E’ festa Pesaro! La Vuelle abbatte Caserta e resta in serie A

E’ festa Pesaro! La Vuelle abbatte Caserta e resta in serie A

Commenta per primo!

PESARO – Alla fine, l’ha spuntata la Vuelle. E’ stata una battaglia senza esclusione di colpi, con Caserta e Pesaro a lottare sino all’ultimo per la permanenza nella massima serie. E’ stata una battaglia anche sugli spalti, con la curva casertana e i 6000 pesaresi a sostenere i propri beniamini. E, ovviamente, è stata una battaglia in campo. I bianconeri sono partiti fortissimo, mettendo in seria difficoltà i padroni di casa nelle prime battute di gara. Dopo due quarti di generale equilibrio, la svolta è arrivata nel secondo tempo, con l’allungo di Pesaro, guidato da un ineccepibile LaQuinton Ross, e l’abbassamento (per non dire azzeramento) delle percentuali da tre punti dei campani. Trovata la doppia cifra di vantaggio, i biancorossi si sono sempre tenuti a distanza di sicurezza, non senza qualche brivido, strappando il successo. Brutale, effettivamente, un dentro o fuori del genere, soprattutto tra due società storiche come la Vuelle e la Juve. Se da un lato Pesaro può godersi la (seconda) salvezza in extremis, a Caserta l’augurio di tornare ben presto nella serie che le compete. Aggiungiamo un piccolo appunto sull’arbitraggio della gara, diretta quasi magistralmente, a parte qualche lecita protesta, dal trio Lamonica-Di Francesco-Quarta. E, dato il clima del match, non appariva cosa scontata. La cronaca – Clima tesissimo nelle prime battute, con entrambe le formazioni che partono in quinta. Pesaro si fa valere sotto le plance, Caserta risponde dall’arco con un precisissimo Moore e il tabellone dice 13-9 dopo 4’ di gioco. Ciononostante, coach Paolini insiste con la difesa a zona, e Caserta punisce ancora dall’arco dei 6.75 con Antonutti, per il +6. Pesaro risale e torna ad un solo possesso di distacco, confezionando anche uno spettacolare alley-oop con un Judge caldissimo. La gara prosegue nell’equilibrio, tra parziali e contro-parziali: chiuso il terzo periodo sotto di 3, la Vuelle timbra 5 punti di fila, che valgono il vantaggio, ma non c’è un attimo di respiro e la Juve risale approfittando delle troppe forzature dei marchigiani. Non appena, però, la Consultinvest riesce a punire dall’arco, i biancorossi operano il sorpasso e con un ritrovato Crow arrivano alla pausa lunga avanti 46-43. Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa perdono qualche pallone di troppo, ma Caserta non riesce più a punire col tiro pesante e Pesaro imbecca il nuovo massimo vantaggio (52-47 alla metà del terzo periodo). La Pasta Reggia appare sulle gambe, Ross si inventa la tripla del +8, Lorant bissa ed è +11 a 4’ dal termine del terzo periodo. Si infiamma l’Adriatic Arena, coach Esposito chiama timeout ma i bianconeri sembrano essere usciti dalla gara. Pesaro allunga sino al +16, i campani rispondono solo con una tripla allo scadere del quarto di Domercant, che mantiene il tutto ancora in discussione. Al rientro sul parquet per gli ultimi e decisivi 10 minuti di gioco, la Consultinvest non molla la gara. Caserta non ha la minima intenzione di alzare bandiera bianca, ma la Vuelle, spinta da un Ross che non si vedeva da settimane, si conferma oltre la doppia cifra di distacco. A 5’ dalla fine, il parziale di 74-61 mette i pesaresi ad un passo dal traguardo, con la formazione campana ormai sulle gambe. Con un ultimo scatto d’orgoglio, Caserta ripiomba sul -9, facendo tesoro di una palla buttata da Musso. Ma il cronometro sorride agli uomini di Paolini, avanti 78-68 a 2’ dalla sirena. Alla stoppata di Ross su Domercant a 40’’ dalla fine sul +10, si chiudono definitivamente le speranze bianconere di rimanere nella massima serie. Finisce 80-70, con tanto di scontata invasione di campo conclusiva. Ma, indubbiamente, tra gli immancabili sfottò tra tifoserie e il clima, come da copione, tesissimo, ha vinto la pallacanestro.

Invasione di campo da parte dei tifosi. Pesaro resta in A.
  SALA STAMPA Esposito: “Pesaro è riuscita a metterci in difficoltà fisicamente e tecnicamente. Abbiamo giocato la pallacanestro che volevano nei primi due quarti, ma siamo poi crollati. Hanno influito sicuramente i falli, con Domercant e Scott usciti dalla partita proprio per questo motivo. Subito qualche parziale importante, la Consultinvest ha messo la freccia e non siamo più riusciti a recuperare. Un grazie va comunque ai miei ragazzi, che hanno lottato fino alla fine. E i complimenti a Pesaro, che ha preparato e giocato benissimo la partita. Paolini: Intendo ringraziare anzitutto la mia famiglia, che ha assistito alla gara, il mio staff e tutti i miei giocatori. Il merito è loro. Siamo riusciti a difendere benissimo per 30 minuti, dopo un primo quarto in cui abbiamo rimediato 30 punti. Era una partita che valeva una stagione, e siamo riusciti a portarla a casa. Decisivo Crow, reduce da un periodo non fantastico; ho sempre gran fiducia in tutti i giocatori, dal primo all’ultimo, e Nich l’ha dimostrato. Ora ce la godiamo. Che voto darei alla nostra stagione? Dieci: avevamo un obiettivo e l’abbiamo raggiunto. Non potevo chiedere di più. MVP Basketinside.com – LaQuinton Ross. CONSULTINVEST PESARO 80–70 PASTA REGGIA CASERTA Consultinvest Pesaro: Ross 28, Myles 4, Basile, Musso 6, Raspino, Wright 13, Judge 12, Crow 6, Tortù n.e., Lorant 12. Pasta Reggia Caserta: Mordente 4, Domercant 4, Antonutti 5, De Franciscis n.e., Vitali 5, Tommasini 3, Michelori 3, Fabbri n.e., Moore 19, Tessitori n.e., Scott 10, Ivanov 17.

Fotogallery a cura di Danilo Billi – Alida Filauro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy