F G6: La Dinamo non muore mai! Reggio domata in 3 overtime, si va a gara-7

F G6: La Dinamo non muore mai! Reggio domata in 3 overtime, si va a gara-7

Commenta per primo!

Reggio Emilia era lì, ad un passo dallo Scudetto, ma la Dinamo non ne vuole sapere di morire! Dopo 3 overtime, il Banco piega la Grissin Bon rimandando il verdetto a gara-7. Per ben due volte, la palla dello Scudetto è stata nelle mani di Cinciarini, ma in entrambe le occasioni il play biancorosso ha fallito il colpo del ko, dando a Dyson e Logan la possibilità di prendersi gara-6 al terzo supplementare con una pioggia di triple e concretezza sotto canestro che erano mancate nel resto del match. Finisce 115-108 con la disputa che avrà un epilogo finale fra due giorni al PalaBigi.

1° QUARTO: Dopo un minuto e mezzo contraddistinto da errori da ambe le parti ecco che si accende Sassari con Dyson e Sanders che mettono a segno il primo parziale in favore dei padroni di casa, Reggio risponde alla grande con Chikoko e Kaukenas che ribaltano in un Amen il primo vantaggio sardo (4-6). La partita, come d’altronte tutte le altre 5 gare, è bellissima e combattuta su ogni pallone: Kadji risponde, Polonara e un immortale Kaukenas tengono avanti la Grissin Bon (9-10), ma la seconda parte di tempo ha come protagonista Lawal e Sanders che rilanciano la Dinamo sul 17-13. Nel finale Reggio si riavvicina con la bomba di Polonara e i punti di Cinciarini, ma Sassari riesce tenersi avanti chiudendo il tempo sul 24-20.

2° QUARTO: Pronti via e Brooks trova subito un gioco da 3 punti che vale il massimo vantaggio sassarese, Reggio non molla e con Cervi e Silins ritrova la via del canestro ritornando prepotentemente sotto (27-24). La partita si gioca punto a punto, ma quando si accende Della Valle c’è poco da fare, ben tre bombe per lui con la difesa sarda che resta guardare. Reggio mantiene meritatamente il vantaggio giocando come al solito con una zona che fa male all’attacco sassarese portandosi sul 33-38 anche grazie all’apporto di Pini implacabile con 8 punti dall’area. Nel finale Sassari si ricompatta e chiude il tempo in parità grazie a Sanders e Lawal che permettono ai sardi di chiudere in parità, 43-43, il secondo periodo nonostante un 0/10 da 3 che pesa (2/35 il totale delle ultime due gare).

3° QUARTO: Parte alla grande Sassari, dopo il risposo lungo, impattando con Dyson e Lawal i canestri del nuovo +5, Reggio risponde con la difesa e un grande attacco orchestrato da Kaukenas che fa quello che vuole in mezzo all’area riportando agevolmente i suoi sul nuovo +1 (53-54). Sacchetti è costretto al timeout e al rientro sul parquet Logan trova una bomba vitale per Sassari, ma il finale è punto a punto con Lawal e Silins che chiudono il tempo sul 63-64.

4° QUARTO: Silins apre l’ultimo periodo con una tripla, Logan risponde, Della Valle e un sontuoso Lawal tengono le due squadre a stretto contatto (70-69). Sassari difende alla grande, ma Reggio è strepitosa con Cinciarini che riporta avanti i suoi (72-74). Il finale è come al solito al cardiopalma: Dyson prova a chiuderla con una schiacciata, ma Polonara pareggia nel finale. Sarà overtime con il risultato fissato sul 78 pari.

1° Overtime: Nel primo overtime Reggio alza la voce e si porta subito avanti con Della Valle che da 3 fa esplodere lo spicchio dedicato ai tifosi reggiani, Sassari si rifà sotto con Brooks, ma nei secondi finali succede di tutto: la Grissin Bon accarezza lo scudetto grazie alla bomba di Polonara e al contropiede di Kaukenas che a 47′ dalla fine portano Reggio sul +5. Logan prova il tiro della disperazione mettendo a segno una bomba di tabella che vale il -2, Dyson fa il resto pareggiando a pochi secondi dalla fine. Cinciarini avrebbe la palla dello scudetto ma la sciupa.

2° Overtime Nel secondo overtime l’inerzia iniziale è tutta di marca sarda con Brooks, Sanders e Logan che piazzano un parziale di 5-0, Reggio non molla un centimetro nonostante Silins sia costretto ad uscire per una botta al ginocchio. Kaukenas prima e un antisportivo fischiato a Lawal aprono la strada alla rimonta emiliana che torna a contatto grazie ad un sontuoso Della Valle (97-96). Nel finale si ripete il copione del primo overtime con Drake Diener e Devecchi che sbagliano il tiro della vittoria. Finisce 98-98.

3° Overtime: Nel terzo overtime Reggio non ne ha più mentre Sassari ritrova quel feeling con i canestri da 6,75 che era mancato in queste due gare: Logan e Dyson due volte castigano la difesa emiliana lanciando Sassari sul 107-102. La Grissin Bon si infrange contro la difesa sarda e viene castigata ancora una volta da un mai domo Dyson che mette a segno un canestro in stepback che manda in visibilio Sassari che vola sul +7. Nel finale c’è spazio anche per Logan e Sosa che chiudono il match rimandando il discorso scudetto a gara 7. Finisce 115-10.

Dinamo Banco di Sardegna Sassari:

Logan 23, Sosa 6, Formenti 0, Sanders 18, Devecchi 0, Lawal 25, Chessa n.e., Dyson 26, Sacchetti 0, Vanuzzo 0, Brooks 11, Kadji 6.

Coach Romeo Sacchetti

Grissin Bon Reggio Emilia:

Chikoko 4, Polonara 10, Della Valle 25, Pechacek 2, Pini 8, Kaukenas 20, Diener , Cervi 12, Silins 7, Stefanini 0, Rovatti 2, Cinciarini 12.

Coach Massimiliano Menetti

BANCO DI SARDEGNA SASSARI – GRISSIN BON REGGIO EMILIA 115-108 dts

Fotogallery a cura di Claudio Atzori

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy