscono con rinnovata cattiveria la gara e un’avversaria alle corde per il duro impegno di coppa e le tante assenze, stringendo la difesa e giocando con scioltezza in fase offensiva. Quando si è in fiducia i canestri entrano e così accade anche in questo caso, consentendo alla Vuelle di scrollarsi di dosso tensioni e paure che spesso non le avevano permesso di chiudere partite che si erano incanalate nei giusti binari, non ultime la sfida di martedì contro la Virtus Bologna e la gara di Pistoia. Un Lacey in ottimo spolvero, il solito Daye e Sheperd griffano la grande e decisiva fuga biancorossa che tocca le 17 lunghezze sul 70 a 53 a 2′ dalla terza sirena. Negli ultimi 10 minuti di gara ai Lacey e compagni, una volta acquisiti un buon margine di sicurezza e la convinzione di poter fare il colpo grosso, non resta che amministrare e regalare qualche giocata spettacolare al pubblico come il tap in schiacciato di Sheperd e la stoppata di Daye sul giovane Strautins. La Grissin Bon, per forza di cose a corto di energie, prova a spaventare Pesaro – già col fiato sospeso per Christon che a 6’33” dal 40° lascia il campo zoppicando dopo essere caduto male sulla caviglia sinistra – approfittando di due perse sanguinose di Daye che la fanno ritornare sotto la doppia cifra di disavanzo (88-80) ma è oramai troppo tardi per aggiustare il danno e bastano due liberi di Ceron per mettere la parola fine sulla contesa che si conclude con il risultato finale di 90 a 80.

CONSULTINVEST PESARO – GRISSIN BON REGGIO EMILIA 90-80

CONSULTINVEST PESARO: Basile, Sheperd 15, Gazzotti, Lacey 20,  Christon 14, Daye 21, Solazzi ne, Candussi, Ceron 6, Lydeka 14, Serpilli ne. Allenatore: Paolini

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Bonacini ne, Polonara 19, Della Valle 4, De Nicolao 14, Strautins 2, Kaukenas 8, Silins 22, Lever ne, Degli Esposti ne, Golubovic 11. Allenatore: Menetti.

Note: tempi parziali: 23-23; 27-20; 20-13; 20-24.  Arbitri: Lamonica, Filippini, Perciavalle.

Fotogallery a cura di Michael Ciaramicoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy