Devastante Fesenko, Cantù spazza via Caserta e mette il derby contro Milano nel mirino

Devastante Fesenko, Cantù spazza via Caserta e mette il derby contro Milano nel mirino

Una solida Cantù s’impone nettamente contro Caserta trascinata dai 19 punti con 35 di valutazione di Fesenko.

Era la gara per capire chi tra le due squadre voleva salire sul treno playoff, cercando di avvicinare il gruppo a quota 22. Alla fine la risposta arriva da Cantù: la formazione di Bazarevich s’impone in modo netto e convincente contro una Pasta Reggia durata poco più di due quarti, prima di affondare sotto i colpi di un Kyrylo Fesenko (19pt e 35 di val) devastante. Il centro dell’Acqua Vitasnella disputa probabilmente la miglior prova da quando è arrivato, dominando entrambi lati del campo. Con lui menzione speciale anche per Roko Ukic, tornato a brillare dopo diverse gare opache. In doppia cifra e autori di una prestazione molto buona anche capitan Abass e Johnson. E’ però stato il collettivo a far la differenza, quello che spesso ha subito tante critiche: per il coach di Cantù risposte incoraggianti arrivano anche dai gregari, da Lorbek a Wojciechowski. Insomma, se in Brianza cercavano note positive in vista del derby di Domenica prossima sul campo della capolista Milano, non sono certo mancate. Parlando di Caserta, il solo Slokar merita di esser salvato in quella che è stata la più classica delle serate negative. A tratti bene anche Jones, ma per espugnare il Pianella serviva decisamente una gara totalmente differente.

Cantù: Hodge-Ukic-Abass-Johnson-Fesenko

Caserta: Siva-Giuri-Downs-Jones-Hunt

CANTU’ SCAPPA, CASERTA LA RIPRENDE-Dopo i primi due minuti a rilento, è Cantù a prendere in mano la gara trovando con Abass e Fesenko l’8-1 iniziale che porta al primo timeout di serata Caserta. Neanche la pausa cambia la trama, con ancora Abass e Fesenko concreti sul fronte offensivo per il più undici dei brianzoli. Gli ospiti toccano anche il meno sedici (17-1), prima che Slokar sblocchi il punteggio bianconero con sei punti di fila per il 20-7. Si sbloccano anche Jones e Siva, ricucendo fino al meno nove che costringe Bazarevich a chiamare minuto di sospensione. E’ così il neo entrato Wojciechowski a ridare ossigeno alla compagine canturina, in un primo quarto tutto di marca Acqua Vitasnella, avanti con il punteggio di 26-18 dopo dieci minuti. La seconda frazione inizia con Hunt a segno con quattro punti, scrivendo il 26-22. La replica di Cantù porta il nome del solito Fesenko, prima con una gran schiacciata, poi col canestro da sotto e infine con l’assist per il comodo appoggio di Johnson che vale nuovamente dodici punti di scarto sul 34-22. La formazione di Dell’Agnello non molla, anzi, piazza un break di 7-0 con la bomba di Giuri che riporta prepotentemente sotto i bianconeri sul 34-29. Neanche il timeout risveglia la compagine di Bazarevich, con Hunt che inchioda il meno tre. Johnson risponde sul lato opposto, ma Downs tiene incollata la propria squadra sul 36-33 a due minuti dall’intervallo. Ukic sul fil della sirena ridà ossigeno ai biancoblu, che vanno al riposo avanti sul 44-38.

FESENKO IMMARCABILE, CASERTA SPAZZATA VIA- Dopo l’intervallo le due formazioni ripartono con gli attacchi a pieno ritmo: Ukic e Fesenko da una parte, Jones e Hunt dall’altra portano il punteggio sul 48-43.  E’ Ukic però a dare ossigeno alla Vitasnella, replicando alla tripla di Cinciarini con due canestri di fila che valgono il 52-46. Johnson in lunetta firma il più nove canturino (55-46), ma gli ospiti riescon sempre a trovare la contro risposta con il solito Cinciarini. Cantù però ha dalla sua un Fesenko straripante su entrambi i lati del campo e protagonista anche di una stoppata clamorosa ai danni di Jones. Johnson realizza il più undici, ma nell’ultimo minuto la formazione di Bazarevich fa le prove di fuga e con i canestri di Heslip, Fesenko e Lorbek vola via, chiudendo il terzo periodo sul 76-59. La quarta frazione dura solo un giro di lancette, tanto basta ad Abass per trovare le due triple che valgono venticinque punti di vantaggio. Dell’Agnello chiama minuto di sospensione, ma per la Pasta Reggia è ormai game over nonostante gli otto minuti sul cronometro. Il finale recita 92-69 per i padroni di casa.

MVP BASKETINSIDE.COM: Fesenko

ACQUA VITASNELLA CANTU’ 92- PASTA REGGIA CASERTA 69
(26- 18, 44- 38, 76- 59)

ACQUA VITASNELLA CANTU’: Ukic 14, Abass 17, Heslip 9, Lorbek 5, Zugno 2, Wojciechowski 5, Cesana, Ignerski ne, Johnson 14, Tessitori, Fesenko 19, Hodge 7. All. Bazarevich.
PASTA REGGIA CASERTA: Gennarelli ne, Downs 4, Siva 14, Hunt 10, Cinciarini 7, Ventrone ne, Jones 16, Ghiacci, Giuri 5, Ingrosso, Slokar 13. All. Dell’Agnello.

Fotogallery a cura di Alessandro Vezzoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy