F G1 – Al Taliercio è un tripudio bianconero, Trento espugna Venezia

F G1 – Al Taliercio è un tripudio bianconero, Trento espugna Venezia

Pazzesca primo tempo degli uomini di coach Buscaglia, la Reyer limita i danni solo nel finale

Commenta per primo!

Mestre (VE) – La Dolomiti Energia Trentino espugna il Palasport Taliercio e si aggiudica con pieno merito il primo atto della Finale Scudetto. Gli uomini di Buscaglia si sono imposti 74-83, al termine di una partita che li ha visti comandare sin dalle prime battute di gioco e magistralmente condotta per tutto l’arco del match, raggiungendo anche un massimo vantaggio di 25 lunghezze (39-64 al 27′). Mvp Shields per aver bloccato sul nascere l’unico tentativo degno di rimonta, ma la prestazione eccellente di Trento comprende tutti i giocatori scesi in campo: una grande prova di forza in vista delle prossime gare. In casa Reyer, una sconfitta dovuta ad un approccio mentale pessimo e a percentuali scadenti al tiro. A nulla é servito il predominio a rimbalzo degli orogranata (VE 46-32 TN) che hanno subito oltremisura le difese e le trappole preparate da coach Buscaglia. Top scorer della partita Peric (19 punti).

CRONACA

1° TEMPO: Impatto migliore per l’Aquila che sull’asse Gomes-Sutton si porta sul 6-11 al 4′. Batista fa valere il suo peso, ma la Reyer fatica a trovare soluzioni dall’arco e cosí Trento con due liberi di Forray tocca il +9 (13-22 all’8′). Alcuni errori dalla lunetta di entrambe le squadre mantengono pressochè invariate le distanze (16-24 al 10′). Non cambia la musica nella seconda frazione. Trento continua a macinare una difesa asfissiante che costringe a banali palle perse Venezia: la tripla di Shields lancia i suoi sul +14 (25-39 al 17′). Nemmeno l’uscita per 3 falli di Gomes placa la spinta bianconera: Sutton é inarrestabile a campo aperto, l’Aquila vola sul +20 (27-47 al 19′). Una bomba di Peric ricuce lievemente il gap: si torna negli spogliatoi sul 30-47.

2° TEMPO: Si torna sul parquet e Venezia é costretta a rinunciare per infortunio a Stone e Batista. Hogue continua a fare la voce grossa in area, mentre Gomes non perdona in transizione (37-58 al 26′). Flaccadori e Forray trascinano gli ospiti addirittura sul +25 (39-64). Un mini-break targato Haynes-Tonut consente a Venezia di tornare sotto le venti lunghezze di distacco (46-64 al 28′). La Reyer timbra anche il -14 (50-64), ma l’Aquila é brava a sfruttare alcune disattenzioni e punisce con Gomez e Craft (50-68 al 30′). Torna in campo Batista e l’Umana cambia volto: Peric é on fire, Bramos infila la tripla del -10 (64-74 al 36′). Nel momento di massima difficoltà culminato con il 5^ fallo di Craft, Trento trova in Shields l’uomo della svolta: 6 punti consecutivi della guardia-ala statunitense mettono la parola “fine” alla partita (67-80 al 38′). Venezia lotta fino all’ultimo ma riesce solamente a limare lievemente il gap negli ultimi 120″, approfittando dell’inevitabile calo di tensione della Dolomiti Energia: termina 74-83.

MVP Basketinside: Shields

UMANA REYER VENEZIA – DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 74-83 (16-24, 30-47, 50-68)

Umana Reyer Venezia: Haynes 13, Ejim 8, Peric 19, Stone, Bramos 9, Tonut 9, Visconti ne, Filloy 2, Ress, Batista 7, Viggiano 2, McGee 5. All. De Raffaele.

Dolomiti Energia Trentino: Sutton 16, Craft 5, Forray 7, Conti ne, Flaccadori 6, Lovisotto ne, Gomes 15, Hogue 14, Lechthaler 2, Shields 18. All. Buscaglia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy