Delirio al Pianella: Siena sconfitta!

Delirio al Pianella: Siena sconfitta!

Non saranno numerosi quanto i 20000 di Belgrado o i 14000 sostenitori dell’Olympiakos, ma ancora una volta Cantù trova nel Pianella il sesto decisivo uomo. Sono diciassette vittorie interne consecutive per la squadra canturina, con l’ultima sconfitta che risale proprio alla sfida d’andata tra le due compagini. Cantù centra la prima vittoria della serie, riaprendo così ogni discorso scudetto. E’stata anche la prima vittoria di coach Trinchieri contro Pianigiani,con l’allenatore canturino bravo a ottenere il meglio nonostante un inizio in salita. Merito soprattutto di un ultimo periodo stratosferico, con Mike Green autore di un finale straordinario, condito da ben quattordici punti nel momento decisivo dell’incontro, che hanno così permesso alla Bennet di ottenere una vittoria inattesa. 

Quintetti:

Cantù: Green-Mazzarino-Micov- Leunen-Marconato

Siena: Mc Calebb- Kaukenas- Moss-Stonerook-Michelori

Soliti dodici per Trinchieri, mentre risponde Pianigiani con la novità Jaric al posto di Zisis. L’avvio, come scritto in apertura, è tutto in salita perché la Montepaschi parte subito forte provando a far calare il rumore assordante: il canestro di Moss e la tripla dell’ex Kaukenas danno infatti lo 0-5 iniziale. Marconato sblocca il tabellone della Bennet, ma i toscani continuano a trovare la via del canestro e grazie ai due punti più libero aggiuntivo di Michelori, seguito dalla gran giocata di Moss, toccano il massimo vantaggio (5-14) costringendo coach Trinchieri al time out immediato. E’ un minuto che fa bene ai canturini, perché al rientro la Bennet cambia completamente atteggiamento: Scekic suona la carica, Mazzarino riavvicina la propria squadra con la sua prima tripla di serata e quando Scekic manda al bar Lavrinovic trovando da sotto un facile canestro,  Cantù ritrova la parità a quota 14. La reazione senese è però da grande squadra, Lavrinovic manda a bersaglio un tiro forzato dai 6,75, Hairston vola a schiacciare dopo aver rubato palla a Markoishvili e Siena torna così a condurre di cinque punti a fine primo quarto (14-19).

Il secondo periodo è tutt’altra musica. Cantù trova subito la parità grazie ai cinque punti consecutivi di Micov, ma Lavrinovic continua a bucare la difesa canturina col tiro dai 6.75. E’ però questione di istanti per trovare il primo vantaggio canturino della partita, con l’ennesimo recupero di Markoishvili che porta al sorpasso di Tabu col belga che da solo non può fallire il 23-22. Siena accusa il colpo, il Pianella s’infiamma e la squadra di Trinchieri allunga: Leunen prima e Scekic poi firmano il quattro a zero di parziale che vale il primo break dell’incontro. A interromper il digiuno senese è il solito Lavrinovic, che piazza cinque punti consecutivi in un amen salendo a quota undici personali e regalando alla Montepaschi il meno due ma Cantù sospinta dal calore del proprio pubblico scappa via: tripla di Mazzarino, penetrazione di Tabu e gran canestro di Scekic per il 36-29. Kaukenas prova a limare il margine, ma dopo i primi venti minuti Cantù è in controllo e va al riposo sul punteggio di 39 a 33. Da segnalare anche il problema falli in casa Siena, con Moss già a quota tre falli.

Nella terza frazione la squadra ospite si riporta a contatto, con Mc Calebb e Carraretto a firmare il 4-0 iniziale. A salire sugli scudi è un sontuoso Micov, col serbo che trova la seconda tripla di serata ridando ai canturini i sette punti di margine. Cantù continua a giocare molto bene, Mazzarino trova il più nove con un canestro difficile e solo il talento di Mc Calebb impedisce alla Bennet la fuga. E’ il play americano, ben coadiuvato da Lavrinovic, a guidare la rimonta della squadra di Pianigiani, che a dieci dal termine torna prepotentemente in partita chiudendo sotto di sole cinque lunghezze (54-49).

Nell’ultimo quarto succede di tutto, il clima diventa infernale ma Siena prova a impaurire subito i canturini risalendo fino al meno uno con il solito Mc Calebb, obbligando coach Trinchieri a fermar subito il gioco chiamando minuto. E’ il momento peggiore dell’incontro per la squadra di casa e come sempre è Nicolas Mazzarino a togliere i problemi alla propria squadra, con il capitano canturino a trovare una gran tripla in faccia a Kaukenas. Siena però è abile a sfruttar il gioco sottocanestro di Lavrinovic, con il lungo senese bravo ad approfittare di Marconato in panchina, mettendo a segno i quattro punti consecutivi che danno il pari a quota 57. Mancano poco più di sette minuti al termine quando la Bennet trova un protagonista inatteso: è Green a salire in cattedra e a riportare avanti i propri compagni, prima non sbagliando dalla lunetta e poi trasformando la palla rubata a Kaukenas nel contropiede del più cinque (62-57). A ridare la parità a Siena ci pensa però David Moss, che dopo il meno due firmato da Lavrinovic, manda a bersaglio la bomba che gela il Pianella. Cantù risponde però prontamente, con Green furbo a farsi trovar pronto sulla rimessa offensiva. Il 2/2 di Markoishvili rimette quattro lunghezze di margine, ma Carraretto replica con il proprio marchio di fabbrica che vale nuovamente una solo punto di distanza. Ad alzare i decibel di tifo è Markoishvili, col georgiano che replica con la stessa moneta prima che uno scatenato Green compia le due giocate che cambiano l’inerzia della partita. Dopo aver costretto Hairston al  fallo in attacco,  il play canturino trova un delizioso passaggio a Micov: il serbo ringrazia, mandando a bersaglio la tripla del più sette che fa esplodere il Pianella. Mc Calebb prova a tenere a galla i suoi dalla lunetta, ma è ancora Green a trovare i canestri che chiudono l’incontro: prima con l’uno contro uno su Mc Calebb , poi con una tripla da otto metri sullo scadere dei ventiquattro.  E’ il più undici a poco più di quaranta secondi, il Pianella è in delirio e la Menssana può solo ridurre il passivo. Alla sirena è un tripudio di gioia, tra meno di quarant’otto ore si torna in campo. Sarà una gara quattro da non perdere, certi che Cantù proverà a mettere ulteriore difficoltà nella corsa verso lo scudetto dei toscani.

Mvp Basketinside.com: Mike Green

BENNET CANTU’ – MONTEPASCHI SIENA 80 – 71 (14- 19, 39- 33, 54- 49)

BENNET CANTU’: Micov 14, Scekic 10, Markoishvili 7, Leunen 7, Marconato 4, Mazzarino 15, Mian, Diviach ne, Tabu 7, Maspero ne, Abass ne, Green 16. All. Trinchieri.

MONTEPASCHI SIENA: Mc Calebb 16, Hairston 2, Carraretto 5, Lavrinovic 22, Kaukenas 11, Ress, Michelori 4, Udom ne, Jaric, Stonerook, Aradori, Moss 11. All Pianigiani.

Arbitri: Cicoria, Cerebuch, Begnis.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy