F G3 – Un’Aquila senza fiato cede il passo alla Reyer

F G3 – Un’Aquila senza fiato cede il passo alla Reyer

I bianconeri troppo corti nelle rotazioni soccombono nel quarto periodo ad una cinica Venezia

Commenta per primo!

Partita tesa ma divertente fino alla prima metà di gara. Come ci si poteva aspettare Trento ha cercato fin dalle prime battute di allungare sfruttando l’inerzia del fattore campo ma dal canto suo la Reyer è stata altrettanto caparbia a mantenere la scia dei bianconeri. Nella seconda metà di gara si è visto esattamente l’opposto. Una Reyer cinica allunga sul finale grazie ad un’ottima prova di Stone e di Ortner. La serie ora è sul 2-1 per i veneti. I ragazzi di coach Buscaglia avranno la possibilità di cercare il pareggio nella serie fra due giorni tra le mura amiche del Palatrento

TRENTO: Craft, Flaccadori, Gomes, Shields, Hogue.

VENEZIA: Haynes, Peric, Ortner, Bramos, Tonut.

PRIMO QUARTO: Apre le marcature per la Reyer il numero 16 Ortner a cui risponde Shields (2-4). Gomes entra subito di prepotenza nel match, rifilando due stoppate di fila a Venezia (4-4). Gomes ancora una volta con il rimbalzo difensivo e il contropiede in solitaria che firma il momentaneo pareggio (6-6). Ancora una volta ottima difesa di Gomes e sta volta è Shields a punire da tre punti (11-8). Esce bene dal time out Venezia con la bomba di Haynes che riporta il match in parità (11-11). La Reyer allunga con Stone, trovando il primo break del match (11-15). Ingenuità della Dolomiti Energia, fallo su Ress che va mandato in lunetta per tre liberi dagli arbitri (11-18) Altri due punti, questa volta per Viggiano che porta i suoi avanti di nove lunghezze (11-20). A 40 secondi dalla fine del quarto l’aquila ritorna a segnare grazie al suo capitano (13-20). Sulla sirena è Shields a mettere l’ultima parola prima dell’interruzione, 2 punti e trento che si trova a sole cinque lunghezze da recuperare (15-20).

SECONDO QUARTO: Neanche il tempo di ricominciare che Flaccadori fa saltare il Palatrento con una bomba dall’angolo micidiale (18-20). Guidata dal suo pubblico la squadra di Buscaglia si esalta e mette a referto un’altra tripla, questa volta con Forray (22-20). Ancora Craft, ancora Trento, ancora 2 punti (24-20). McGee ruba la palla da sotto il naso a Hogue e si invola a canestro schiacciando (24-22). Sono i bianconeri questa volta ad avere l’inerzia del gioco. In 24 secondi gli ospiti non riescono a costruire nulla, Trento invece si. Gomes sotto canestro si esalta a padroni di casa avanti 32-25. Arriva anche il +10 a poco più di tre minuti da giocare alla pausa (35-25). I veneti riescono a trovare un buon break complici un’ingenuità difensiva di Forray ed una schiacciata stupenda di Peric a difesa schierata (35-29). Forray nettamente l’mvp del quarto si esalta nuovamente con un piazzato in campo aperto da dietro i 6.75 (38-30). Filloy tiene in gara i suoi andando a segno con la conclusione della disperazione da dietro la metà campo (38-33).

TERZO QUARTO: Craft e Bramos aprono le marcature di questo secondo tempo per entrambe le corrispettive compagini (40-35). Ortner ne realizza altri due a cui risponde immeditamente Gomes (43-40). Partita estremamente bella in attacco. Difensivamente invece entrambe le squadre sembrano pagare la stanchezza. Fallo antisportivo di Ortner, in lunetta va Hogue che fa 1 su 2 (46-43). Movimento impressionante sotto canestro di Hogue che manda letteralmente al bar Ortner e realizza. Dall’altra parte è Stone a dare ossigeno ai suoi con una bellissima tripla dall’angolo (48-46). Stone penetra brutalmente schiacciando e regala ai suoi il vantaggio (48-50). Sono ancora gli ospiti a trovare la via del canestro con McGee, che penetra indisturbato appoggiando al tabellone (48-52). La Dolomiti Energia non riesce a trovare più la via del canestro, lo fa invece Venezia ai liberi con Peric (48-54). Si sblocca l’Aquila con Craft da rimessa (50-54). Tutto da solo, Forray sfida Ejim, canestro con fallo e punteggio che recita 53-54. Il quarto si conclude sul punteggio di 53-56 per gli ospiti.

QUARTO QUARTO: Squadre nuovamente in campo per l’ultimo quarto di una partita intensissima dentro e fuori dal campo, con i tifosi veneti purtroppo complici di atti veramente poco nobili. Subito avanti i bianconeri con un uno due di Craft da vero leader (57-56). Bramos tutto solo straccia al retina, +4 Venezia e padroni di casa nuovamente ad inseguire (59-63). Ortner allunga addirittura a + 7 conquistando rimbalzo in attacco e andando ad appoggiare un canestro davvero facile (60-67). Palla in mano all’Umana che spreca. Va in lunetta Hogue per Trento. L’americano non realizza neanche un libero e bianconeri sempre sotto di 7. Stone firma il +10 Reyer mettendo una seria ipoteca sulla partita (60-70). Senza più energie e la Dolomiti Energia si arrende ad un’ottima Venezia per 67-73.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – UMANA REYER VENEZIA: 67-73

Parziali: 15-20, 23-13, 15-23, 14-17

Trento: Craft 14, Sutton 0, Baldi Rossi 0, Moraschini 0, Bernardi 0, Forray 14, Flaccadori 7, Gomes 13, Hogue 7, Lovisotto 0, Lechthaler 0, Shields 12, All. Buscaglia.

Venezia: Haynes 14, Ejim 7, Peric 8, Stone 13, Bramos 5, Tonut 0, Visconti 0, Filloy 5, Ress 3, Batista 0, Ortner 10, Viggiano 2, McGee 6, All. De Raffaele.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy